ultime dallitalia h 75   ultime dal mondo h 75   extreme weather h75

    analisi-modelli h 75  Scienze-h-75  Terremoti-h-75

Back Sei qui: Homepage Clima Dibattito sul Clima Gli scienziati "dissidenti " dicono... Gli SCIENZIATI MARINI ricostruiscono il passato delle variazioni nel CLIMA ARTICO

Gli scienziati "dissidenti " dicono...

Gli SCIENZIATI MARINI ricostruiscono il passato delle variazioni nel CLIMA ARTICO

banner-all-articles-top-defin-02-720x81-px

Risultati sorprendenti dalla ricostruzione temporale climatica della regione artica negli ultimi 4 milioni di anni.

1 CLIMA ARTICOUn nuovo articolo, pubblicato su Earth and Planetary Science Letters, trova prove proxy di una temperatura geologica che fa emergere come "circa quattro milioni di anni fa i grandi cambiamenti climatici hanno iniziato ad emergere, promuovendo la maggiore glaciazione del Nord America. Da 1 milione di anni fa, questo effetto è stato amplificato, anche in risposta alle drastiche alternanze tra fasi calde e fredde delle ere glaciali."

La definizione geologica "età di ghiaccio", vuole indicare la terra ancora in un'epoca di ghiaccio dovuto alla presenza di calotte in entrambi i poli.

4 CLIMA ARTICO

La figura sopra mostra il tempo in milioni di anni fa, lungo l'asse di temperatura orizzontale e verticale, indicanti il raffreddamento e una maggiore glaciazione dell'Artico e Nord emisfero negli ultimi ~ 4 milione di anni, e l'accelerazione nell'ultimo milione di anni. I Proxy Ferromanganese sono mostrati in blu scuro, verde, rosso, e il d18O mostrato in azzurro.

Ecco l'articolo nella sua interezza: Gli scienziati marini ricostruiscono il passato delle variazioni nel clima artico:

Negli ultimi decenni, le croste ferro-manganese sono state al centro di interessi a causa del loro potenziale di risorse di metalli preziosi, quali cobalto, nichel o elementi rari, che sono altamente arricchiti in queste croste. Per il momento, tuttavia, il costo delle miniere subacquee supera il costo del recupero. Il futuro sviluppo cambierà questo stato, e l'estrazione mineraria in alto mare un giorno potrebbe diventare redditizia. Nel loro nuovo studio, gli scienziati marini tedeschi dimostrano che il loro contenuto di metallo non è l'unico valore di queste croste, ma che sono anche archivi dei cambiamenti climatici passati.

2 CLIMA ARTICO

Le Croste Ferromanganese sono fino a 26 centimetri di spessore, che mostrano laminati di crescita paragonabili a tre anelli, ma su scala temporale molto più lunga. Le croste crescono a tassi di crescita estremamente lenta di pochi millimetri per milione di anni. Si formano sulla sommità e le pendici delle montagne sottomarine, e così facendo questi sedimenti chimici registrano i cambiamenti nella chimica dell'oceano, che riflettono l'evoluzione delle correnti oceaniche e del clima sui continenti nel corso di milioni di anni.

Ma come vengono memorizzate le informazioni nelle croste?

Le principali fonti di sostanze chimiche nell'acqua di mare sono le rocce dei continenti. L'erosione atmosferica scioglie le rocce, consentendo il trasferimento dei componenti chimici agli oceani. Alcune di queste sostanze ereditano le "impronte geochimiche" delle loro regioni di origine, e viaggiano in tutto il mondo insieme con le correnti oceaniche. Le variazioni delle condizioni climatiche, come l'emergere di grandi glaciazione sui continenti, hanno portato ad un cambiamento nella composizione chimica dell'acqua di mare. Gli enormi scudi di ghiaccio macinano le pietre in modo più efficiente, e rilasciano maggiori quantità di alcuni composti chimici agli oceani.

