ultime dallitalia h 75   ultime dal mondo h 75   extreme weather h75

    analisi-modelli h 75  Scienze-h-75  Terremoti-h-75

Back Sei qui: Homepage Clima Dibattito sul Clima Gli scienziati "dissidenti " dicono... Cicli climatici e la loro estrapolazione alternativa al Futuro visto dai Modelli IPCC

Gli scienziati "dissidenti " dicono...

Cicli climatici e la loro estrapolazione alternativa al Futuro visto dai Modelli IPCC

banner-all-articles-top-defin-02-720x81-px

In questa analisi cercheremo di vedere come potrebbe essere lo sviluppo della temperatura nei prossimi 700 anni.

1 Cicli climatici IPCCCome da ricostruzioni dello sviluppo del clima in passato da dati proxy, ci sono una serie di cicli di temperatura che sembrano essere sconosciuti, o ignorati da molti scienziati del clima.

Tra questi i più grandi cicli climatici da 150 a 180 milioni anni, ma anche più brevi e per noi più importanti.

*1000 anni (900-1100) Ciclo Suess con +/- 0,65 ° C
*230 anni (230-250) Ciclo deVries con +/- 0,30 ° C
*65 anni (60-65) Cicli Oceanici con +/- 0,25 ° C

In linea di massima questi cicli sono sinusoidali nel comportamento, come mostrato in Figura 1. Bob Tisdale ha dimostrato come l'aumento della temperatura del ciclo di 65 anni, che va dal 1975 al 1998, sul presupposto che questo era dovuto al parallelo aumento delle emissioni di CO2, è stato incautamente esteso fino al 2100, e costituisce la base per i modelli climatici e l'invenzione della cosiddetta "catastrofe climatica".

2 Cicli climatici IPCC

Figura 1: caratteristica sinusoidale del ciclo oceanico di 60/65 anni (Fonte: Bob Tisdale e WUWT).

In questa analisi cercheremo di vedere come potrebbe essere lo sviluppo della temperatura nei prossimi 700 anni, assumendo, naturalmente, che i cicli climatici citati del passato continueranno nel futuro. Questo non dove essere intesa come una previsione per il clima futuro. Fino ad ora c'è solo l'IPCC a prevedere che la temperatura globale aumenterà da 2 fino a 5 ° C entro il 2100, e solo sulla base del previsto aumento di CO2. Tuttavia, la teoria non ha funzionato negli ultimi 18 anni, perché i vari fattori climatici naturali e dei cicli non è stata adeguatamente presa in considerazione, o non considerata nelle ricerche che poi L'IPCC usa per estrapolare modelli climatici. Incluso tra questi fattori sono la copertura nuvolosa media (albedo) e il conseguente irraggiamento solare (watt per mq) presso la superficie della terra, o la superficie del mare, che è determinante per lo sviluppo della temperatura.

3 Cicli climatici IPCC

La figura 2 illustra il Ciclo di 1.000 anni e quello di 230 anni, che sono stati ricostruiti dai dati proxy storici. Essi derivano da una combinazione di risultati di varie pubblicazioni nel campo della paleoclimatologia negli ultimi anni. Il diagramma degli ultimi 3.200 anni mostra distintamente un ciclo di 1.000 anni, con gli ultimi 2.000 confermati da documenti storici. In realtà questo ciclo risale tutta la strada fino alla fine dell'ultima Era Glaciale, cioè circa 9.000 anni. La ragione dell'esistenza di questo ciclo è ancora oggi sconosciuta, ma la sua esistenza è indiscussa.

L'attuale periodo caldo non è "prodotto di origine antropica", ma è il risultato naturale di un ciclo ripetitivo di 1000 anni che risale lontano nel passato. Il periodo di riscaldamento di oggi non raggiunge le temperature viste nei periodi caldi del passato, che a volte erano da 1 a 2 ° C superiori. Inoltre è importante notare che, durante entrambi i massimi di temperatura storica di 1.000 e 2.000 anni fa, i valori di CO2 erano a 280 ppm mentre oggi sono a 400 ppm. Ciò indica che i periodi più caldi precedenti sono probabilmente collegati ad attività solare naturale e non ad un aumento delle emissioni di CO2, perché non c'era aumento di CO2 durante quelle fasi calde.

