Sul nostro sito usiamo i cookies. Continuando la navigazione nel sito ne autorizzi l'uso.

Back Sei qui: Homepage Clima Dibattito sul Clima Gli scienziati "dissidenti " dicono... Il sole avrà più influenza nel mondo dei modelli climatici, ma questo conterà a Parigi?

Gli scienziati "dissidenti " dicono...

Il sole avrà più influenza nel mondo dei modelli climatici, ma questo conterà a Parigi?

banner-all-articles-top-defin-02-720x81-px

Cosa succederà se l'imminente riunione sul clima a Parigi adotterà le misure previste?

1 sole e modelli climaticiNella figura seguente sul controllo dell'andamento dell'attività solare si vede chiaramente la "gobba" dell'attività nella metà del 20 ° secolo, dal ciclo solare 17 al 23. Ciò è stato recentemente indagato in una conferenza scientifica alla fine di ottobre 2015, che ha calibrato la forzante solare per la nuova generazione di modelli climatici (CMIP6).

Nei due grafici seguenti sono rappresentati: Sopra, il nostro attuale ciclo solare 24, che ha avuto inizio nel dicembre 2008 e indicato dalla curva rossa, mentre viene confrontato con la media (blu), e al ciclo solare 5 molto simile, mostrato dalla curva nera; Sotto, il confronto di tutti i cicli. Le barre rappresentano l'anomalia SSN dalla media per 83 mesi.

2 sole e modelli climatici

Lo studio di Katja Matthes dal GEOMAR di Kiel, e Bernd Funke dell'Istituto Astrofisico di Granada, vede un incremento di circa 1 W / m², in media, tra il 1880 e il periodo 1950-2000 ( blu nel grafico in Figura seguente):

3 sole e modelli climatici

Ora si valuta che dal 2075 si avrà una riduzione approssimativamente sui valori registrati dal 1880 in avanti (in grigio in Figura sopra). Tuttavia, si dovrebbe essere cauti con le previsioni: Il sole è una stella molto dinamica. Dopo tutto, la stabilità discutibile sul fatto che l'irraggiamento solare è costante, come stabilito dai modelli più vecchi (CMIP5 in verde chiaro) viene abbandonata.

Oggi il forcing solare del sole si presume essere maggiore di un fattore 5 rispetto a ciò che era stato assunto solo pochi anni fa (ad esempio da Feulner e Rahmstorf 2010) quando la scienza climatica e anche l'IPCC rappresentavano una variante STI dell'irraggiamento solare di soli 0.2W / m².

1 sole e modelli climatici

Il sole quindi avrà più influenza nel mondo dei modelli climatici, visto che non è più così trascurato nei nuovi modelli. Nella copertura della prossima conferenza di Parigi, tuttavia, non sarà possibile sentire molto di questi risultati: Diranno che il sole non avrà alcun impatto sul clima che stiamo sperimentando (o almeno rimarrà minimizzato). L'unico argomento attrattivo sarà l'anidride carbonica.

Cosa succederà se l'imminente riunione sul clima a Parigi adotterà le misure previste?

Con tale questione, lo statistico Bjorn Lomborg esamina le misure previste dalla conferenza di Parigi per le riduzioni di emissioni di gas serra, facendo una limitazione: Si occupa solo di politiche / promesse entro il 2030. Tutto ciò che viene dopo lo cita come irrilevante, perché gli orizzonti politici raramente superano più di 15 anni. Rappresenta lo sviluppo pianificato delle emissioni per le principali regioni economiche, ecco l'esempio europeo:

Figura 1 seguente: Le tendenze ottimistiche (blu) e pessimistiche (rosso) nelle emissioni fino al 2100 in Europa (Fonte: Figura 5 del lavoro citato).

