ultime dallitalia h 75   ultime dal mondo h 75   extreme weather h75

    analisi-modelli h 75  Scienze-h-75  Terremoti-h-75

Back Sei qui: Homepage Scienze Scienze Geologia, Ecologia e critica ambientale FRANA sul Monte Steele, in Canada. DETTAGLI sismici e satellitari

Geologia, Ecologia e critica ambientale

FRANA sul Monte Steele, in Canada. DETTAGLI sismici e satellitari

banner-all-articles-top-defin-02-720x81-px

Questa è la seconda gigantesca frana nella zona di St Elias quest'anno.

15 10 Steel L'utilizzo di sismometri e satelliti ha permesso agli scienziati di identificare una grande frana nel sud-ovest dello Yukon, in Canada.

Il 12 ottobre 2015 circa 45 megatoni di roccia e ghiaccio, l'equivalente del  peso di circa 700 portaerei, sono caduti lungo il fianco sud-est del Monte Steele, scivolando su tutta la superficie del Ghiacciaio Steele. Il Monte Steele, la quinta montagna più alta del Canada, si trova tra le montagne di Saint Elias in una parte disabitata del sud-ovest del Territorio dello Yukon. Senza una rete di sismometri e satelliti, la valanga molto probabilmente sarebbe passata inosservata, in questa regione remota. Tuttavia, Colin Stark e Göran Ekström, gli scienziati della Columbia University che monitorano l'attività delle onde sismiche per dar prova di eventuali frane, si sono affrettati a rilevare l'evento. I due scenziati sono venuti a conoscenza dell'evento dopo che un rapido strumento software di rilevamento aveva passato al setaccio i dati da una rete sismica globale, rilevando un segnale indicativo di un evento abbastanza significativo l'11 ottobre.

I sensori rilevano le onde sismiche, vibrazioni che si irradiano attraverso la crosta terrestre a causa dei movimenti bruschi di roccia, ghiaccio, magma,o residui di superficie. I dati sismici suggerivano che una frana si era verificata in prossimità del Monte Steele. Tuttavia, i dati sismici non possono far altro che fornire una posizione approssimativa all'interno di un'area di 500 chilometri quadrati dalla frana. La conferma visiva è avvenuta il 13 ottobre 2015, quando l'Operational Land Imager (OLI), equipaggiato sul Landsat 8, ha acquisito le immagini di seguito riportate.

steele oli 2015286

L'immagine in basso mostra la stessa zona il 4 ottobre 2015, prima che la valanga si verificasse.

steele oli 2015277

I detriti  partono dallo Steele: il picco secondario del Monte Steele dove la frana inizia. Le aree scure sono ombre. "Frane normali si spostano su una distanza orizzontale ma le frane in cima ai  ghiacciai spesso hanno un'eccentricità allungata, poiché la superficie del ghiaccio ha un basso attrito" ha spiegato Stark. In questo caso, i detriti sono scesi rapidamente per circa un chilometro, per poi rallentare quando hanno colpito la superficie del ghiacciaio, e poi sono scivolati verso nord-est per circa due chilometri. Secondo l'analisi di Stark e Ekström, la velocità massima dei detriti era di circa 30 metri al secondo.

mappafrana0

mappafrana

Questo è un grafico della pista della frana con i vettori di accelerazione overlain. La frana inizia nell'angolo in basso a sinistra su questo terreno:

mappafrana1

Questo è il lungo profilo della pista della frana come risulta dai dati sismici. Le frecce indicano la velocità della frana in ogni punto.

 

15 10 Steel 2

15 10 Steel


Non c'era nessun terremoto o altro innesco evidente per la valanga. "Molto grandi frane come questa hanno spesso trigger molto ambigui", ha detto Stark. "Il guasto avviene a causa di un accumulo a lungo termine di stress all'interno e un indebolimento a lungo termine della roccia".

Questa frana non è stata l'unica a influenzare questa regione di recente. Nel 2007, una valanga che ha avuto inizio sul monte Steele ha scaricato 105 megatoni di detriti sullo Steele Glacier. Anche se la neve ora ricopre il paesaggio, i contorni dei detriti sono ancora visibili a pochi chilometri a nord-ovest dei detriti del 2015.

15 10 Steele2007

2007 Monte Steele frana da Lipovsky et al. (2008)

Nel febbraio 2014, circa 68 megatoni di detriti scivolarono giù dal Monte La Perouse nel sud-est dell'Alaska. Dal 2013, Stark e Ekström hanno rilevato e identificato dieci frane che sono state abbastanza grandi per scaricare più di 15 megatoni di detriti, utilizzando una combinazione di segnali sismici e immagini satellitari. Altri eventi più grandi di questi  si sono verificati, e gli scienziati hanno osservato frane enormi in Kashmir e in Tibet che hanno trasportato 440- 550 megatoni di detriti.

 A.T.

Meteo Portale Italia © Riproduzione riservata

Homepage   Chi siamo   Info-Contatti-Archivio   Lavora con noi   Privacy e Cookies   Note legali

Seguici anche su

facebook-logo ter Twitter-icon-60-pz google-plus-logo 3 linkedin 60 px  youtube 60px rss icon 60x60

Logo-MPI-fine-articolo-JPG

Meteo Portale Italia - MALU s.r.l. - C.F. e P.IVA 08683291002

Copyright © 2011-2015 Meteo Portale Italia. Tutti i diritti riservati.


Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Webcam multi tipo

citta

traffico

montagne

italia-montagne

italia-montagne2

spiagge

cielo

animali

luoghi-tipici

radio-e-tv

scientifiche

sport-e-eventi

laghi fiumi parchi

video-da-webcam