ultime dallitalia h 75   ultime dal mondo h 75   extreme weather h75

    analisi-modelli h 75  Scienze-h-75  Terremoti-h-75

Back Sei qui: Homepage Scienze Scienze Glaciologia Carote di ghiaccio Groenlandesi mostrano Grandi Oscillazioni Naturali dedotte in modo dettagliato

Glaciologia

Carote di ghiaccio Groenlandesi mostrano Grandi Oscillazioni Naturali dedotte in modo dettagliato

banner-all-articles-top-defin-02-720x81-px

Un nuovo nucleo di ghiaccio ad alta risoluzione in Groenlandia sorprende per le oscillazioni brusche del clima

1 Carote di ghiaccioGli autori discutono sulla direzione del vento e le tempeste che si sono verificate in anni specifici 12.000 anni fa. Usano elementi come sodio (dal sale marino) per capire quante tempeste hanno fatto "saltare" sale sul ghiaccio. Le Fette di sale (i campioni stratificati) sono così sottili, che si possono identificare in centinaia di campioni all'anno.

Il messaggio in questo studio è che il freddo periodo Dryas terminò bruscamente (entro un anno) portando a forti tempeste. Se i fattori naturali provocano il cambiamento climatico improvviso, abbiamo bisogno di sapere quali siano tali fattori naturali. L'ossessione della CO2 ostacola tale conoscenza. Anche se il riscaldamento porta a meno tempeste, probabilmente non è una cosa negativa: e meno tempeste verificate sul sito GISP, non ci dice se questo sia abbinato a meno tempeste che si sono verificate altrove. Potrebbe essere che la corrente a getto si sia spostata, trasferendo la traiettoria delle tempeste in un altro posto.

Guardate la trasformazione in questi grafici dai disturbi irregolari (temporali e tempeste (basse pressioni)) per i periodi di calma. Lo Younger Dryas (YD) è stato il periodo freddo che durò da 15.000 anni fa fino a circa 11.000 anni fa in Groenlandia. Sembra un cambiamento di fase, è così improvviso...

1 Carote di ghiaccio

Figura 1. Ricostruzione temporale dedotta dalle carote di ghiaccio GISP2. (A) calcio originale (ppb) e sodio (ppb) i dati tracciati come l'età (anni fa con AD 2000 come 0). (B) Dots segnano l'originale punto medio del campione con risoluzione di 10 cm. Il Rettangolo indica la posizione della sezione di ghiaccio discussa in questo articolo (profondità 1.677,575-1678.580 metri (11 643-11 675 GISP2 in BP))

Dall'introduzione dello studio preso in considerazione per questo articolo:

In questo studio (2-20 mm di risoluzione) i cambiamenti di calcio e sodio ci svelano la circolazione atmosferica che ha preceduto i cambiamenti negli accumuli di neve, seguiti da una variazione di temperatura con isotopi stabili dell'acqua. Un secondo esempio di vantaggio ricavato dal campionamento ad alta risoluzione è la dimostrazione, basata su continue tecniche di campionamento di fusione (risoluzione da 2,5-5.0-cm), che l'insorgenza dal punto di vista climatico dell'Olocene si è verificata in 1-3 anni, e che lo spostamento brusco della circolazione atmosferica in questa transizione ha preceduto una variazione della temperatura (Steffensen et al., 2008). In questo studio si usano carote di ghiaccio, che estendendono il concetto di campionamento su scala più fine del calcio e sodio con l'aggiunta di ferro, e si concentrano sul brusco cambiamento climatico precursore, un cambiamento nella circolazione atmosferica.

Questo studio è più interessante di altri per i dettagli, e perchè la transizione climatica sembra avvenire molto in fretta: Possiamo osservare. per esempio, da quale direzione i venti provenissero, passata la Groenlandia, nell'estate del 9651 aC, ma anche chiederci ciò che la vita sarebbe stata se le ere glaciali fossero state anche piene di tempeste molto forti. Come hanno fatto le persone ad affrontarle? Ecco alcuni dettagli, i numeri sul grafico sono in metri di profondità, non anni, ma questo si traduce apparentemente in 11,643-11,675 anni BP.

2 Carote di ghiaccio

Bassi livelli di sale e calcio significa che ci sono meno tempeste:

Il lavoro precedente dimostra che i picchi di calcio e sodio si verificano durante l'inverno /primavera, in linea con l'aumento delle tempeste atmosferiche e aumento del trasporto di polveri terrestri e sale marino in Groenlandia in quel momento storico (Whitlow et al., 1992). Pertanto, concentrazioni più basse di calcio e sodio sulla Groenlandia indicano meno periodi di tempesta, come previsto, durante l'estate. La Stratificazione annuale (rettangoli grigi delle Figure 2 e 3) è ben conservata, con fasi definite dai massimi stagionali di calcio, sodio e ferro.

