ultime dallitalia h 75   ultime dal mondo h 75   extreme weather h75

    analisi-modelli h 75  Scienze-h-75  Terremoti-h-75

Back Sei qui: Homepage Scienze Scienze Astronomia Siamo pronti per il Contatto con Intelligenze Extraterrestri?

Astronomia

Siamo pronti per il Contatto con Intelligenze Extraterrestri?

banner-all-articles-top-defin-02-720x81-px

Gli astrofisici, come Stephen Hawking, hanno già messo in guardia dal rischio che questo comporta per l'umanità

1 ExtraterrestriGli scienziati del progetto SETI sono noti per localizzare i possibili segnali extraterrestri, ma ora stanno anche valutando l'invio di messaggi dalla Terra per segnalare la nostra posizione.

Un ricercatore presso l'Università di Cadice (Spagna), ha spiegato questa idea in vista dei risultati di un sondaggio svolto da studenti, rivelando il livello generale di ignoranza sul cosmo e l'influenza della religione quando si affronta tali questioni.

Il progetto "The Search for Extraterrestrial Intelligence" (SETI), è un'iniziativa che ha avuto inizio negli anni '70 con il finanziamento della NASA, ma che si è evoluta verso la collaborazione di milioni di utenti di Internet per il trattamento dei dati dell'Osservatorio di Arecibo (Puerto Rico), in cui viene monitorato lo spazio. Ora i membri di questo controverso progetto stanno cercando di andare oltre, e di ricercare non solo i segni extraterrestri, ma anche di inviare messaggi attivamente dalla Terra (SETI attivo) per rilevare eventuali civiltà extraterrestri...

2 Extraterrestri

Gli astrofisici, come Stephen Hawking, hanno già messo in guardia dal rischio che questo comporterebbe per l'umanità, dal momento che potrebbe favorire l'arrivo di esseri con  tecnologia più avanzata e intenzioni dubbie. Le implicazioni etiche e sociologiche di questa proposta sono state analizzate dal neuro-psicologo Gabriel G. de la Torre , professore presso l'Università di Cadice, e partecipe in progetti precedenti, come il Mars 500 o lo Space psychology topical team project finanziato dall'Agenzia Spaziale Europea, che si chiede: "Può una tale decisione essere proclamata a nome di tutto il pianeta? Che cosa accadrebbe se succedesse che 'qualcuno' ricevesse il nostro segnale? Siamo preparati per questo tipo di contatto? "

Per rispondere a queste domande, il professore ha inviato un questionario a 116 studenti universitari americani, italiani e spagnoli. L'indagine ha valutato la loro conoscenza dell'astronomia, il loro livello di percezione dell'ambiente fisico, la loro opinione sul posto che occupano le cose nel cosmo, così come le questioni religiose, per esempio, "credi che Dio ha creato l'universo?", o sulla probabilità di contatto con gli extraterrestri.

I risultati, pubblicati sulla rivista "Acta Astronautica", indicano che, come specie, l'umanità non è ancora pronta per tentare di contattare attivamente una presunta civiltà extraterrestre, in quanto le persone non hanno conoscenza e preparazione. Per questo motivo, i ricercatori SETI sono raccomandati, in questo studio, alla ricerca di strategie alternative. "Questo studio pilota dimostra che la conoscenza del pubblico di un certo livello di istruzione sul cosmo, e il nostro posto all'interno di esso, è ancora scarsa. Pertanto, una coscienza cosmica deve essere ulteriormente promossa, in cui la nostra mente è sempre più consapevole della realtà globale che ci circonda, utilizzando il miglior strumento a nostra disposizione: l'istruzione."

3 Extraterrestri

De la Torre ha sottolineato:"A questo proposito, abbiamo bisogno di un nuovo Galileo a guidare questo viaggio."

E' stato desunto dai questionari, che saranno presto a disposizione di tutti in rete, che gli studenti universitari e il resto della società non hanno consapevolezza su molti aspetti astronomici, nonostante gli enormi progressi della scienza e della tecnologia. E ha anche rivelato che la maggioranza delle persone considera questi soggetti in base al loro credo religioso. "Per quanto riguarda il nostro rapporto con una possibile vita extraterrestre intelligente, dovremmo non contare su punti di riferimento morali del pensiero, poiché sono fortemente influenzati dalla religione. Perché alcuni esseri più intelligenti dovrebbero essere 'buoni'? ", ha aggiunto il ricercatore, che crede che la questione non dovrebbe essere monopolizzata da un manipolo di scienziati:" In effetti, si tratta di una questione globale, con una forte componente etica, in cui dovremmo partecipare tutti."

Paolo Lui mpi end

Meteo Portale Italia © Riproduzione riservata

Homepage   Chi siamo   Info-Contatti-Archivio   Lavora con noi   Privacy e Cookies   Note legali

Seguici anche su

facebook-logo ter Twitter-icon-60-pz google-plus-logo 3 linkedin 60 px  youtube 60px rss icon 60x60

Logo-MPI-fine-articolo-JPG

Meteo Portale Italia - MALU s.r.l. - C.F. e P.IVA 08683291002

Copyright © 2011-2015 Meteo Portale Italia. Tutti i diritti riservati.


Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Webcam multi tipo

citta

traffico

montagne

italia-montagne

italia-montagne2

spiagge

cielo

animali

luoghi-tipici

radio-e-tv

scientifiche

sport-e-eventi

laghi fiumi parchi

video-da-webcam