ultime dallitalia h 75   ultime dal mondo h 75   extreme weather h75

    analisi-modelli h 75  Scienze-h-75  Terremoti-h-75

Back Sei qui: Homepage Scienze Scienze Geologia, Ecologia e critica ambientale Secondo nuovi studi le falde acquifere della Terra sarebbero in rapido esaurimento

Geologia, Ecologia e critica ambientale

Secondo nuovi studi le falde acquifere della Terra sarebbero in rapido esaurimento

banner-all-articles-top-defin-02-720x81-px

Due satelliti GRACE sono attualmente in orbita attorno alla Terra.

GRACEIn due nuovi studi condotti dall'Università di California, Irvine (UCI), gli scienziati hanno mappato 37 dei più grandi bacini sotterranei del mondo, con i satelliti NASA Gravity Recovery and Climate Experiment (GRACE) e sono giunti alla conclusione che l'umanità sta rapidamente esaurendo un terzo di queste fonti sotterranee di acqua.

Circa 2 miliardi di persone fanno affidamento direttamente sulle falde sotterranee come loro fonte primaria di acqua. L'acquaa viene continuamente utilizzata per la coltivazione che è la nostra fonte di cibo. Così, l'acqua sotterranea è finita in fretta. Tuttavia, prima di creare alarmismi dobbiamo determinare quanta acqua è rimasta nei serbatoi sotterranei.
" Visto quanto velocemente stiamo consumando le riserve sotterranee di tutto il mondo, abbiamo bisogno di uno sforzo coordinato globale per determinare quanto è rimasto", ha detto il professore e ricercatore principale Jay Famiglietti, che è anche lo scienziato presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA a Pasadena, California.

trends in groundwater storage


In due nuovi studi separati, pubblicati in Water Resources Research, gli scienziati hanno usato i dati della missione satellitare GRACE per valutare le tendenze nelle falde acquifere. Questa missione, iniziata nel 2002, è uno sforzo congiunto tra gli Stati Uniti National Aeronautics and Space Administration (NASA) e la tedesca Deutsche Forschungsanstalt für Luft und Raumfahrt (DLR). Nel primo articolo, i ricercatori hanno scoperto che 13 su 37 delle più grandi falde acquifere del pianeta studiate tra il 2003 e il 2013 si sono impoverite. Otto sono state classificate come "stress eccessivo", con quasi nessun rifornimento naturale per compensare il loro utilizzo. Altre cinque sono risultate "estremamente" o "altamente" stressate. 
Il team di ricerca include i co-autori della NASA, il National Center for Atmospheric Research, la National Taiwan University e UC Santa Barbara.
Gli scienziati hanno concluso che il volume totale delle acque sotterranee utile del mondo è poco conosciuto. Il volume reale stimato è di gran lunga inferiore a decenni fa.  Nel nord-ovest del Sahara , per esempio, il tempo di stime di esaurimento del sistema acquifero è variabile. Secondo i risultati della ricerca, il sistema acquifero arabo, una fonte d'acqua importante per più di 60 milioni di abitanti, è la più sollecitata del mondo. La falda acquifera Indus Basin del nord-ovest dell'India e del Pakistan è la seconda più stressata  e il bacino del Murzuk-Djado in Africa settentrionale è la  terza. La maggior parte delle falde acquifere atone erano situate nelle foreste e regioni con elevata piovosità.
Le falde acquifere più sovraccariche sono nelle aree più aride del mondo. Alexandra Richey, l'autore principale entrambi gli studi, che ha condotto la ricerca, come  studente di dottorato UCI, mette in guardia contro ciò che potrebbe accadere se la crisi idrica sorgesse in una regione con tensioni socio-economiche o politiche.  La ricerca rileva che la scarsità d'acqua ha già provocato notevoli danni ecologici. Gli autori chiedono uno sforzo ben concertato per determinare la quantità di acqua che è rimasta in serbatoi sotterranei del mondo. Questo non può essere un lavoro facile in quanto la profondità e lo spessore di molte grandi falde acquifere lo rendono difficile e poi è costoso perforare o comunque raggiungere la roccia e capire dove il fondo di umidità fuori. Nonostante ciò, gli autori sottolineano  che deve essere fatto per il maggior beneficio dell'umanità.

Ali Dorate

 

Meteo Portale Italia © Riproduzione riservata

Homepage   Chi siamo   Info-Contatti-Archivio   Lavora con noi   Privacy e Cookies   Note legali

Seguici anche su

facebook-logo ter Twitter-icon-60-pz google-plus-logo 3 linkedin 60 px  youtube 60px rss icon 60x60

Logo-MPI-fine-articolo-JPG

Meteo Portale Italia - MALU s.r.l. - C.F. e P.IVA 08683291002

Copyright © 2011-2015 Meteo Portale Italia. Tutti i diritti riservati.


Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Webcam multi tipo

citta

traffico

montagne

italia-montagne

italia-montagne2

spiagge

cielo

animali

luoghi-tipici

radio-e-tv

scientifiche

sport-e-eventi

laghi fiumi parchi

video-da-webcam