Di importanza storica è il fatto che, nel corso della storia umana, i periodi caldi sono sempre stati periodi di prosperità economica e culturale. I periodi più freddi hanno sempre portato a gravi problemi che hanno portato alla fame ed enormi ondate di migrazioni umane in Europa.

Il ciclo "ideale" di 1000 anni è variato dal ciclo di 230 anni, che a sua volta viene variato dal ciclo oceanico di 65 anni, che è raffigurato in Figura 1. Aggiunto a questi cicli ci sono i vari eventi in genere non ciclici quali l'ENSO, le eruzioni vulcaniche, impatti astronomici, e altro: La figura 3 mostra la curva di temperatura per gli ultimi 165 anni insieme con il ciclo di 230 anni, e l'effetto del ciclo Oceanico di 65 anni. I valori di temperatura attuali oscillano da più / meno 0,2 ° C a causa degli effetti di ENSO, attività delle macchie solari, eruzioni vulcaniche, e altro.

4 Cicli climatici IPCC

L'aumento di temperatura di 0,6 ° C durante il periodo 1975-1998, che ha innescato tutta l'isteria climatica attuale, è stato dello stesso ordine di grandezza del precedente aumento che si è verificato nel periodo 1910-1940, che a sua volta non aveva niente a che fare con la CO2 perché allora la concentrazione in atmosfera era aumentata di soli circa 10 ppm (297-308 ppm). Anche l'aumento della temperatura di 1,5 ° C negli ultimi 150-250 anni non è niente al di "fuori dall'ordinario" o "pericoloso", come ci viene spesso detto dai media. Invece è solo il recupero naturale dalla Piccola Era Glaciale (LIA) che il pianeta aveva sperimentato dal 1400 al 1750. La LIA non solo ha portato il congelamento del mar Baltico e del Tamigi, ma ha provocato una grave carestia in Europa, che ha causato una migrazione di massa in America.

I dati dimostrano anche che tutti e tre i cicli climatici hanno raggiunto il loro massimo poco dopo la fine dell'ultimo millennio. Con questo in mente, abbiamo effettivamente dovuto aspettare temperature ancora superiori a quelle osservate in precedenti periodi caldi. Forse qui gioca il fatto che la temperatura globale ha visto un andamento complessivamente negativo, in quanto il Massimo Olocenico gioca un ruolo importante. Ciò significa che la temperatura globale è diminuita di 2 ° C negli ultimi 8000 anni.

Su base storica climatica, infatti, è possibile estendere il trend nel futuro per formare un possibile scenario climatico. In figura 4 si descrive l'estrapolazione del ciclo di 1000 anni e 230 anni insieme con la tendenza generale prevista. A questo si aggiungono le oscillazioni dei cicli oceanici di 65 anni, gli impatti degli eventi ENSO, i cicli delle macchie solari e le eruzioni vulcaniche, che si traducono in ulteriori oscillazioni di pochi decimi di grado, proprio come hanno fatto in passato.

5 Cicli climatici IPCC

La figura 4 mostra lo sviluppo reale della temperatura globale degli ultimi 1.000 anni e la sua prosecuzione teorica nei prossimi 700 anni. Questa non è una previsione, ma piuttosto è il possibile corso della tendenza su tutte le temperature che, nel medio termine e nei prossimi da 100 a 350 anni, potrebbero vedere un calo esteso da circa 0.3 ° C a 2 ° C della temperatura globale, il che significherebbe condizioni come quelle viste nella Piccola Età Glaciale dal 1450 al 1700. In circa 1.000 anni il ciclo stesso sarà di nuovo nella sua fase calda, e le temperature riprenderanno a salire come quelle che sperimentiamo al giorno d'oggi.

IPCC: e l'ECS e TCR ?

A causa dell'inerzia termica degli oceani, il sistema climatico globale risponde in linea di principio molto lentamente alle variazioni di forzatura radiativa. Pertanto, si distingue tra la sensibilità climatica all'equilibrio (ECS) e la Risposta Climatica Transitoria (TCR). La ECS descrive l'aumento di temperatura che si osserva dopo che il sistema climatico ha raggiunto il nuovo stato di equilibrio dopo una variazione di forzatura radiativa, per il quale sono necessari migliaia di anni. Per quantificare l'impatto degli esseri umani sul clima il TCR è la risposta più adatta, definito come aumento di temperatura e della concentrazione raddoppiata di CO2 che si osserva in uno scenario.