4 sole e modelli climatici

Nella seconda fase, l'autore ha calcolato, utilizzando un modello climatico, l'impatto di tali misure sulle temperature globali. Intendiamoci, Lomborg li elabora come se i metodi di calcolo dei modelli climatici avessero ragione, quello che ci siamo sempre chiesti (come portale meteoclimatico). Si fa inoltre riferimento allo scenario 850 ppm nel 2065, con una forte crescita di CO 2 nel corso di questo secolo. Anche se non condividiamo le premesse, il risultato è comunque deludente:

Figura 2 seguente: l'impatto climatico degli sforzi europei per ridurre i gas a effetto serra in un modello climatico piuttosto sensibile (Fonte: Figura 6 del lavoro citato).

5 sole e modelli climatici

Lo si può vedere in figura 2 a malapena: Tutto quello che attualmente si intende in Europa come "salvataggio dell'atmosfera dalla CO2", causerà nel 2100 una riduzione della temperatura al massimo di 0.026 ° C. Probabilmente non si noterà alla fine del secolo! Lomborg esegue questa analisi per tutte le economie, e aggiunge gli effetti di "Paris COP21":

Figura seguente: Gli effetti climatici degli sforzi globali per ridurre le emissioni con lo stesso modello come in Fig.5 (Fonte: foto 11 del lavoro citato).

6 sole e modelli climatici

L'aumento della temperatura rispetto ai livelli pre-industriali è poi tenuto a 4.67 ° C: Una riduzione di un enorme 4%! Va ricordato che la Cina attuerà le sue misure per ridurre le emissioni dopo il 2030 e pertanto nel lavoro di Lomborg difficilmente potrebbe essere considerato, sulla base del fatto che promettono di essere attuate in un lungo periodo di tempo.

Lomborg mette il dito, almeno in una ferita: Molti scenari modellistici abbastanza o altamente sensibili, sono stati confrontati con i gas serra utilizzati per illustrare gli effetti del riscaldamento possibile e drastico provocato dall'uomo. Egli dimostra che l'uso di questi "scenari dell'orrore" sull'influenza dell'uomo che scaturiranno dalle decisioni a Parigi saranno marginali, per evitare la "catastrofe climatica".

Il "risparmio" di 0,17 ° C per la riduzione delle emissioni qui ha almeno un (ancora piccolo) effetto. Quello di rispettare l'obiettivo dei due gradi, nessun ulteriore aumento della concentrazione di CO 2, in particolare in atmosfera, deve essere superiore a 600 ppm (dal 2100, sempre ammesso che, naturalmente, il clima si svilupperà come pensa l'IPCC oggi!). Ma ci sono costi finanziari kamikaze attraverso queste azioni affrettate e immediate, in proporzione al beneficio con questo approccio di modellazione discutibile. Non passa mese in cui ci si chieda come le precedenti ipotesi del modello in discussione, o i loro ulteriori sviluppi per catturare la realtà, siano realmente come cita l'articolo di Katja Matthes e Bernd Funke.

7 sole e modelli climatici

Alla fine si ha l'impressione che queste conferenze sul clima servono solo a rassicurare la gente in attesa, per dare l'impressione di essere in grado di controllare qualcosa. Questo fenomeno psicologico viene chiamato "Fenomeno della polarizzazione", vale a dire la capacità esistente solo in apparenza di influenzare qualsiasi cosa. E proprio su questo errore si rischia di sedersi a Parigi.

Si ringraziano Fritz Vahrenholt e Frank Bosse.

Paolo Lui mpi end

Meteo Portale Italia © Riproduzione riservata

Homepage   Chi siamo   Info-Contatti-Archivio   Lavora con noi   Privacy e Cookies   Note legali

Seguici anche su

facebook-logo ter Twitter-icon-60-pz google-plus-logo 3 linkedin 60 px  youtube 60px rss icon 60x60

Logo-MPI-fine-articolo-JPG

Meteo Portale Italia - MALU s.r.l. - C.F. e P.IVA 08683291002

Copyright © 2011-2015 Meteo Portale Italia. Tutti i diritti riservati.


Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Webcam multi tipo

citta

traffico

montagne

italia-montagne

italia-montagne2

spiagge

cielo

animali

luoghi-tipici

radio-e-tv

scientifiche

sport-e-eventi

laghi fiumi parchi

video-da-webcam