Back Sei qui: Homepage Scienze Scienze Geologia, Ecologia e critica ambientale La vita dei fondali marini distrutta dopo il terremoto Kaikoura. MAPPE

Geologia, Ecologia e critica ambientale

La vita dei fondali marini distrutta dopo il terremoto Kaikoura. MAPPE

banner-all-articles-top-defin-02-720x81-px

Il canyon è ora un deserto arido ma le condizioni oggettive per la vita rimangono intatte.


CanyonNel mese di novembre 2016, la Nuova Zelanda è stata scossa da una serie di forti terremoti.

Essi hanno innescato una serie di frane, alcune delle quali hanno versato fango e detriti in mare che hanno spazzato via tutti gli organismi viventi presenti nei fondali marini del Kaikoura Canyon.

Questo è quanto è stato riportato nelle relazioni del NIWA, il National Institute of Water and Atmospheric Research in New Zealand. Nuovi dati batimetrici hanno dimostrato che il terremoto ha provocato un grande evento franoso. Il Kaikoura Canyon è una trincea sottomarina a forma di U che si estende per 60 km nella regione nord-est dell'Isola del Sud della Nuova Zelanda ed era sede di uno dei più alti volumi di organismi viventi tra le più importanti al mondo.

Meno di tre mesi dopo il terremoto di novembre, di magnitudo 7.8, gli scienziati del NIWA hanno intrapreso due viaggi di ricerca verso il Kaikoura ed hanno scoperto che le colate di fango si sono verificate in cima con l'invio di fango e detriti nel canale centrale del canyon stesso. Mentre la sua struttura è rimasta intatta, le colate di fango hanno lasciato delle tracce nei fondali marini.

canyon 1

canyon 2

Il geologo marino Dr. Joshu Mountjoy ha guidato un team in un'indagine di una settimana nel mese di gennaio. Le mappe realizzate  rivelano le caratteristiche delle piste superiori del canyon con un maggiore dettaglio, con ampie valli e creste una volta pieni di fango ora completamente eliminate. Il dr. Mountjoy ha spiegato che la quantità di detriti scivolati attraverso il canyon è stata massiccia. Alcuni singoli smottamenti sono stati più di tre volte la dimensione delle frane che hanno danneggiato la strada a nord di Kaikoura.

L'analisi preliminare dei dati indica che la probabilità di uno tsunami dannoso innescato da frane nel canyon non è aumentata a causa del terremoto ed è inferiore di quanto si potesse pensare. Il suo progetto è stato seguito da un secondo sondaggio finanziato dal Ministero per le Industrie Primarie (MPI) e condotto dall'ecologo marino Dr. Dave Bowden che ha usato delle telecamere per rilevare il fondale marino ulteriormente nel braccio del canyon per vedere se ci fosse qualche ulteriore danno in questa rinomata hotspot di biodiversità che ha portato allo stato di riserva marina.

Dieci anni fa gli scienziati NIWA e Stati Uniti in una rilevazione nella stessa area avevano scoperto che il canyon era sede di uno dei più alti volumi di organismi viventi nel fango in di qualsiasi altra parte del mondo. "C'era una quantità straordinaria di vita nel fondo del canyon che riteniamo fosse una conseguenza della altissima produttività marina di tutta la regione. Abbiamo esaminato esattamente la stessa area che avevamo analizato nel 2006 e, mentre i pesci sono stati ancora trovati nella zona, questa volta non si è  registrata la prova di un unico organismo vivente nel fondo marino o nel corso di un tratto di quasi sei chilometri di fondali. Un evento catastrofico per l'ecologia del canyon. "

In precedenza il fondo marino era coperto di cunicoli, piste, pozzi e tumuli fatti da animali presenti nei fondali marini ma ora è liscio e sterile. Questo è un evento del tutto naturale. Non è la prima volta che succede e non è l'ultima volta che succederà!

Tuttavia, il Dr Bowden ritiene che il cambiamento nel canyon ora apre la strada ad alcune importanti ricerche. "Abbiamo il sospetto che eventi come questo potrebbero verificarsi ogni poche centinaia di anni nel Kaikoura Canyon." E' chiaro che questo terremoto ha avuto un impatto su diverse parti dell'ecosistema marino in modi diversi. Alcuni sono evidenti altri potenzialmente meno e devono essere studiati e capiti.

Ali Dorate

 

Meteo Portale Italia © Riproduzione riservata

Homepage   Chi siamo   Info-Contatti-Archivio   Lavora con noi   Privacy e Cookies   Note legali

Seguici anche su

facebook-logo ter Twitter-icon-60-pz google-plus-logo 3 linkedin 60 px  youtube 60px rss icon 60x60

Logo-MPI-fine-articolo-JPG

Meteo Portale Italia - MALU s.r.l. - C.F. e P.IVA 08683291002

Copyright © 2011-2015 Meteo Portale Italia. Tutti i diritti riservati.


Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Webcam multi tipo

citta

traffico

montagne

italia-montagne

italia-montagne2

spiagge

cielo

animali

luoghi-tipici

radio-e-tv

scientifiche

sport-e-eventi

laghi fiumi parchi

video-da-webcam