ultime dallitalia h 75   ultime dal mondo h 75   extreme weather h75

    analisi-modelli h 75  Scienze-h-75  Terremoti-h-75

Back Sei qui: Homepage Temporali & Co Temporali & Co News Uragani, Tifoni e Cicloni Studio mostra come l'intensità delle Tempeste Tropicali non è aumentata:DETTAGLI

News Uragani, Tifoni e Cicloni

Studio mostra come l'intensità delle Tempeste Tropicali non è aumentata:DETTAGLI

banner-all-articles-top-defin-02-720x81-px

Questa analisi non ha mostrato alcun aumento di intensità delle tempeste negli ultimi 30 anni

1 Tempeste TropicaliLa migrazione verso i poli delle tempeste significa che l'intensità dei cicloni tropicali non è aumentata, come previsto, con il riscaldamento globale, secondo una nuova ricerca.

Questa grafica, tratta dallo studio, mostra la tendenza di intensità potenziale dei cicloni tropicali (in metri al secondo per anno) tra il 1980 e il 2010 da tre prodotti di rianalisi: a. Merra; b. ERA-Interim; e c. NCEP / NCAR. L'approccio di Kossin, l'autore della ricerca, ha superato il problema della variabilità osservata tra queste tre serie di dati.

1 Tempeste Tropicali

Nonostante le previsioni che il riscaldamento globale potrebbe portare a più potenti tempeste, un nuovo studio rileva che non vi è stato alcun aumento dell'intensità delle tempeste tropicali.

Al contrario, la migrazione verso i poli in corso delle tempeste, che è stata evidente negli ultimi decenni, e che agisce per sopprimere l'intensità delle tempeste, compensa l'impatto di un aumento delle temperature medie globali che tende ad aumentare l'intensità delle tempeste, sempre secondo la nuova ricerca. Nella Fisica fondamentale, significa che la temperatura della superficie atmosferica e del mare più calde forniscono l'energia per produrre tempeste più potenti. Ma, come i cicloni vanno alla deriva verso i poli, si muovono in latitudini più fredde, che sono meno in grado di alimentare grandi tempeste, secondo i risultati della ricerca pubblicati nel Bollettino della American Meteorological Society.

Questa conclusione si basa su un'analisi di 30 anni di dati satellitari delle tempeste tropicali di Jim Kossin, uno scienziato presso la US National Climatic Data Center.

2 Tempeste Tropicali

Kossin ha analizzato i dati satellitari per determinare le Temperature massime delle nubi delle tempeste tropicali, che sono legate all'intensità delle tempeste. Le temperature della troposfera, vicino alla tropopausa, controllano ciò che è noto come il potenziale d'intensità dei cicloni, una misura della forza massima basata termodinamicamente che un ciclone tropicale può raggiungere.

I precedenti tentativi di calcolare il potenziale di intensità hanno incontrato problemi perché ci sono state variazioni significative nei risultati ottenuti da set di dati. Kossin esclude le variazioni di temperatura superficiale del mare (SST) come causa di queste differenze.

Kossin stato in grado di superare il problema della variabilità usando le tempeste come termometri, e analizzando la temperatura delle parti superiori delle nubi delle tempeste, come misurata con strumenti infrarossi satellitari. Questa analisi non ha mostrato alcun aumento di intensità delle tempeste negli ultimi 30 anni.

Kossin afferma nel suo articolo che "non vi è alcuna aspettativa teorica evidente che la media globale dell'intensità dei cicloni tropicali è aumentata negli ultimi 30 anni, almeno basandosi sulla teoria dell'intensità potenziale".

La ricerca che è apparsa su Nature nel maggio 2014, e che ha mostrato come l'attività dei cicloni tropicali si stava allontanando dai tropici ad un ritmo costante per 30 anni, vedeva Kossin come co-autore. Questo documento in Nature ha riferito che in quel tempo la posizione del picco di intensità delle tempeste si è spostato verso i poli Nord e Sud, a tassi di 53 e 62 chilometri per dieci anni, rispettivamente. Questa migrazione può essere legata all'espansione osservata dei tropici.

3 Tempeste Tropicali

Come controllo reale sui loro risultati del sopra citato studio, Kossin e i suoi colleghi hanno cercato i cambiamenti nella media del wind shear verticale ( Si definisce wind-shear il gradiente del vettore velocità del vento in una data direzione: quindi vertical wind shear è una variazione nella velocità orizzontale del vento man mano che si sale ai livelli superiori. Vicino al suolo lo shear è dovuto all'effetto di trascinamento [drag] degli ostacoli).

La Fisica dell'atmosfera suggerisce che questo dovrebbe essere coerente con il passaggio di latitudine: uno shear più forte si trova più vicino all'equatore (lo shear verticale può distruggere lo sviluppo delle tempeste) e shear rilassati a latitudini più alte. Essi hanno scoperto che la variazione del taglio verticale del vento (wind shear verticale) era coerente con un'espansione del riscaldamento indotto della circolazione generale dell'atmosfera tropicale.

Paolo Lui mpi end

Meteo Portale Italia © Riproduzione riservata

Homepage   Chi siamo   Info-Contatti-Archivio   Lavora con noi   Privacy e Cookies   Note legali

Seguici anche su

facebook-logo ter Twitter-icon-60-pz google-plus-logo 3 linkedin 60 px  youtube 60px rss icon 60x60

Logo-MPI-fine-articolo-JPG

Meteo Portale Italia - MALU s.r.l. - C.F. e P.IVA 08683291002

Copyright © 2011-2015 Meteo Portale Italia. Tutti i diritti riservati.


Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Webcam multi tipo

citta

traffico

montagne

italia-montagne

italia-montagne2

spiagge

cielo

animali

luoghi-tipici

radio-e-tv

scientifiche

sport-e-eventi

laghi fiumi parchi

video-da-webcam