ultime dallitalia h 75   ultime dal mondo h 75   extreme weather h75

    analisi-modelli h 75  Scienze-h-75  Terremoti-h-75

Back Sei qui: Homepage Clima L'Era Glaciale? Probabile arrivi con condizioni scatenanti diverse dal passato

Dibattito sul Clima

L'Era Glaciale? Probabile arrivi con condizioni scatenanti diverse dal passato

banner-all-articles-top-defin-02-720x81-px

Il puzzle dei rapidi cambiamenti climatici nel corso dell'ultimo periodo glaciale è stato risolto?

1 Era GlacialeL'Alfred Wegener Institute ha rilasciato questo mese un comunicato stampa informando il mondo intero su un nuovo studio innovativo, che dimostra che oggi non abbiamo bisogno di aspettare lo stesso cambiamento climatico che la terra ha visto durante l'ultima era glaciale, perché i presupposti di allora erano diversi...

Lo scienziato del clima dell'AWI Gerrit Lohmann riassume:

"Ci sono apparentemente alcune situazioni in cui il sistema climatico è più resistente a cambiare mentre in altre il sistema tende verso forti fluttuazioni. In termini di storia della Terra, siamo attualmente in una delle fasi più stabili del sistema clima. I presupposti che hanno dato luogo ai rapidi cambiamenti di temperatura durante l'ultima era glaciale oggi non esistono."

Ma Il puzzle dei rapidi cambiamenti climatici nel corso dell'ultimo periodo glaciale è stato risolto?

Un nuovo rapporto pubblicato su Nature mostra che le piccole variazioni del sistema climatico possono portare a cambiamenti di temperatura drammatici, e si può entrare in condizioni simili all'Era glaciale in maniera diversa da quel che è accaduto in passato.

Nel corso degli ultimi 100 mila anni, il freddo prevaleva in gran parte su tutto il pianeta, nel periodo che è noto come l'Ultima Era Glaciale. Tuttavia, il periodo freddo è stato più volte interrotto da condizioni climatiche molto più calde. Gli scienziati hanno a lungo cercato di scoprire perché questi salti drastici della temperatura, fino a dieci gradi, hanno avuto luogo a latitudini molto settentrionali nel giro di pochi decenni.

Ora, per la prima volta, un gruppo di ricercatori presso l'Alfred Wegener Institute, Centro Helmholtz per la ricerca polare e marina (AWI), sono stati in grado di ricostruire i cambiamenti climatici durante l'ultima era glaciale con una serie di simulazioni. La scoperta sorprendente è che piccole variazioni nelle dimensioni dello strato dei ghiacci possono essere sufficienti per innescare cambiamenti climatici improvvisi.

Durante l'ultima era glaciale, gran parte del Nord America è stato coperto con un massiccio strato di ghiaccio fino a 3 km di spessore. L'acqua immagazzinata in questo strato di ghiaccio è parte della ragione per cui il livello del mare era allora di circa 120 metri più basso rispetto a oggi. Il giovane scienziato cinese Xu Zhang, autore principale dello studio, spiega: "I rapidi cambiamenti climatici noti nel mondo scientifico come eventi Dansgaard-Oeschger erano limitati a un periodo di tempo da 110.000 a 23.000 anni prima del presente. I bruschi cambiamenti climatici non hanno avuto luogo a livelli estremamente bassi del mare, corrispondenti al tempo di massima glaciazione 20.000 anni fa, e nemmeno ad alti livelli del mare, come quelli "prevalenti oggi", ma si sono verificati durante i periodi di volume dei ghiacci e del livello dei mari intermedi."

1 Era Glaciale

Figura 1: Rappresentazione schematica delle condizioni climatiche attuali nell'emisfero settentrionale

3 Era Glaciale

Figura 2: l'emisfero settentrionale in una fase calda (una breve fase di caldo interstadiale, durante i climi glaciali)

2 Era Glaciale

Figura 3: l'emisfero settentrionale in una fase fredda (stadiale)

I risultati presentati dai ricercatori AWI possono spiegare la storia dei cambiamenti climatici durante i periodi glaciali, confrontando i dati delle simulazioni dei modelli, con quello recuperato dalle carote di ghiaccio e nei sedimenti marini.

Come i rapidi cambiamenti della temperatura potrebbero essersi verificati durante periodi in cui le lastre di ghiaccio dell'emisfero settentrionale erano a dimensioni intermedie?

