ultime dallitalia h 75   ultime dal mondo h 75   extreme weather h75

    analisi-modelli h 75  Scienze-h-75  Terremoti-h-75

Back Sei qui: Homepage Sismologia Sismologia Terremoti nel mondo I SATELLITI continuano ad analizzare gli effetti sul suolo del terremoto in Nepal

Terremoti nel mondo

I SATELLITI continuano ad analizzare gli effetti sul suolo del terremoto in Nepal

banner-all-articles-top-defin-02-720x81-px

Individuate oltre 3.000 frane e creato un database di altri movimenti massivi di grandi dimensioni.

fig1 ARIA May4A quasi un mese di distanza si continua a far luce sul terremoto che in Nepal ha fatto tremare la Terra con violenza e continua ancora a farlo.

Il  terremoto di magnitudo 7,8 della scala Ricther del 25 aprile 2015 ha ucciso più di 8.000 persone, feriti almeno 19.000 e migliaia sfollati nelle città e nei villaggi vicino l'Himalaya. Il sisma denominato "terremoto Gorkha" ha distrutto infrastrutture e case, sia moderne che e storiche ed ha innescato frane sul Monte Everest, vicino al villaggio di Langtang e in molti altri luoghi vicino a Kathmandu. E' stato definito il peggior disastro naturale in Nepal dopo il terremoto di magnitudo 8.0 nel 1934.
Il terremoto Gorkha ha cambiato la forma della Terra, letteralmente sollevando e fatto "cadere" paesaggi di diversi metri.

Small Nepal ARIA DPM Overview

Aumento di opacità dell'immagine radar riflette i danni, con le aree in rosso che indica il danno più grave in città e paesi. Le variazioni di colore dal giallo al rosso indicano il sempre più significativo cambiamento di superficie del terreno. L'intervallo di tempo dei dati per il cambiamento è 24 Novembre 2014 al 29 aprile 2015. Ogni pixel nella mappa danni è di circa 100 piedi (30 metri) di diametro.

Nepalmapppa

 

L'immagine di prospettiva del DPM sovrapposto sul terreno con le posizioni di edifici danneggiati individuati dall'Agenzia National Geospatial-Intelligence (NGA)mostra una valutazione preliminare dei danni, indicati dai puntini rossi e viola. Ad esempio, le immagini sul lato mostrano come regioni indicate in rosso nel DPM si correlano con edifici danneggiati, come mostrato dalle strutture crollate. La mappa delle immagini di base è stata fornita da Google. Le immagini di "prima" e il "dopo" il terremoto sono state fornite dal DigitalGlobe.

Il rilascio di stress nella crosta terrestre ha avuto effetti devastanti avvertiti in Nepal, India, Cina e Bangladesh. I satelliti e i sensori terrestri stanno rivelando l'entità della scossa.
Nei giorni prima e dopo l'evento, lo strumento radar ad apertura sintetica (SAR) sul satellite Sentinel-1A dell'Agenzia Spaziale Europea ha acquisito le osservazioni dello spostamento di terra in Nepal e nelle regioni circostanti. Il satellite passa su ogni area della Terra una volta ogni 12 giorni e grazie alla sua eccezionale risoluzione è in grado di rilevare variazioni anche di pochi centimetri del superficie della Terra, grazie alla tecnica chiamata "interferometria".

Ad ogni passaggio, Sentinel-1 ha misurato la distanza tra se stesso e il terreno, con una leggera angolazione. Gli scienziati del Centro Aerospaziale Tedesco (Deutsches Zentrum für Luft- und Raumfahrt, o DLR) hanno assemblato quelle nuove misurazioni SAR e le hanno confrontate ai radar precedente passati sopra la stessa area. I risultati sono mostrati nella mappa qui riportata.

nepal se1 2015107-119


La squadra DLR ha derivato i dati misurando le variazioni di ampiezza delle onde radar riflesse fuori dal paesaggio, prima e dopo il terremoto. In aree ombreggiate in rosso, Sentinel-1 ha rilevato un movimento verso il satellite (nella direzione della linea-di-vista) fino a 1,4 metri (4,6 piedi). Sfumature in blu raffigurano la distanza dal satellite. Le aree in giallo hanno mostrato pochi cambiamenti. Le misurazioni, utilizzando il Global Positioning System (GPS) e altri sensori hanno confermato che quasi tutti i movimenti di terra sono stati verso l'alto o verso il basso, cioè la superficie della terra è stato sollevata o affondata.