3 CLIMA ARTICO

"Questo è il modo in cui possiamo seguire come le condizioni glaciali in Nord America sono cambiate durante la creazione di grandi glaciazioni del passato", sottolinea Veit Dausmann, autore principale dello studio. Sono state analizzate nello studio 3 croste di ferromanganese alla profondità d'acqua tra 2.200 e 3.600 metri. Gli esemplari sono spessi solo pochi centimetri, e sono stati recuperati dal bacino Canadese dell'Oceano Artico nel corso di una crociera del rompighiaccio Healy, dell'US Coast Guard, nel 2005, per esplorare la zona esclusiva degli Stati Uniti nel Mar Glaciale Artico. "Sette milioni di anni del passato dell'oceano sono archiviati in queste croste", afferma James R. Hein, geologo USGS e co-autore dello studio. La datazioni sono state determinate utilizzando l'isotopo naturale radioattivo berillio-10, presso l'ETH di Zurigo.

1 CLIMA ARTICO

6 CLIMA ARTICOLa serie storica delle impronte geochimiche mostra che a causa della lenta mescolanza delle acque profonde nel Mar Glaciale Artico, i cambiamenti delle condizioni climatiche sulla terra hanno lasciato una datazione particolarmente distinta. I nuovi dati mostrano che circa 4 milioni di anni fa i grandi cambiamenti climatici hanno cominciato ad emergere in quello che ha promosso la maggiore glaciazione del Nord America: 1 milione di anni fa questo effetto è stato amplificato, anche in risposta alle drastiche alternanze tra fasi calde e fredde delle ere glaciali. "Decifrare le ricostruzioni climatiche conservate in queste croste ferromanganese chiude una grande lacuna nella nostra conoscenza del passato delle regioni artiche", spiega Martin Frank, professore GEOMAR e co-autore dello studio. "A causa delle condizioni difficili e dell'inaccessibilità delle lunghe registrazioni sedimentarie del bacino Canadese, i nostri archivi di uso comune dei cambiamenti climatici a lungo termine non erano fino ad ora disponibili in maniera completa."

5 CLIMA ARTICO

L'accelerazione della glaciazione artica negli ultimi milioni di anni non è ancora una volta spiegata dalla CO2, in quanto i livelli di CO2 sono rimasti relativamente stabili nel corso dell'ultimo milione di anni, un'altra indicazione che la CO2 potrebbe non essere la principale forzante del clima.

Argomenti correlati, che potrebbero interessarvi:

Nuove comprensioni sui processi Geologici sotto il Fondo Marino

Glaciazione della Groenlandia causata da processi in profondità all'interno della terra:DETTAGLI

Cambiamenti Orbitali:Vulcani nei fondali marini possono modificare il Clima;DETTAGLI

ARTICO:Il nostro pianeta sta perdendo gas metano da sempre;DETTAGLI

Cicli climatici e la loro estrapolazione alternativa al Futuro visto dai Modelli IPCC

Dati Sottomarini utilizzati per studiare la turbolenza sotto il Ghiaccio Artico:DETTAGLI

Paolo Lui mpi end

Meteo Portale Italia © Riproduzione riservata

Homepage   Chi siamo   Info-Contatti-Archivio   Lavora con noi   Privacy e Cookies   Note legali

Seguici anche su

facebook-logo ter Twitter-icon-60-pz google-plus-logo 3 linkedin 60 px  youtube 60px rss icon 60x60

Logo-MPI-fine-articolo-JPG

Meteo Portale Italia - MALU s.r.l. - C.F. e P.IVA 08683291002

Copyright © 2011-2015 Meteo Portale Italia. Tutti i diritti riservati.


Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Webcam multi tipo

citta

traffico

montagne

italia-montagne

italia-montagne2

spiagge

cielo

animali

luoghi-tipici

radio-e-tv

scientifiche

sport-e-eventi

laghi fiumi parchi

video-da-webcam