ultime dallitalia h 75   ultime dal mondo h 75   extreme weather h75

    analisi-modelli h 75  Scienze-h-75  Terremoti-h-75

Back Sei qui: Homepage Scienze Scienze Climatologia Il Periodo Umido Africano e il comportamento dei MONSONI:Dettagli

Climatologia

Il Periodo Umido Africano e il comportamento dei MONSONI:Dettagli

banner-all-articles-top-defin-02-720x81-px

Gli scienziati hanno raccolto campioni di sedimenti sul lago Bosumtw, a bordo della piattaforma di perforazione GLAD800

vegetazione-rada-nel-saharaTra 14.800 e 5.500 anni fa, nel corso di un periodo conosciuto come "African Humid Period", il Sahara fu caratterizzato da una rigogliosa vegetazione e da una rete di laghi, fiumi e delta.

Questo periodo è stato oggetto di uno studio scientifico, pubblicato il 26 gennaio su Nature Geoscience. Un team di ricercatori ha fornito nuove informazioni sul comportamento del monsone africano alla fine del Periodo Umido Africano, e sui fattori che ne hanno causato il crollo.

1 Monsoni Africani

Gli scienziati hanno usato la composizione chimica delle cere di foglie conservate nei sedimenti dal lago Bosumtwi, in Ghana, per creare una ricostruzione delle precipitazioni nell'Africa occidentale negli ultimi 20.000 anni.

"Il nostro lavoro suggerisce che la risposta del monsone africano all'azione estrema del clima è più complicata di quanto si pensasse", ha detto l'autore Tim Shanahan, assistente professore presso l'Università del Texas alla Austin Jackson School of Geosciences.

"Davvero grandi forzature, come un crollo della circolazione dell'Atlantico, possono causare siccità sincronizzate in tutto il Nord Africa, e l'attuale generazione di modelli climatici fanno un ottimo lavoro per simulare eventi come questo. I nostri dati mostrano che i cambiamenti graduali nella forzatura radiativa degli ultimi 10 000 anni hanno prodotto cambiamenti radicali nel clima che sono localmente bruschi, ma asincroni. Ma i modelli climatici non fanno un grande lavoro per simulare i complessi meccanismi alla base di questi cambiamenti, come la stagionalità".

2 Monsoni Africani

Il  co-autore Konrad Hughen, un geochimico del Woods Hole Oceanographic Institution, ha spiegato:"Il monsone è diminuito in modo più graduale e migrato verso sud nel corso di un periodo di diverse migliaia di anni, e non improvvisamente."

Questo spostamento verso sud potrebbe portare a cambiamenti improvvisi a livello locale,per esempio, una giungla lussureggiante ritorna in pascoli, ma non significa che l'intera regione ha subito bruschi cambiamenti allo stesso tempo.

African-Monsoon-3

La climatologia moderna dell'Africa occidentale viene visualizzata utilizzando i dati strumentali dal Tropical Rainfall Measuring Mission, a sinistra, e il modello climatico, a destra. Entrambi mostrano il ciclo stagionale delle variazioni di precipitazione associati con la progressione verso nord del monsone, ma il modello non simula perfettamente la stagione secca a metà estate. Per il loro studio, gli scienziati hanno usato la composizione chimica delle cere di foglie conservate nei sedimenti dal lago Bosumtwi, Ghana, per creare una ricostruzione di precipitazioni nell'umido tropicale dell'Africa occidentale negli ultimi 20.000 anni. (Illustrazione per gentile concessione di Shanahan, et. al.).

3 Monsoni Africani

I meccanismi che contribuiscono ai cambiamenti del monsone sono complessi e comprendono il moto orbitale della Terra intorno al Sole, che hanno un impatto sulla intensità della radiazione solare. Ad esempio, se l'energia solare è ridotta, la circolazione dei monsoni è inferiore e l'intero sistema diventa secco. Tuttavia, un paesaggio verde amplificherà il monsone più di un paesaggio sabbioso, e anche se l'energia solare nella regione è sempre più debole, la copertura forestale diffusa può aiutare a mantenere un forte monsone per un lasso temporale. Ma alla fine una soglia viene raggiunta, e il sistema si sposta. Quando e in che modo ciò accade può essere difficile da analizzare.

Sintetizzando per questo studio una vasta gamma di documenti in tutta l'Africa del Nord, gli scienziati hanno potuto osservare grandi schemi di variabilità spaziali e temporali. Studiando questi dati, piuttosto che uno spostamento coerente del monsone dell'Africa occidentale, gli scienziati hanno notato dei cambiamenti che avvengono in tempi diversi e in luoghi diversi.

"Questi sono componenti importanti per capire, e devono essere inclusi nei modelli climatici del futuro", ha detto Hughen. " Il Tropical Rainbelt Africano offre un significativo contributo (> 60-90%) all'umidità annuale dell'Africa equatoriale," scrivono gli autori, "e, di conseguenza, cambiamenti nei tempi e l'intensità delle piogge stagionali influenzano la sicurezza alimentare e di acqua per oltre 150 milioni di persone".

Ali Dorate

Meteo Portale Italia © Riproduzione riservata

Homepage   Chi siamo   Info-Contatti-Archivio   Lavora con noi   Privacy e Cookies   Note legali

Seguici anche su

facebook-logo ter Twitter-icon-60-pz google-plus-logo 3 linkedin 60 px  youtube 60px rss icon 60x60

Logo-MPI-fine-articolo-JPG

Meteo Portale Italia - MALU s.r.l. - C.F. e P.IVA 08683291002

Copyright © 2011-2015 Meteo Portale Italia. Tutti i diritti riservati.


Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Webcam multi tipo

citta

traffico

montagne

italia-montagne

italia-montagne2

spiagge

cielo

animali

luoghi-tipici

radio-e-tv

scientifiche

sport-e-eventi

laghi fiumi parchi

video-da-webcam