ultime dallitalia h 75   ultime dal mondo h 75   extreme weather h75

    analisi-modelli h 75  Scienze-h-75  Terremoti-h-75

Back Sei qui: Homepage Scienze Scienze Astronomia La cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko destinata a spezzarsi?

Astronomia

La cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko destinata a spezzarsi?

banner-all-articles-top-defin-02-720x81-px

Rosetta ha "incontrato" il nucleo della cometa il 6 agosto 2014, a 3,7 unità astronomiche (UA) dal Sole

cometaIl 12 novembre 2014 la missione Rosetta della Agenzia Spaziale Europea ha fatto la storia quando il lander Philae è atterrato, con alcune complicazioni, sulla superficie della cometa 67P / Churyumov Gerasimenko. Ma questo è stato solo l'inizio!

Un nuovo capitolo si è aperto in questa storia che permetterà di fornire una visione più completa della cometa. Pertanto, la rivista Science ha deciso di dedicare un numero speciale alla missione Rosetta. In sette studi diversi, i ricercatori provenienti da diversi Paesi e istituzioni analizzano la composizione, la forma, la topografia e l'atmosfera della cometa. La superficie della cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko presenta segni di molti processi attivi, ed è altamente complessa. Una fessura che si estende oltre 100 metri sul collo della cometa solleva la questione di se o quando, la cometa si spezzerà in due.

rosetta1

Che cosa significa non è certo, ma gli scienziati del team Rosetta hanno dichiarato che la flessione della cometa potrebbe essere la causa della fessura. Come la cometa si avvicina al Sole, la radiazione solare fa aumentare la temperatura del materiale di superficie. Come tutti i materiali, anche quelli dellla cometa si espande e si contrae con la temperatura. Il crack, o fessura, potrebbe significare l'inizio della fine per la cometa 67P / Churyumov-Gerasimenko. Essa si trova nella zona del collo, nella regione denominata Hapi, la zona più attiva al momento e forse, la zona più attiva complessivamente. Sebbene la regione Hapi appare costantemente più luminosa, in questo momento, le misurazioni di Rosetta (sotto) mostrano tuttavia un 15% in meno luce che altrove.


rosetta2

La domanda più grande sulla cometa che ancora non ha una precisa risposta, però, è come essa si sia formata. Due teorie predominanti rimangono: o essa è il risultato del "contatto" di due corpi più piccoli che unendosi hanno formato un'unica cometa, o il collo centrale è eroso nel tempo. Quest'ultima teoria è supportata dal fatto che i  ricercatori hanno osservato che la maggior parte delle espulsioni di gas dalla cometa accade proprio al collo, poichè le telecamere di OSIRIS hanno visto la nascita di getti di gas e detriti.

Un altro studio descrive in dettaglio la superficie del frammento della cometa che è visibile dalla posizione attuale della sonda Rosetta (parete sud non è visibile ancora perché è rivolta verso il Sole e la sonda Rosetta si è rifugiata nella zona di ombra per non ricevere direttamente la luce solare). La regione settentrionale della Churyumov Gerasimenko è, tuttavia, più della metà di tutta la superficie della cometa, ed è divisa in 19 diverse regioni, tutte aventi nomi delle antiche divinità egizie, nello stile della nomenclatura di tutta la missione.

Dettagli sulle texture e geomorfologia del nucleo cometario aiuteranno i ricercatori a determinare come la sua forma si è evoluta nel tempo. Un altro studio, condotto da Fabrizio Capaccioni, dell'Istituto Nazionale di Astrofisica di Roma, e realizzato dalle analisi rese possibili dalle osservazioni dello spettrometro VIRTIS , si concentra sulle prove di molecole di carbonio organico sulla superficie di Churyumov Gerasimenko. La cometa è molto scura, povera di ghiaccio d'acqua in superficie ma ricca di composti organici.  Questo team di scienziati spera di catturare le firme di molecole più complesse, tra cui gli aminoacidi. Per ora, tuttavia, sembra che la superficie della cometa sia dominata da forme molto più semplici di carbonio, anche se il lavoro illustrerà come queste molecole si sono sviluppate e diffuse poi in tutto il Sistema Solare. 

rosetta3

Un'immagine della cometa Shoemaker-Levy 9 (maggio 1994), dopo un incontro ravvicinato con Giove che spezzò la cometa in numerosi frammenti. Un'immagine scattata da Andrew Catsaitis di componenti B e C della cometa 73P / Schwassmann-Wachmann 3 come visti insieme il 31 maggio 2006

Altri studi si sono concentrati sulle emissioni di gas dalla cometa, e come si sono accumulati per formare il coma, la lunga coda luminosa che caratterizza questo enigmatico "senzatetto" stellare! Mentre la cometa si avvicina al Sole e riscalda il cuore, la virgola diventerà gradualmente più grande e più massiccia. Il coma prodotto da ghiacci sublimatici dal nucleo è molto variabile, la visualizzazione di grandi cambiamenti diurni e possibilmente di stagione. Il sensore termico MUPUS del lander Philae ha misurato una temperatura di -153 °C (-243 ° F) presso il sito di atterraggio, mentre VIRTIS, uno strumento a bordo della sonda Rosetta primario, ha misurato -70 °C (-94 ° F) al momento. Queste temperature saliranno il 13 agosto 2015 (perielio), ad una distanza di 1,2432 UA (24% più lontano dal Sole rispetto alla Terra). Allo stato attuale, ossia il 23 gennaio, la cometa 67P è a 2,486 UA dal Sole (2 1/2 volte più lontano dal Sole rispetto alla Terra). L'intensità della radiazione solare aumenterà di 4 volte tra il presente (gennaio 2014) e il perielio nel mese di agosto.

Rosetta continuerà a monitorare la  cometa e consegnare le immagini di tutta la superficie che daranno agli scienziati il modo di determinare le condizioni attuali della 67P /Churyumov- Gerasimenko, e il suo destino nel  lungo termine.

Ali Dorate

 

Meteo Portale Italia © Riproduzione riservata

Homepage   Chi siamo   Info-Contatti-Archivio   Lavora con noi   Privacy e Cookies   Note legali

Seguici anche su

facebook-logo ter Twitter-icon-60-pz google-plus-logo 3 linkedin 60 px  youtube 60px rss icon 60x60

Logo-MPI-fine-articolo-JPG

Meteo Portale Italia - MALU s.r.l. - C.F. e P.IVA 08683291002

Copyright © 2011-2015 Meteo Portale Italia. Tutti i diritti riservati.


Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Webcam multi tipo

citta

traffico

montagne

italia-montagne

italia-montagne2

spiagge

cielo

animali

luoghi-tipici

radio-e-tv

scientifiche

sport-e-eventi

laghi fiumi parchi

video-da-webcam