6 Cicli climatici IPCC

In figura 5 la Sensibilità Climatica secondo Lewis & Curry (2014), e da altri parametri di riferimento derivati ​​dalla letteratura scientifica, e secondo l'IPCC. Fonte: Audit Climate.

Solo negli ultimi anni è diventato possibile fare buone stime empiriche della sensibilità climatica da dati osservativi, quali record di calore di temperatura e oceanici. Queste stime, pubblicate sulle principali riviste scientifiche, adottano una sensibilità climatica raddoppiata, più probabile essere sotto i 2° C per il riscaldamento a lungo termine, e 1.5° C su un periodo di 70 anni. Questo suggerisce fortemente che di fatto i modelli climatici mostrano troppa sensibilità per l'anidride carbonica e le sue concentrazioni, e in quasi tutti i casi esagerano le percentuali del riscaldamento globale. Buone stime empiriche sul riscaldamento a lungo termine e nel corso di un periodo di 70 anni, ora implicano diverse aspettative di riscaldamento futuro di quanto non facciano i modelli climatici, circa dal 40% al 50% inferiore nel periodo 2081-2100. Questa è quasi certamente la più importante scoperta della scienza del clima in questi ultimi anni, in particolare dal momento che ci sono buone ragioni per dubitare della affidabilità delle previsioni dei modelli climatici.

In figura 6 una buona panoramica grafica di 14 importanti opere degli ultimi quattro anni, Raccolta da WUWT:

7 Cicli climatici IPCC

Tuttavia, nella sua relazione l'IPCC allude a questo problema solo in modo obliquo: Invece di ridurre la sua miglior stima della sensibilità climatica, alla luce delle nuove stime empiriche, ha semplicemente ridotto il limite inferiore del range di incertezza e omesso di dare una migliore stima, spiegando il motivo per cui era stato "necessario farlo". Solo nel rapporto finale, pubblicato nel gennaio 2014, c'è stato un comma aggiuntivo nel riassunto tecnico per dare "un po' più di spiegazioni". Le nuove informazioni sulla sensibilità del clima suggeriscono, di fatto, che anche con emissioni relativamente alte il limite di due gradi per il riscaldamento globale rischia di essere raggiunto "solo verso la fine del secolo".

In linea di principio, questo significa nient'altro che ECS e TCR potrebbero essere molto più vicine di quanto previsto. Dopo 10 anni, potrebbe essere raggiunto il pieno effetto del calore, il risultato della modellazione. La realtà è purtroppo diversa: Negli ultimi 16 anni la temperatura globale rimane a un valore stagnante, anche se il contenuto di CO2 è aumentato ulteriormente allo stesso tempo. Dopo ben più di 10,1 anni, la CO2 apparentemente ancora non è riuscita a sviluppare il forte effetto di riscaldamento che gli è stato attribuito. La CO2 potrebbe non essere così impattante sul clima come previsto? O la variabilità naturale è molto più forte di quanto suggerito dall'IPCC?

1 Cicli climatici IPCC

Il fatto è che probabilmente la presunta reazione rapida in atmosfera della CO2 è ancora dominata interamente da processi naturali. E da questa "simulazione" che abbiamo provato a produrre in questo articolo, nei prossimi 50 anni non ci sarebbe aumento di temperatura, ma piuttosto sarebbe prevista una leggera diminuzione.

Si ringrazia il Dr. Dietrich E. Koelle

Seguite i nostri aggiornamenti nei settori Clima e Scienza del sito.

Paolo Lui mpi end

Meteo Portale Italia © Riproduzione riservata

Homepage   Chi siamo   Info-Contatti-Archivio   Lavora con noi   Privacy e Cookies   Note legali

Seguici anche su

facebook-logo ter Twitter-icon-60-pz google-plus-logo 3 linkedin 60 px  youtube 60px rss icon 60x60

Logo-MPI-fine-articolo-JPG

Meteo Portale Italia - MALU s.r.l. - C.F. e P.IVA 08683291002

Copyright © 2011-2015 Meteo Portale Italia. Tutti i diritti riservati.


Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Webcam multi tipo

citta

traffico

montagne

italia-montagne

italia-montagne2

spiagge

cielo

animali

luoghi-tipici

radio-e-tv

scientifiche

sport-e-eventi

laghi fiumi parchi

video-da-webcam