ARIA Coseismic S1A interf D019 20150417-0429 20cm

Mappa della deformazione della superficie terrestre causata dal sisma. Questa mappa in falsi colori mostra la quantità di movimento della superficie permanente causata quasi totalmente dal terremoto, come visto dal satellite, durante un intervallo di 12 giorni tra due Sentinel-1 immagini acquisite in data 17 aprile e 29 aprile 2015.
Nella mappa, spostamenti di superficie sono visti come colore contorni (o "frange"), dove ogni ciclo di colore rappresenta 8 pollici (20 centimetri) di movimento della superficie. I contorni mostrano la terra intorno a Kathmandu che si è spostata verso l'alto di più di 40 pollici (1 metro). Aree senza i contorni di colore hanno neve o la vegetazione pesante che colpisce le misure radar. Gli scienziati usano queste mappe per costruire modelli dettagliati del guasto e movimenti di terra associati per comprendere meglio l'impatto sulla futura attività sismica. L'immagine di sfondo è da Google Earth. La mappa contiene dati Copernico (2015).

fig1 ARIA May4

Lo slittamento supera 19,7 piedi (6 metri). Osservazioni GPS e le previsioni di dati (indistinguibili) sono indicati dalle frecce. Il colore di sfondo e rilievi ombreggiati indicano variazioni regionali nella topografia. Linee spinate indicano l'espressione di superficie delle strutture primarie regionali di guasto (linee spinato), dove i difetti si tuffano verso nord nella Terra al di sotto dell'Himalaya. Tutti i dati GPS originali sono forniti da una rete originariamente installata da Caltech su sostegno della Gordon e Betty Moore Foundation.

fig2 ARIA May4


Gli scienziati affiliati con l'Advanced Imaging rapido e progetto di Analysis (ARIA) in collaborazione con Jet Propulsion Laboratory della NASA e il California Institute of Technology, hanno contribuito agli studi del terremoto Gorkha. Il team ha utilizzato entrambe le misurazioni GPS e dati SAR del satellite ALOS-2 (Japan Aerospace Exploration Agency) per creare le proprie mappe di spostamento del suolo. Due settimane dopo l'evento Gorkha, una grave scossa di assestamento ha interessato la regione himalayana. Un terremoto di magnitudo 7,4 del 12 maggio 2015, ha colpito a est dell'epicentro Gorkha e ucciso almeno 68 persone. I ricercatori hanno osservato che la regione era una delle poche sezioni del fronte himalayano, che non avevano visto un forte terremoto in diverse centinaia di anni.
Gli scienziati dell'ESA, DLR, e JPL stanno continuando a monitorare il paesaggio himalayano sia per la comprensione scientifica sia per l'utilità per chi interviene sul disastro nepalese.

Ali Dorate

Meteo Portale Italia © Riproduzione riservata

Homepage   Chi siamo   Info-Contatti-Archivio   Lavora con noi   Privacy e Cookies   Note legali

Seguici anche su

facebook-logo ter Twitter-icon-60-pz google-plus-logo 3 linkedin 60 px  youtube 60px rss icon 60x60

Logo-MPI-fine-articolo-JPG

Meteo Portale Italia - MALU s.r.l. - C.F. e P.IVA 08683291002

Copyright © 2011-2015 Meteo Portale Italia. Tutti i diritti riservati.


Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Webcam multi tipo

citta

traffico

montagne

italia-montagne

italia-montagne2

spiagge

cielo

animali

luoghi-tipici

radio-e-tv

scientifiche

sport-e-eventi

laghi fiumi parchi

video-da-webcam