Tutto si è verificato in un solo anno?

Un esame più attento della figura. 3 (b) mostra che la transizione YD / Olocene è definita alla profondità dei livelli di calcio, sodio e il declino di ferro marcato (1.678,18-1.678,19 metri). Questa gamma di profondità si estende su circa 1 anno e comprende un picco invernale / primaverile significativamente ridotto nei venti occidentali (calcio) rispetto ai precedenti 3 anni (1.678,19-1.678,22 metri). Durante i tre anni precedenti la transizione climatica, i valori di picco del vento da ovest aumentano progressivamente. Venti occidentali poi indeboliscono a valori olocenici (Fig. 3a) nella transizione. Intrusioni di tempeste marine (sodio) sono variabili nei 3 anni precedenti la transizione YD / Olocene nei quali i venti da ovest rafforzano, bloccando potenzialmente il trasporto di aria marina sulla Groenlandia.

Tuttavia, le intrusioni di masse d'aria marine è maggiore durante l'anno di transizione, suggerendo l'intensificazione della circolazione sulle aree marine stesse, e una maggiore vicinanza di aria marina alla Groenlandia quando l'estensione del ghiaccio marino è diminuito, e la forza del vento da ovest in declino. Incursioni di masse d'aria marine sono meno intense a seguito del passaggio nell'Olocene, come evidenziato dai picchi di concentrazione minori di sodio e periodi più lunghi di trasporto meno intenso (vicino a concentrazioni di sodio piatte) durante le lunghe stagioni estive che caratterizzano l'inizio dell'Olocene.

3 Carote di ghiaccio

Le concentrazioni di ferro scendono a inizio anno di transizione e l'inizio del trasporto del ferro nell'Olocene (1678.18 metri e minore profondità) dalla Groenlandia è caratterizzato da lunghi periodi di trasporto debole da fonti continentali. Riduzione di calcio di origine continentale e ferro e sodio di origine marina è coerente con la migrazione verso nord e indebolimento dei venti occidentali e easterlies accoppiati, connessi con il riscaldamento Olocenico quando il gradiente termico nord-sud si è indebolito.

ABSTRACT:http://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1002/jqs.2684/pdf

"I cambiamenti climatici improvvisi individuati in carote di ghiaccio della Groenlandia hanno trasformato la comprensione del sistema climatico. Anche se studiato principalmente nella ricostruzione temporale paleoclimatica, il cambiamento climatico indotto dal brusco aumento dei gas ad effetto serra rappresenta una grave minaccia per gli esseri umani e gli ecosistemi moderni. Vi presentiamo la prima vista ad alta risoluzione (centinaia di campioni all'anno) del brusco (entro 1 anno) dell'interglaciale attuale (caldo) clima recuperato dalla calotta della Groenlandia nel progetto Two (GISP2) di Archiviazione di carote di ghiaccio. Questo esordio improvviso si manifesta con una marcata riduzione della frequenza di eventi tempestosi e aumento della durata della stagione estiva intorno alla Groenlandia. Applichiamo questa metrica all'attuale rapido miglioramento climatico nella regione artica come precursore per i futuri eventi improvvisi nei cambiamenti climatici."

Fino a quando i nostri modelli potrebbero spiegare questi drammatici cambiamenti naturali? Perché dovremmo fingere che possano predire il clima ora, o prendere a parte i cambiamenti naturali o innaturali in un clima che è sempre in evoluzione...?

Paolo Lui mpi end

Meteo Portale Italia © Riproduzione riservata

Homepage   Chi siamo   Info-Contatti-Archivio   Lavora con noi   Privacy e Cookies   Note legali

Seguici anche su

facebook-logo ter Twitter-icon-60-pz google-plus-logo 3 linkedin 60 px  youtube 60px rss icon 60x60

Logo-MPI-fine-articolo-JPG

Meteo Portale Italia - MALU s.r.l. - C.F. e P.IVA 08683291002

Copyright © 2011-2015 Meteo Portale Italia. Tutti i diritti riservati.


Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Webcam multi tipo

citta

traffico

montagne

italia-montagne

italia-montagne2

spiagge

cielo

animali

luoghi-tipici

radio-e-tv

scientifiche

sport-e-eventi

laghi fiumi parchi

video-da-webcam