ultime dallitalia h 75   ultime dal mondo h 75   extreme weather h75

    analisi-modelli h 75  Scienze-h-75  Terremoti-h-75

Back Sei qui: Homepage Scienze Scienze Oceanologia Decodificare il Meccanismo di Fluttuazioni climatiche a lungo termine in Atlantico

Oceanologia

Decodificare il Meccanismo di Fluttuazioni climatiche a lungo termine in Atlantico

banner-all-articles-top-defin-02-720x81-px

"In particolare, per la variabilità climatica nel lungo termine nel settore Atlantico, la circolazione della Corrente del Golfo è di vitale importanza..."

1 02 agosto 2013 geomarPerché l'attività degli uragani varia da decennio a decennio? O le precipitazioni nella regione del Sahel? E perché i cambiamenti transatlantici sono spesso in sincronia?

Un team di ricerca tedesco-russo ha indagato sul ruolo dello scambio di calore tra oceano e atmosfera nella variabilità climatica a lungo termine in Atlantico. Gli scienziati hanno analizzato misure meteorologiche e le temperature della superficie del mare nel corso degli ultimi 130 anni.

Si è constatato che l'oceano influenza in modo significativo le fluttuazioni climatiche a lungo termine, mentre l'atmosfera apparentemente caotica è principalmente responsabile per quelle a più breve termine, i cambiamenti annuali.

Nella foto sopra la Serie temporale della temperatura superficiale del mare (blu) e il flusso di calore (rosso) nel Nord Atlantico dal 1880-2010 Credito: C. Kersten, GEOMAR

Lo studio compare nel numero corrente della rivista Nature, e fornisce importanti informazioni sulla prevedibilità delle fluttuazioni climatiche a lungo termine.

Come fanno l'oceano e l'atmosfera a comunicare? Quali informazioni si scambiano, e quali sono i risultati? Queste sono le domande che gli scienziati del clima devono chiedersi, soprattutto se vogliono capire la causa delle fluttuazioni climatiche naturali di diversa durata. Queste fluttuazioni si sovrappongono alla generale tendenza del riscaldamento globale a partire dall'inizio dell'industrializzazione e quindi complicano la determinazione accurata dell'influenza umana sul clima. Le cause dei meccanismi di variabilità naturale del clima, tuttavia, sono poco conosciute. Uno studio condotto da scienziati del Centro Helmholtz GEOMAR del Kiel Ocean Research, mostra che le correnti oceaniche influenzano lo scambio di calore tra oceano e atmosfera e quindi sono in grado di spiegare la variabilità del clima su scale temporali decennali.

La presunzione di tale potenziale prevedibilità è stato studiata per più di mezzo secolo. Nel 1964, il ricercatore climatico norvegese Jacob Bjerknes, ha postulato diverse cause di variabilità del clima su diverse scale temporali. Mentre l'atmosfera è principalmente causa delle variazioni climatiche su scale temporali più brevi, da mesi o anni, le fluttuazioni a lungo termine, come quelle su scale temporali decennali, sono determinate principalmente dal mare. La prima parte di questa ipotesi è stata ben studiato ormai, ma la seconda parte necessita ancora di qualche verifica. "In questo studio, possiamo utilizzare una nuova analisi su misurazioni prese dalla fine del 19 ° secolo, per verificare la seconda parte dell'ipotesi di Bjerknes", dice il Prof. Mojib Latif del GEOMAR, co-autore dello studio . "In particolare, per la variabilità climatica nel lungo termine nel settore Atlantico, la circolazione della Corrente del Golfo è di vitale importanza", ha detto Latif.

Nel grafico seguente è raffigurata la Regione del Nord Atlantico, area blu scuro, che è stata utilizzato per i dati di temperatura, zona rossa, e per il flusso di calore.Credito: C. Kersten, GEOMAR.

2 02 agosto 2013 geomar

Le Correnti oceaniche influenzano la temperatura superficiale degli oceani e quindi lo scambio di calore con l'atmosfera, eventualmente causando variazioni climatiche sui continenti adiacenti. La più evidente è una oscillazione con un periodo di 60 anni. "Tali fluttuazioni climatiche decadali si sovrappongono alla tendenza al riscaldamento generale, in modo che a volte sembra come se la tendenza al riscaldamento sia rallentata o anche bloccata, per poi, scendere.

3 02 agosto 2013 geomar

Dopo pochi decenni, si accelera ancora una volta", spiega il Prof. Latif. "E 'importante per noi capire questi cicli naturali, in modo da poter finalmente fornire migliori previsioni climatiche". Uno dei problemi principali, come spiega Latif, è che ci sono solo pochissime misure oceaniche nel lungo termine, complicando così l'analisi e l'interpretazione dei segnali del cambiamento climatico. Pertanto, gli scienziati stanno usando metodi statistici sempre più raffinati per estrarre sempre più informazioni dai set di dati disponibili.

Fonte: Centro Helmholtz per la Ocean Research Kiel (GEOMAR)

Paolo Lui

Meteo Portale Italia © Riproduzione riservata

Homepage   Chi siamo   Info-Contatti-Archivio   Lavora con noi   Privacy e Cookies   Note legali

Seguici anche su

facebook-logo ter Twitter-icon-60-pz google-plus-logo 3 linkedin 60 px  youtube 60px rss icon 60x60

Logo-MPI-fine-articolo-JPG

Meteo Portale Italia - MALU s.r.l. - C.F. e P.IVA 08683291002

Copyright © 2011-2015 Meteo Portale Italia. Tutti i diritti riservati.


Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Webcam multi tipo

citta

traffico

montagne

italia-montagne

italia-montagne2

spiagge

cielo

animali

luoghi-tipici

radio-e-tv

scientifiche

sport-e-eventi

laghi fiumi parchi

video-da-webcam