ultime dallitalia h 75   ultime dal mondo h 75   extreme weather h75

    analisi-modelli h 75  Scienze-h-75  Terremoti-h-75

Back Sei qui: Homepage Didattica Didattica Didattica fenomeni & parametri atmosfericii Dove hanno colpito i temporali? SSTA docet. Analisi

Didattica fenomeni & parametri atmosferici

Dove hanno colpito i temporali? SSTA docet. Analisi

banner-all-articles-top-defin-02-720x81-px

SSTA 23 luglioSono state giornate frenetiche e lo saranno almeno sino a mercoledì per i previsori per individuare con mappe, modelli venti e molti altri parametri quali sono e quali saranno le zone più colpite dalla fase di maltempo. Con molta probabilità a molti è sfuggita la traiettoria molto più da Nord-Nord Est della goccia fredda che sbattendo maggiormente sulle Alpi ha generato venti di caduta con la conseguente formazione del minimo e isolamento della goccia fredda molto più a Sud-Est rispetto alle previsioni.

Ma questo non è il solo motivo del mancato maltempo nella giornata di oggi su Lazio e Abruzzo. Osservando attentamente le anomalie superficiali delle acque nel Meiterraneo, si evince una forte anomalia sul tirreno merdionale, su tutto lo ionio e lungo la fascia adriatica. Ricordiamo che la componente fredda in entrata è stata inizialmente occidentale al Nord e succesivamente orientale verso Sud-Ovest. Il caldo Adriatico è stato foriero di episodi temporaleschi specie davanti alle coste dove si sono registrati nubifragi intensi. Vedi S.Benedetto del Tronto e il Funnel di Fano. 

Successivamente la goccia fredda si è isolata sul Basso tirreno, anche qui con la presenza elevata di anomalie termiche positive del mare. I forti temporali sui Nebrodi e sulla costa tirrenica della calabria ne sono la riprova. Il freddo in quota poi si è ulteriormente spostato verso Sud generando un contrasto intenso con il caldo Ionio tramite correnti da ovest. Il mesociclone formatosi a largo delle costa orientale della Calabria e gli inattesi temporali in atto nel Salento si formati proprio in corrispondenza delle anomalie termiche marine positive più marcate in quel tratto di mare.

Domani la goccia fredda risalirà verso NE generando un nuovo contrasto termico con il Mar Adriatico. Le emissioni modellistiche infatti mettono in risalto maggiori precipitazioni proprio su tutta la fascia costiera adriatica compreso le aree davanti alla costa. Molti temporali infatti scateneranno la loro forza in pieno Mar Adriatico.

Tornando alla situazione del mancato peggioramento del Lazio è evidente oltre alla ventilazione sfavorevole troppo secca e moderata orientale che ha inibito la convettività anche le anomalie negative del mare a ridosso della costa che non ha fornito l'energia necessaria affinchè si formassero i temporali. Stesso discorso per le coste centro settentrionali della Campania, dove i temporali perdevano consistenza a contatto con la costa.

Ecco la mappa con le evidenti anomalie positive e negative descritte

SSTA 23 luglio

Vincenzo Ficco mpi end


Meteo Portale Italia © Riproduzione riservata

Homepage   Chi siamo   Info-Contatti-Archivio   Lavora con noi   Privacy e Cookies   Note legali

Seguici anche su

facebook-logo ter Twitter-icon-60-pz google-plus-logo 3 linkedin 60 px  youtube 60px rss icon 60x60

Logo-MPI-fine-articolo-JPG

Meteo Portale Italia - MALU s.r.l. - C.F. e P.IVA 08683291002

Copyright © 2011-2015 Meteo Portale Italia. Tutti i diritti riservati.


Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Webcam multi tipo

citta

traffico

montagne

italia-montagne

italia-montagne2

spiagge

cielo

animali

luoghi-tipici

radio-e-tv

scientifiche

sport-e-eventi

laghi fiumi parchi

video-da-webcam