ultime dallitalia h 75   ultime dal mondo h 75   extreme weather h75

    analisi-modelli h 75  Scienze-h-75  Terremoti-h-75

Back Sei qui: Homepage Scienze Scienze Geologia, Ecologia e critica ambientale Studi sul terremoto in Nepal rivelano nuove e vecchie informazioni

Geologia, Ecologia e critica ambientale

Studi sul terremoto in Nepal rivelano nuove e vecchie informazioni

banner-all-articles-top-defin-02-720x81-px

La condivisione di informazioni ha portato alla diffusione di informazioni tempestive soprattutto in risposta alle emergenze.

nepal 2015 landslides wideIl devastante terremoto di magnitudo 7.8 della scala Ricther verificatosi in Nepal il 25 aprile 2015, ha attivato un numero significativamente inferiore di frane e meno danni del previsto ai laghi glaciali.

In epoca medievale,invece, i grandi terremoti nel territorio hanno scatenato enormi cambiamenti sul paesaggio. A partire da subito dopo il terremoto un gruppo di scienziati si sono organizzati e donato il loro tempo per vagliare, attraverso immagini satellitari, e individuare terreni potenzialmenti pericolosi. Il gruppo ha raddoppiato gli sforzi quando un altro terremoto di magnitudo 7,3 del 12 maggio ha innescato nuove frane.

In totale, questo sforzo di volontari guidato dal glaciologo Jeff Kargel della University of Arizona e coordinato dalla NASA, ha identificato e mappato 4.312 frane nelle settimane successive al terremoto di Gorkha. Le mappe qui sotto mostrano un inventario delle frane che sono state mappate tra il 25 aprile e il 10 giugno. I colori più luminosi indicano le aree con più frane. Il conteggio è stato sospeso nel mese di giugno a causa dell'inizio della stagione dei monsoni; gli scienziati hanno voluto distinguere tra frane connesse con i terremoti e quelle innescate dalla pioggia.

nepal 2015 landslides zoom

nepal 2015 landslides wide

Per individuare le posizioni dei vetrini in aree remote lontane dai centri abitati del Nepal, gli scienziati volontari hanno analizzato immagini satellitari acquisiti prima e dopo il terremoto dai 10 satelliti gestiti da quattro paesi. I dati NASA provenivano dai satelliti Landsat (joint con la US Geological Survey), l'Earth Observing-1 satellite, e l'Advanced Spaceborne Thermal Emission and Reflection Radiometer (ASTER) equipaggiato sul satellite Terra. Il team ha inoltre esaminato i rapporti dei media, le foto dei testimoni oculari, e valutazioni sul campo con l'ausilio di elicotteri e mosaici di immagini esistenti e le informazioni topografiche disponibili attraverso prodotti come Google Earth.

Identificando dove si sono verificati gli smottamenti, i ricercatori possono prevedere dove il terreno potrebbe essere instabile e soggetto a rischi supplementari. Oltre alle frane, il team ha scoperto e mappato laghi che sono stati arginati e villaggi remoti che sono stati colpiti. La NASA ha condiviso queste informazioni con un'organizzazione intergovernativa regionale, il Centro Internazionale per lo Sviluppo Integrato della Montagna (ICIMOD) in Nepal.

L'ICIMOD ha condiviso questi risultati con il primo ministro nepalese e altri funzionari del governo, così come le agenzie scientifiche, al fine di prendere decisioni circa l'evacuazione dell persone e poter fornire assistenza. Il team ha scoperto che le 4.312 frane dopo il terremoto di Gorkha sono state molto meno rispetto a quelle che si sono verificate dopo terremoti di magnitudine simile in altre zone montuose. Inoltre, il team ha esaminato 491 laghi glaciali, solo nove sono stati colpiti da frane. Le immagini satellitari non hanno rivelato alcun allagamento provenire da quei laghi.

I ricercatori hanno anche scoperto che il movimento della superficie terrestre, in cui si sono verificati gli smottamenti, è stato influenzato. Il co-autore Eric Fielding, del Jet Propulsion Laboratory della NASA, ha utilizzato dati radar dal satellite per creare una mappa del terreno che è sceso e salito durante il terremoto. I risultati hanno rivelato che la superficie della Terra è scesa di quasi 1,4 metri in alcuni punti, ed è aumentata fino a 1,5 metri in altri. Sovrapponendo la mappa di Fielding con la mappa delle frane, gli scienziati hanno scoperto che la maggior parte di quelle documentate si sono verificate in zone dove la superficie del terreno è sceso, piuttosto che nelle zone in cui è stato sollevato. "Questo modello è stato inaspettato e non è stato mai osservato prima", conclude Kargel.

Ali Dorate

 

Meteo Portale Italia © Riproduzione riservata

Homepage   Chi siamo   Info-Contatti-Archivio   Lavora con noi   Privacy e Cookies   Note legali

Seguici anche su

facebook-logo ter Twitter-icon-60-pz google-plus-logo 3 linkedin 60 px  youtube 60px rss icon 60x60

Logo-MPI-fine-articolo-JPG

Meteo Portale Italia - MALU s.r.l. - C.F. e P.IVA 08683291002

Copyright © 2011-2015 Meteo Portale Italia. Tutti i diritti riservati.


Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Webcam multi tipo

citta

traffico

montagne

italia-montagne

italia-montagne2

spiagge

cielo

animali

luoghi-tipici

radio-e-tv

scientifiche

sport-e-eventi

laghi fiumi parchi

video-da-webcam