ultime dallitalia h 75   ultime dal mondo h 75   extreme weather h75

    analisi-modelli h 75  Scienze-h-75  Terremoti-h-75

Back Sei qui: Homepage Scienze Scienze Geologia, Ecologia e critica ambientale Mappatura del rischio frane dopo il terremoto in Nepal e l'impatto dei MONSONI

Geologia, Ecologia e critica ambientale

Mappatura del rischio frane dopo il terremoto in Nepal e l'impatto dei MONSONI

banner-all-articles-top-defin-02-720x81-px

Un approfondito esame delle immagini satellitari disponibili fornisce informazioni dettagliate.

nepallandslides inv 2015113Il Nepal si sta lentamente riprendendo dalla fase di emergenza del terremoto e comincia ad attuare le fasi di ripresa e di ricostruzione.

Ora l'attenzione si sta rivolgendo ai potenziali impatti del periodo del monsone di SW. E' reale la preoccupazione che l'intensa pioggia che il monsone porta con sè possa riattivare molte frane e innescare una serie di nuovi smottamenti. Un team internazionale sta quindi cercando di mappare i rischi delle frane in Nepal prima che il monsone estivo aggiunga altra miseria alla regione.

Una squadra di volontari internazionali studia sistematicamente le immagini satellitari di tutta l'area per identificare i rischi aggiuntivi ossia le frane indotte dal terremoto. "Le frane innescate dai terremoti o dalle forti piogge  sono un ulteriore pericolo poichè possono svilupparsi così velocemente e creare più danni di quanto si possa immaginare", ha spiegato Dalia Kirschbaum, uno scienziato della NASA's Goddard Space Flight Center. Come parte di una risposta al disastro di  magnitudo 7.8 del terremoto Gorkha  e le sue scosse di assestamento, Kirschbaum e Jeff Kargel, un glaciologo presso l'Università dell'Arizona, stanno organizzando un gruppo di scienziati volontari per individuare dove e quando le frane si sono verificate nelle zone  del Nepal,  Cina e India. Dal 25 aprile, data del primo terremoto, al 20 maggio, il team ha mappato collettivamente quasi 1.000 frane. Diversi sottogruppi si sono concentrati sulla mappatura,  la misurazione e la valutazione del disastro. Alcune squadre creano mappe che raccontano il tipo e l'entità del danno esistente; altre creano mappe di vulnerabilità che mostrano i rischi potenziali.
Quasi 40 volontari da raggiungere ad una rete supportata dalla NASA, Global Land Ice Measurements from Space (GLIMS). "E' stupefacente vedere il livello di impegno, passione e abilità dei volontari che stanno svolgendo questi compiti. Non ci sono parole per descrivere questo senso di missione che va oltre ogni cosa", ha detto Kargel
La mappatura delle frane è particolarmente importante a causa della stagione dei monsoni imminente. Il maggior numero di frane si verificano durante i mesi piovosi, tra giugno e ottobre. In generale, se il terreno è scivolato in una determinata area, avrà una maggiore probabilità di "vivere" un'altra frana perché il terreno è instabile e più sensibile ai fattori ambientali come la forte pioggia. In seguito al terremoto Gorkha, i ricercatori sono preoccupati che le frane possano essere ancora più frequenti  quest'anno.
Lo sforzo di mappatura delle frane include ricercatori dal Nepal, gli Stati Uniti, Canada, Regno Unito, Cina, Giappone, Australia e Paesi Bassi. I collaboratori hanno fornito informazioni che il governo nepalese, militari e gli enti scientifici potrebbero utilizzare per prendere decisioni su eventuali evacuazioni e un supporto di soccorso. Le due mappequi riportate tracciano la posizione di eventi franosi  e pericoli. I colori rappresentano le squadre che hanno trovato o sono li per studiare. In rosso l'ICIMOD, il Centro internazionale per lo sviluppo integrato in ambiente montano, un istituto incentrato sul miglioramento della vita delle persone nella regione dell'Hindu Kush himalayano. L'ICIMOD funge anche da hub regionale per SERVIR, un'iniziativa congiunta della NASA e l'Agenzia statunitense per lo sviluppo internazionale. Sia Kirschbaum e Kargel sono membri del team di Servir Scienze Applicate della NASA.

nepallandslides inv 2015113

nepallandslides inv 2015113 close

Lo sforzo della mappatura avrà un beneficio a lungo termine.  Il team  utilizza immagini satellitari per individuare i luoghi delle frane per caratterizzare i pericoli aggiuntivi e incorporare altre informazioni utili come le sedi dei villaggi vicini. Fonti di dati comprendono i satelliti Landsat, il satellite Earth Observing-1, l'Advanced Spaceborne Thermal Emission and Reflection Radiometer (ASTER) sul satellite Terra, il WorldView e il GeoEye satelliti gestiti dal Digital Globe e mosaici di immagini e informazioni topografiche accessibili da Google Earth. L'immagine che segue è stata acquistata da Landsat 8 il 1 giugno il 2015.

nepal oli 2015152

Un team di mappatura del Regno Unito (punti blu sulla mappa) è composto da scienziati della British Geological Survey (BGS) e l'Università di Durham. Come i loro colleghi della NASA stanno identificando le  frane usando dati satellitari da varie fonti e la costruzione di una banca dati per lo studio futuro e per le eventuali operazioni di soccorso. Ricercatori della Nagoya University (NGA, viola sulla mappa) in Giappone hanno certificato più di 600 potenziali frane innescate dal terremoto. Un indipendente, con sede nel gruppo MacDonald, Dettwiler and Associates Ltd (MDA) -A, ha individuato frane e potenziali frane analizzando le aree prima e dopo il terremoto attraverso l'utilizzo dei dati RADARSAT-2 (arancione-marrone sulla mappa), sull'Earth-observing dell'Agenzia Spaziale Canadese.


Ali Dorate

Meteo Portale Italia © Riproduzione riservata

Homepage   Chi siamo   Info-Contatti-Archivio   Lavora con noi   Privacy e Cookies   Note legali

Seguici anche su

facebook-logo ter Twitter-icon-60-pz google-plus-logo 3 linkedin 60 px  youtube 60px rss icon 60x60

Logo-MPI-fine-articolo-JPG

Meteo Portale Italia - MALU s.r.l. - C.F. e P.IVA 08683291002

Copyright © 2011-2015 Meteo Portale Italia. Tutti i diritti riservati.


Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Webcam multi tipo

citta

traffico

montagne

italia-montagne

italia-montagne2

spiagge

cielo

animali

luoghi-tipici

radio-e-tv

scientifiche

sport-e-eventi

laghi fiumi parchi

video-da-webcam