ultime dallitalia h 75   ultime dal mondo h 75   extreme weather h75

    analisi-modelli h 75  Scienze-h-75  Terremoti-h-75

Back Sei qui: Homepage Meteo estero Meteo estero Curiosità e particolarità meteorologiche La ricerca approfondisce la comprensione degli SPRITES. FOTO

Curiosità e particolarità meteorologiche

La ricerca approfondisce la comprensione degli SPRITES. FOTO

banner-all-articles-top-defin-02-720x81-px

Sono fissati ad un'altezza da 50 a 100 km e, a volte, raggiungono decine di chilometri.

sprite11Si tratta di una forma misteriosa spesso scambiata per  UFO a causa della luce, spesso dai colori vivaci, che può sprigionare insieme allo strano bagliore che lo accompagna.

Ora gli scienziati credono di aver trovato un punto di svolta. Nel 1989 è stato fotografato uno "sprite", una specie rara di fulmine che si verifica nella mesosfera e la termosfera. Questo fenomeno è stato poi osservato assolutamente per caso, durante le prove di un nuovo obiettivo della fotocamera sensibile ottenuto durante un temporale.

Dopo aver esaminato tutte le registrazioni, gli scienziati hanno scoperto a 30 chilometri sopra le nuvole lampi di luce a forma di imbuto che durano pochi millisecondi. Nelle immagini satellitari si possono trovare decine di focolai simili in diversi colori: rosso (a un'altitudine di circa 70 km, questo colore dona azoto) e il blu (se un focolaio si verifica in prossimità del suolo, dove la pressione è maggiore e più alta quantità di ossigeno).

sprite

Tali focolai sono ancora molto poco conosciuti. Queste cariche elettriche sono fissate ad un'altezza da 50 a 100 km e a volte raggiungono decine di chilometri. La loro lunghezza, circa 100 millisecondi (0,1 secondi) può essere spiegato da una scoperta relativamente tardiva di questo fenomeno.

sprite1

Il prof. Ninyuy Liu del Florida Institute of Technology e suoi colleghi hanno deciso di studiare tali fenomeni e hanno creato un modello di razzi utilizzando i dati del terreno e le osservazioni aeree. Nella loro ricerca pubblicata su Nature Communications, hanno concluso che gli sprites si verificano durante i temporali, quando le onde gravitazionali atmosferiche influenzano il campo elettrico, che si trova al di sopra e al di sotto delle nubi temporalesche. Onde gravitazionali atmosferiche si verificano quando i fronti atmosferici interagiscono con creste o altri grandi oggetti naturali. In atmosfera, queste onde provocano forti perturbazioni che interessano il campo elettrico intorno alle nuvole di tempesta.Due aerei sono riusciti a filmare lo sprite a 250 km di distanza. Si presenta con un alone che appare ad una altitudine di circa 70 km entro 2-4 millisecondi da un fulmine in una nube di tuono.
L'alone dura circa 10 millisecondi e appare come una "fiamma" e entro un millisecondo lo sprite stesso lampeggia vivacemente e scompare.

 

sprite12

sprite2

Sono abbastanza brillanti da essere vista ad occhio nudo di notte e sono stati riscontrati anche dagli astronauti sulla Stazione Spaziale Internazionale.

sprite13

L'immagine sopra mostra la simulazione al computer di uno sprite causata da onde gravitazionali come previste dal modello realizzato dal professor Liu e il suo team. Le osservazioni reali abbinati questo e forniscono nuove prove che gli sprite sono causati da onde gravitazionali atmosferiche.

Alcuni parametri di potenza e frequenza delle oscillazioni possono portare alla formazione di  fulmini. Per grandi dimensioni e interferenze di bassa fluttuazioni si riduce la probabilità di sprite.  È interessante notare che gli sprites solitamente appaiono in gruppi, di uno, sono "mobile" e disposti in un cerchio. "Candele" (colonne verticali in sprite) possono raggiungere un'altezza di 20 km, il diametro può arrivare fino a 70 km. Non ci sono solo gli sprites nella mesosfera, termosfera e stratosfera ma anche i c.d. getti blu e gli elfi Tiger. Il loro colore e la forma dipendono dall'altezza e dimensioni dall'atmosfera superiore al bordo dello spazio.
Lo studio è difficile a causa della alta quota, ma le immagini della ISS forniranno nuove informazioni e al National Space Centre in Danimarca vi è uno strumento per tali studi - Monitor atmosferica Spazio Interactions (ASIM), che potrebbe essere utilizzato da ESA.

Meteo Portale Italia © Riproduzione riservata

Homepage   Chi siamo   Info-Contatti-Archivio   Lavora con noi   Privacy e Cookies   Note legali

Seguici anche su

facebook-logo ter Twitter-icon-60-pz google-plus-logo 3 linkedin 60 px  youtube 60px rss icon 60x60

Logo-MPI-fine-articolo-JPG

Meteo Portale Italia - MALU s.r.l. - C.F. e P.IVA 08683291002

Copyright © 2011-2015 Meteo Portale Italia. Tutti i diritti riservati.


Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Webcam multi tipo

citta

traffico

montagne

italia-montagne

italia-montagne2

spiagge

cielo

animali

luoghi-tipici

radio-e-tv

scientifiche

sport-e-eventi

laghi fiumi parchi

video-da-webcam