Durante i periodi freddi stadiali dell'ultima era glaciale, enormi lastre di ghiaccio coprivano le parti settentrionali del Nord America e dell'Europa. Forti venti occidentali hanno guidato il ghiaccio marino artico a sud, anche per quanto riguarda la costa francese. Dal momento che la copertura di ghiaccio estesa sopra l'Atlantico del Nord ha impedito lo scambio di calore tra l'atmosfera e l'oceano, le forti forze trainanti delle correnti oceaniche che prevalgono oggi erano mancanti. La circolazione oceanica, che è un potente "nastro trasportatore" negli oceani del mondo, era quindi molto più debole rispetto a quella attuale, e di conseguenza meno calore veniva trasportato alle regioni settentrionali.

Durante le fasi fredde, le estese calotte glaciali hanno continuato ad addensarsi. Quando gli strati di ghiaccio più elevati coprivano il Nord America, tipico nei periodi di livello dei mari intermedi, i venti prevalenti da ovest si divisero in due rami: ll campo di vento maggiore correva a nord della cosiddetta Lastra di ghiaccio Laurentide, e ha assicurato che il confine del ghiaccio marino al largo della costa europea si spostasse a nord.

Il Mare libero dai ghiacci permise lo scambio di calore tra l'atmosfera e l'oceano. Allo stesso tempo, il ramo meridionale dei venti da ovest spinse l'acqua più calda nelle zone libere dai ghiacci del nord-est Atlantico, e quindi fu amplificato il trasporto di calore verso nord. Le condizioni modificate hanno stimolato una maggiore circolazione nel mare. Di conseguenza, una più spessa Lastra di ghiaccio Laurentide sopra il Nord America ha determinato una maggiore circolazione oceanica, e quindi un maggiore trasporto di calore verso nord. Il clima nell'emisfero settentrionale è diventato drammaticamente più caldo nel giro di pochi decenni fino a quando, a causa del ritiro dei ghiacciai, il Nord America e il rinnovato cambiamento nelle condizioni dei venti, ha iniziato a rinfrescarsi di nuovo.

4 Era Glaciale

"Utilizzando le simulazioni effettuate con il nostro modello climatico, siamo stati in grado di dimostrare che il sistema climatico può rispondere a piccoli cambiamenti con altalene climatiche improvvise," spiega il professor Gerrit Lohmann, leader del gruppo Paleoclima Dinamico presso l'Alfred Wegener Institute, in Germania. In tal modo egli illustra il significato del nuovo studio per quanto riguarda il cambiamento climatico contemporaneo: "Al livello medio del mare, forze potenti, come ad esempio la drammatica accelerazione nella fusione della calotta polare, non sono necessarie per portare a bruschi cambiamenti climatici e relativi sbalzi di temperatura."

5 Era Glaciale

Allo stato attuale, l'estensione del ghiaccio marino artico è molto meno che durante l'ultimo periodo glaciale. Lo Strato di ghiaccio Laurentide, la forza trainante per la circolazione oceanica durante le glaciazioni, è scomparsa. I cambiamenti climatici, seguendo il modello dell'ultima glaciazione, non possono quindi essere previsti nelle condizioni odierne.

"Ci sono a quanto pare alcune situazioni in cui il sistema climatico è più resistente al cambiamento, mentre in altri il sistema tende verso forti oscillazioni," riassume Gerrit Lohmann. "In termini di storia della Terra, siamo attualmente in una delle fasi più stabili del sistema clima. I presupposti che hanno dato luogo a rapidi cambiamenti di temperatura durante l'ultima era glaciale non esistono oggi. Ma questo non significa che improvvisi cambiamenti climatici possono essere esclusi in futuro... "

Paolo Lui mpi end

Meteo Portale Italia © Riproduzione riservata

Homepage   Chi siamo   Info-Contatti-Archivio   Lavora con noi   Privacy e Cookies   Note legali

Seguici anche su

facebook-logo ter Twitter-icon-60-pz google-plus-logo 3 linkedin 60 px  youtube 60px rss icon 60x60

Logo-MPI-fine-articolo-JPG

Meteo Portale Italia - MALU s.r.l. - C.F. e P.IVA 08683291002

Copyright © 2011-2015 Meteo Portale Italia. Tutti i diritti riservati.


Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Webcam multi tipo

citta

traffico

montagne

italia-montagne

italia-montagne2

spiagge

cielo

animali

luoghi-tipici

radio-e-tv

scientifiche

sport-e-eventi

laghi fiumi parchi

video-da-webcam