ultime dallitalia h 75   ultime dal mondo h 75   extreme weather h75

    analisi-modelli h 75  Scienze-h-75  Terremoti-h-75

Back Sei qui: Homepage Sismologia Sismologia Editoriali Sismologia Edifici distrutti dal Terremoto di TOHOKU nel 2011: Rilasciate sostanze dannose per l'OZONO

Editoriali Sismologia

Edifici distrutti dal Terremoto di TOHOKU nel 2011: Rilasciate sostanze dannose per l'OZONO

banner-all-articles-top-defin-02-720x81-px

Rilasciate nell'atmosfera migliaia di tonnellate di sostanze chimiche dannose per l'ozono.

1 Terremoto TOHOKU La nuova ricerca suggerisce che le migliaia di edifici distrutti e danneggiati durante il terremoto di magnitudo 9,0 e lo tsunami che ha colpito il Giappone quattro anni fa, hanno rilasciato in atmosfera 6.600 tonnellate di gas immagazzinati in isolamenti, elettrodomestici e altre apparecchiature.

Le emissioni di queste sostanze chimiche, chiamate idrocarburi alogenati, sono aumentate del 21 al 91% rispetto ai livelli tipici, secondo il nuovo studio accettato per la pubblicazione sulla Geophysical Research Letters, una rivista della American Geophysical Union.

Lo studio è il primo a guardare come il terremoto di Tohoku ha influito sul rilascio di idrocarburi alogenati in atmosfera, e probabilmente uno dei primi ad esaminare le emissioni di questi gas a seguito di un disastro naturale, secondo gli autori dello studio.

1 Terremoto TOHOKU

"Quello che abbiamo trovato è un nuovo meccanismo di emissioni di alocarburi provenienti dal terremoto", ha detto Takuya Saito, un ricercatore dell'Istituto Nazionale di Studi Ambientali di Tsukuba, in Giappone, e autore principale dello studio.

Gli Idrocarburi alogenati rilasciati a seguito del terremoto sono sostanze chimiche che riducono lo strato di ozono e contribuiscono al riscaldamento globale, inclusi alcuni gas che non sono più utilizzati a causa di questi effetti nocivi per l'ambiente. Questi includono clorofluorocarburi come il CFC-11, una potente sostanza chimica dannosa per l'ozono utilizzata nella schiuma isolante fino a quando non è stata abbandonata nel 1996, e idroclorofluorocarburi come l'HCFC-22, un refrigerante dannoso per l'ozono, che è anche un potente gas a effetto serra ed è in processo di essere gradualmente fuori uso. Tra gli altri idrocarburi alogenati rilasciati dal terremoto erano presenti idrofluorocarburi o HFC e l'esafluoruro di zolfo, entrambi potenti gas serra. Le emissioni totali delle sei sostanze chimiche sono anche l'equivalente del rilascio di 19,2 milioni di tonnellate di anidride carbonica in atmosfera,un importo pari a circa il 10% delle emissioni dei veicoli giapponesi nel 2011.

Saito ed i suoi colleghi hanno deciso di indagare sulle emissioni di alocarburi e il loro rapporto con il terremoto, dopo che le stazioni di monitoraggio dell'aria a terra in Giappone hanno registrato elevati livelli sorprendenti di queste sostanze chimiche. Le stazioni sono a Hateruma Island, a est di Taiwan; Cape Ochiishi, sul lato est di Hokkaido; e Ryori, a nord di Tokyo Honshu.

Gli autori dello studio hanno combinato queste misure con un modello atmosferico e altri metodi matematici per capire che un aumento delle emissioni causate dal terremoto sono state coinvolte, e la quantità di emissioni potrebbe essere attribuite al disastro. Essi hanno scoperto che le emissioni di tutti i sei idrocarburi alogenati erano più alte da marzo 2011 a febbraio 2012, a seguito del terremoto, di quanto lo fossero durante lo stesso tempo l'anno prima dell'evento e durante lo stesso periodo l'anno dopo.

2 Terremoto TOHOKU

Circa il 50% delle emissioni di alocarburi dopo il terremoto erano di HCFC-22, probabilmente a causa di danni ai frigoriferi e condizionatori d'aria. Le emissioni di gas sono state del 38% superiore a quello degli anni prima e dopo il terremoto. Le emissioni di CFC-11 sono state del ​​72% superiori a quelle delle emissioni prima e dopo il terremoto, probabilmente a causa di danni alle schiume isolanti utilizzate nelle apparecchiature ed edifici. Le emissioni di due tipi di HFC, l'HFC-134a e HFC-32 sono aumentate dal 49 al 63% rispetto agli anni prima e dopo il disastro.

Saito afferma che il nuovo studio dimostra l'importanza di includere il rilascio di gas da disastri naturali nelle stime delle emissioni. Anche se l'effetto globale di un evento è piccolo, le emissioni associate con il terremoto di Tohoku hanno rappresentato il 4% delle emissioni globali nel 2011, e l'effetto cumulativo potrebbe essere più grande. le Calamità naturali accelerano il rilascio di idrocarburi alogenati, e la sostituzione di tali gas potrebbe comportare l'uso di più idrocarburi alogenati.

Paolo Lui mpi end

Meteo Portale Italia © Riproduzione riservata

Homepage   Chi siamo   Info-Contatti-Archivio   Lavora con noi   Privacy e Cookies   Note legali

Seguici anche su

facebook-logo ter Twitter-icon-60-pz google-plus-logo 3 linkedin 60 px  youtube 60px rss icon 60x60

Logo-MPI-fine-articolo-JPG

Meteo Portale Italia - MALU s.r.l. - C.F. e P.IVA 08683291002

Copyright © 2011-2015 Meteo Portale Italia. Tutti i diritti riservati.


Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Webcam multi tipo

citta

traffico

montagne

italia-montagne

italia-montagne2

spiagge

cielo

animali

luoghi-tipici

radio-e-tv

scientifiche

sport-e-eventi

laghi fiumi parchi

video-da-webcam