ultime dallitalia h 75   ultime dal mondo h 75   extreme weather h75

    analisi-modelli h 75  Scienze-h-75  Terremoti-h-75

Back Sei qui: Homepage Sismologia Sismologia Editoriali Sismologia Il Terremoto del 2011 in Giappone ha alzato la pressione sotto il Monte Fuji

Editoriali Sismologia

Il Terremoto del 2011 in Giappone ha alzato la pressione sotto il Monte Fuji

banner-all-articles-top-defin-02-720x81-px

Il vulcano attivo è in uno 'stato critico', dicono i ricercatori scientifici...

1 Monte FujiIl Monte Fuji, o Fujisan in giapponese, è il punto più alto dell'arcipelago (sale a 3776 metri) e l'emblema nazionale, immortalato in innumerevoli foto. Nel giugno dello scorso anno, l'Unesco lo ha aggiunto alla lista del Patrimonio Mondiale come "un luogo sacro e fonte di ispirazione artistica".

Ma è ancora un vulcano attivo, al bivio tra il Pacifico, l'eurasiatico e le placche tettoniche delle filippine...

Il terremoto dell'11 marzo 2011 ha innescato un devastante tsunami, che a sua volta ha causato il disastro nucleare al Fukushima Daiichi . Secondo uno studio franco-giapponese pubblicato da Science (PDF), la magnitudo 9 del sisma ha aumentato la pressione sul Monte Fuji. "Il nostro lavoro non dice che il vulcano si avvierà all'eruzione, ma mostra che si trova in uno stato critico", dice Florent Brenguier, ricercatore presso l'Istituto di Scienze della Terra (IST) di Grenoble, in Francia, e autore principale del pubblicazione, alla quale l'Istituto di Fisica Globale (IPG) di Parigi ha contribuito.

3 Monte Fuji

Con l'adozione di un nuovo approccio, gli scienziati hanno effettuato una sorta di gigantesco eco-scan delle viscere della Terra, basato sulla massa enorme di dati registrati dopo il mega-terremoto del Giappone, con il sistema Hi-net 's, la più fitta rete di controllo sismico nel mondo, con 800 sensori sismici. Si sono concentrati sui segnali comunemente noti come rumori sismici, il frutto di una costante interazione tra onde oceaniche e terra "solida".

Dalle fluttuazioni nelle registrazioni in questo rumore sotterraneo appena percettibile, sono stati in grado di mappare i disturbi geologici nella roccia del Giappone, causata dalle onde sismiche a seguito del terremoto violento del marzo 2011. "Le onde sismiche viaggiano molto lontano, fanno il giro del mondo più volte," spiega Brenguier. "Il loro movimento fa vibrare la crosta terrestre, e un po' come un'onda d'urto, e questa produce rotture o crepe nella roccia."

1 Monte Fuji

Si può ben immaginare che tale disturbo è più vicino all'epicentro di un terremoto, ma non è questo il caso. Lo studio franco-giapponese mostra che l'area in cui la crosta terrestre ha subito il danno maggiore non era intorno a Tohoku, nel nord-est dell'isola di Honshu, ma nelle regioni vulcaniche, in particolare sotto il monte Fuji, alcune a 400 km di distanza. "Le regioni vulcaniche sono quelle in cui i fluidi intrappolati nella roccia, acqua bollente, gas, magma liquido, causano una eruzione quando salgono in superficie, esercitandoo la massima pressione. Le onde sismiche si aggiungono a questa pressione, causando ancora più disturbo."

2 Monte Fuji

Il sisma di magnitudo 6.4 che si è verificato quattro giorni dopo lo tsunami, seguito da molte scosse di assestamento minori, è un ulteriore indizio che il Monte Fuji è sotto pressione.

Il Giappone dovrebbe essere in allarme rosso?

"Non possiamo stabilire una relazione diretta di causa ed effetto tra terremoti ed eruzioni vulcaniche, anche se statisticamente la prima porta ad un aumento in quest'ultima", dice Brenguier. "Tutto quello che possiamo dire è che il Monte Fuji è ora in uno stato di pressione, il che significa che mostra un alto potenziale di eruzione. Il rischio è nettamente superiore."

La scienza, tuttavia, non ha alcun modo di prevedere quando questo potrebbe accadere. Ma c'è un precedente. L'ultima eruzione del Monte Fuji si è verificato nel 1707, con quasi un miliardo di metri cubi di cenere e detriti spediti nell'atmosfera, alcuni dei quali raggiunsero Tokyo (allora si chiamava Edo), a 100 km di distanza. Essa è stata preceduta, 49 giorni prima, da un terremoto di magnitudo 8,7 a sud del Giappone, che, in collaborazione con il maremoto, fece oltre 5.000 vittime. Questa volta, sono passati più di tre anni da quando avvenne il terremoto di Tohoku. Ma questo non significa che il Monte Fuji, sotto la costante supervisione dei geologi giapponesi, stia sonnecchiando...

Paolo Lui mpi end

Meteo Portale Italia © Riproduzione riservata

Homepage   Chi siamo   Info-Contatti-Archivio   Lavora con noi   Privacy e Cookies   Note legali

Seguici anche su

facebook-logo ter Twitter-icon-60-pz google-plus-logo 3 linkedin 60 px  youtube 60px rss icon 60x60

Logo-MPI-fine-articolo-JPG

Meteo Portale Italia - MALU s.r.l. - C.F. e P.IVA 08683291002

Copyright © 2011-2015 Meteo Portale Italia. Tutti i diritti riservati.


Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Webcam multi tipo

citta

traffico

montagne

italia-montagne

italia-montagne2

spiagge

cielo

animali

luoghi-tipici

radio-e-tv

scientifiche

sport-e-eventi

laghi fiumi parchi

video-da-webcam