ultime dallitalia h 75   ultime dal mondo h 75   extreme weather h75

    analisi-modelli h 75  Scienze-h-75  Terremoti-h-75

Back Sei qui: Homepage Scienze Scienze Oceanologia Gli ICEBERG non hanno influito sul RAFFREDDAMENTO del Nord Atlantico

Oceanologia

Gli ICEBERG non hanno influito sul RAFFREDDAMENTO del Nord Atlantico

banner-all-articles-top-defin-02-720x81-px

Nuovo studio svela interessanti particolari.

iceberg5Secondo una nuova ricerca pubblicata su Nature gli iceberg non sono stati probabilmente la causa degli improvvisi episodi di raffreddamento nel Nord Atlantico nel corso degli ultimi 440 mila anni.

Studi precedenti avevano suggerito che l'arrivo degli iceberg poterva aver causato cicli di cambiamento climatico improvviso durante l'ultimo periodo glaciale, introducendo acqua fredda sulla superficie del mare e con la modifica delle correnti oceaniche, che sono note per avere un ruolo dominante nel clima di molti le regioni della Terra. Tuttavia, le nuove scoperte degli scienziati della Cardiff University hanno presentato un racconto contraddittorio e suggeriscono che gli iceberg in generale sono arrivati ​​troppo tardi per innescare il segnato raffreddamento attraverso l'Atlantico settentrionale.

iceberg

Il cambiamento climatico brusco, caratterizzato da transizioni tra condizioni di caldo e freddo attraverso l'Atlantico del Nord, è una caratteristica pervasiva del tardo Pleistocene, il più recente periodo di cicli glaciali ripetuti. Il verificarsi di condizioni estremamente fredde nel Nord Atlantico sembra esser stato legato alla dispersione di iceberg che si sono staccati da lastre di ghiaccio che si affacciano sul Nord Atlantico. Eppure fino ad oggi non c'è stato alcun consenso tra gli scienziati del clima se la rottura e la dispersione di iceberg era una causa o una conseguenza del cambiamento climatico.

Un team di ricercatori della Scuola di Scienze della Terra e dell'Oceano della Cardiff University ha utilizzato un nucleo di sedimenti recuperati dal Atlantico nord-orientale, a sud dell'Islanda, per ricostruire i record di cambiamenti di temperatura superficiali dell'oceano e il movimento degli iceberg negli ultimi 400 mila anni. "Abbiamo trovato molti esempi di eventi di raffreddamento brusco e molti di questi sono stati associati con un aumento di attività degli iceberg ", ha riferito il dottor Stephen Barker, che ha condotto lo studio.

"Tuttavia, fondamentalmente, abbiamo scoperto che nella maggior parte dei casi gli iceberg sono apparsi dopo essersi verificato il raffreddamento, il che significa che gli iceberg sono arrivati ​​troppo tardi per aver innescato il raffreddamento in questo sito anche se potrebbe esserci un aumento o una prolungata condizione di freddo. In effetti i nostri risultati implicano che gli eventi di brusco raffreddamento sono stati preceduti da intervalli di raffreddamento più graduale, il che suggerisce che la discesa in condizioni più fredde deve essere considerata come una risposta non lineare di un cambiamento più graduale attraverso l'Atlantico del Nord. Abbiamo dimostrato che c'è ancora molto da imparare sul cambiamento climatico brusco. In particolare abbiamo dimostrato che una idea fondamentale su cui si basano molti studi precedenti ha bisogno di essere rivalutata. I nostri risultati suggeriscono che i meccanismi alternativi devono essere considerati e che i modelli climatici devono essere in grado di simulare i cambiamenti passati, se vogliamo avere fiducia nella loro capacità di prevedere i cambiamenti futuri del clima. "

Questa conclusioni dei ricercatori sono coerenti con i risultati di uno studio pionieristico pubblicato nel 1995, il quale ha sottolineato che la rottura diffusa e la dispersione degli  iceberg potrebbe essere una conseguenza del cambiamento climatico piuttosto che la causa. La prova diretta a sostegno di questa teoria, però, è stata largamente carente fino ad ora. Nella prossima fase della loro ricerca, il dottor Barker e il suo team cercheranno di estendere le loro indagini guardando indietro a quasi 2 milioni di anni. Ciò consentirà al team di ricostruire la natura del cambiamento climatico improvviso durante gran parte del periodo Pleistocene, fornendo indizi utili a capire le influenze del brusco cambiamento su scale temporali più lunghe.

iceberg1

iceberg2

Tutte le analisi effettuate utilizzando il modello di età LR04 e parametri di soglia identici (metodi). Scatole rappresentano la gamma interquartile (IQR) sezionato dal valore mediano. Whiskers sono 1.5 × IQR e si estendono per l'ultimo valore compreso in questo intervallo. I valori positivi significano che il cambiamento di temperatura è precedente. Scatole blu rappresentano raffreddamento rispetto all'arrivo di IRD; Le scatole arancioni rappresentano il riscaldamento rispetto alla diminuzione IRD. Le scatole Blu scuro / scatole rosse rappresentano l'inizio di una transizione; light box blu / arancio riflettono il punto medio. n = numero di transizioni coppie rilevate

 

iceberg3

Dal punto A, il raffreddamento graduale spinge il fronte polare verso sud, attraversando sito ODP 983. Una volta raggiunto il punto di soglia B una migrazione verso sud brusca del fronte polare avviene con il passaggio al stadiali condizioni (punto C). Il ritorno a condizioni di caldo è essenzialmente sincrono attraverso l'Atlantico del Nord. 

Meteo Portale Italia © Riproduzione riservata

Homepage   Chi siamo   Info-Contatti-Archivio   Lavora con noi   Privacy e Cookies   Note legali

Seguici anche su

facebook-logo ter Twitter-icon-60-pz google-plus-logo 3 linkedin 60 px  youtube 60px rss icon 60x60

Logo-MPI-fine-articolo-JPG

Meteo Portale Italia - MALU s.r.l. - C.F. e P.IVA 08683291002

Copyright © 2011-2015 Meteo Portale Italia. Tutti i diritti riservati.


Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Webcam multi tipo

citta

traffico

montagne

italia-montagne

italia-montagne2

spiagge

cielo

animali

luoghi-tipici

radio-e-tv

scientifiche

sport-e-eventi

laghi fiumi parchi

video-da-webcam