ultime dallitalia h 75   ultime dal mondo h 75   extreme weather h75

    analisi-modelli h 75  Scienze-h-75  Terremoti-h-75

Back Sei qui: Homepage Scienze Scienze Climatologia Variabilità naturale può aver causato i bruschi cambiamenti Climatici nell'Artico degli ultimi 1.000 anni

Climatologia

Variabilità naturale può aver causato i bruschi cambiamenti Climatici nell'Artico degli ultimi 1.000 anni

banner-all-articles-top-defin-02-720x81-px

Esaminata una carota di ghiaccio dall'alto Artico Russo, in Severnaya Zemlya

 1 20 novembre 2013 ArticoForte evidenze, da analisi degli isotopi dell'ossigeno dai nuclei di ghiaccio, suggerisce che i significativi cambiamenti climatici nell'Artico nel corso degli ultimi 1.000 anni sono stati causati da variabilità naturale interna.

Questo può avere implicazioni per il nesso causale suggerito tra riscaldamento globale Antropico e i recenti cambiamenti nell'Artico, indicando che sono al lavoro un insieme molto più complesso di forzanti, e che i significativi cambiamenti climatici regionali sono una caratteristica della regione Artica.

Il documento, Eurasian Arctic Climate Over The Past Millennium As Recorded In The Akademii Nauk Ice Core (Severnaya Zemlya), redatto da Thomas Opel, Hanno Meyer e Diedrich Fritzsche dell'Istituto Alfred Wegener Institute dell'Università di Brema, è stato pubblicato nel mese di ottobre 2013.

L'immagine seguente mostra la mappa dell'eurasiatico Artico (riquadro: Severnaya Zemlya (SZ) con il punto di foratura (carotaggio) ad Akademii Nauk (AN)), comprese le posizioni schematiche della bassa islandese e alta siberiana così come la principale via di trasporto delle masse d'aria (freccia tratteggiata) per SZ.

1 20 novembre 2013 Artico

Gli autori hanno esaminato una carota di ghiaccio dall'alto Artico Russo, in Severnaya Zemlya. Essi hanno analizzato i livelli dello δ 18 O dagli isotopi di ossigeno trovati a varie profondità nella carota di ghiaccio. L'analisi degli isotopi di ossigeno può essere utilizzata come proxy per la temperatura, in quanto la miscela di isotopi da precipitazione dipende dalla temperatura al momento. In generale, più lunga è la carota di ghiaccio, più vecchio è il campione che viene analizzato. Quindi, questa analisi consente un ricostruzione temporale storica della temperatura dell'aria superficiale nel sito in cui si è effettuato il carotaggio.

2 20 novembre 2013 Artico

Gli autori hanno rilevato evidenze di temperature più alte intorno al 900 AD e nel 13 ° secolo, che sono state trovate nel corso del 17 ° secolo, ma non hanno trovato prova di "distinte epoche climatiche di più lunga durata", come l'anomalia del clima medievale, e la piccola era glaciale, che sono state registrate a latitudini più basse.

Invece, gli autori riferiscono che la datazione temporale storica ricavata dall'isotopo dell'ossigeno presenta "diversi eventi improvvisi di raffreddamenti e riscaldamenti" nel 15 °, 16 °, 18 ° e 20 ° secolo. Essi suggeriscono che questi cambiamenti bruschi, con i conseguenti periodi di raffreddamenti e riscaldamenti, possono essere dovuti alla variabilità del clima interna relativa alle variazioni dei venti e del trasporto aereo di masse d'aria causato da cambiamenti nella circolazione atmosferica, e anche ai cambiamenti nel ghiaccio marino del Mare di Barents e del Mare di Kara.

L'immagine seguente mostra la ricostruzione temporale isotopica (comprese le tendenze lineari per i periodi 900-1760 e 1800-1998) rispetto alle (dall'alto al basso) carote di ghiaccio provenienti Austfonna, Lomonosovfonna e la calotta di ghiaccio Vetreniy, così come le anomalie di temperature ambientali superficiali artiche estive (SAT), anomalie SAT artiche annuali, AN concentrazioni di sodio e dimensioni del Ghiaccio Marino Artico. Gli eventi di riscaldamento e raffreddamento bruschi che superano la variabilità dominante sono contrassegnati da un asterisco rosso. Si noti la diversa scala per la ricostruzione temporale di Lomonosovfonna.

3 20 novembre 2013 Artico

Ciò suggerisce anche che l'area artica è soggetta a notevoli variazioni climatiche regionali, che non necessariamente seguono il modello di cambiamenti climatici a latitudini più basse.

Le implicazioni di questi risultati, suggeriscono che le cause dei recenti cambiamenti nell'Artico potrebbero essere molto più complicati di quanto è stato precedentemente pensato, e che una attribuzione semplicistica dei cambiamenti climatici guidati dall'uomo potrebbe suggerire.

La conclusione del documento:

I risultati presentati in questo lavoro evidenziano il potenziale della carota di ghiaccio AN (Akademii Nauk) come un archivio climatico ad alta risoluzione per il tardo Olocene, vale a dire circa gli ultimi tre millenni. Accanto a una riduzione a lungo termine a causa del raffreddamento del clima e la crescita della calotta di ghiaccio dimostrata dalle registrazioni di δ 18 O, si evidenziano importanti variazioni di temperatura nel corso dell'ultimo millennio, che sono rappresentative almeno del Western (Ovest) eurasiatico Artico, cioè della regione dei mari di Barents e Kara.

Di particolare importanza sono i diversi eventi di brusco raffreddamento e riscaldamento che portano, ad esempio, al Minimo SAT assoluto (temperatura superficiale dell'aria) intorno al 1800, e al massimo SAT assoluto nei primi anni del 20 ° secolo, accompagnato da significativi cambiamenti nelle concentrazioni di sodio. L'ETCW (inizio del riscaldamento del XX secolo) presenta una specifica forma di doppio picco tipico delle regioni marine di Barents e Kara. I bruschi cambiamenti nel corso degli ultimi secoli, potrebbero essere stati causati da interne (naturali) dinamiche climatiche relative a spostamenti dei modelli di circolazione atmosferica e risposte corrispondenti della Banchisa Artica.

Paolo Lui mpi end

Meteo Portale Italia © Riproduzione riservata

Homepage   Chi siamo   Info-Contatti-Archivio   Lavora con noi   Privacy e Cookies   Note legali

Seguici anche su

facebook-logo ter Twitter-icon-60-pz google-plus-logo 3 linkedin 60 px  youtube 60px rss icon 60x60

Logo-MPI-fine-articolo-JPG

Meteo Portale Italia - MALU s.r.l. - C.F. e P.IVA 08683291002

Copyright © 2011-2015 Meteo Portale Italia. Tutti i diritti riservati.


Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Webcam multi tipo

citta

traffico

montagne

italia-montagne

italia-montagne2

spiagge

cielo

animali

luoghi-tipici

radio-e-tv

scientifiche

sport-e-eventi

laghi fiumi parchi

video-da-webcam