ultime dallitalia h 75   ultime dal mondo h 75   extreme weather h75

    analisi-modelli h 75  Scienze-h-75  Terremoti-h-75

Back Sei qui: Homepage Analisi Monitoraggio & Analisi modelli Monitoraggio ghiacci Doppia valanga di ghiaccio in Tibet. Indagini e dettagli satellitari

Monitoraggio ghiacci

Doppia valanga di ghiaccio in Tibet. Indagini e dettagli satellitari

banner-all-articles-top-defin-02-720x81-px

Sotto l'occhio vigile di alcune delle più grandi costellazioni di satelliti di tutto il mondo il rapido movimento del ghiaccio tibetano.

tibet ast 2Il 17 luglio 2016, un ghiacciaio vicino all'Aru Co Lake, nel Tibet occidentale è crollato completamente.

Ciò ha causato una valanga di ghiaccio di circa 65 milioni di metri cubi di volume che ha ucciso nove pastori e centinaia di animali. La parte del ghiacciaio che è crollata si è seduta su un terreno piuttosto piatto. La scala di questo evento ha sorpreso gli scienziati e ha sollevato la questione di ciò che potrebbe aver causato un ghiacciaio relativamente piatto a perdere il contatto con la sua base e creare una valanga di tali dimensioni. Fino a questa data, l'unico altro evento noto di una scala simile è stato la valanga di ghiaccio "Kolka-Karmadon" nel Caucaso russo il 20 settembre 2002, che uccise più di 100 persone. Dal momento che tali eventi sono estremamente rari, dopo il crollo nel mese di luglio 2016, nessuno mai poteva immaginare che solo due mesi più tardi un ghiacciaio adiacente avrebbe causato un altro evento simile.

Nel mese di settembre 2016 infatti, una seconda valanga massiccia si è verificata a pochi chilometri a sud della prima. "Una di queste valanghe  è molto insolita", ha detto Andreas Kääb, un glaciologo presso l'Università di Oslo. "Due di esse nelle immediate vicinanza geografica e temporale è, alla nostra migliore conoscenza, senza precedenti".

Diversi satelliti di osservazione della Terra hanno acquisito le immagini di queste valanghe singoli. Nel set di immagini qui sotto riportate si vede l'area prima del verificarsi dell'evento; l'immagine del 21 luglio 21 mostra la prima valanga; il set di immagini mostra la zona dopo entrambi valanghe. Le immagini naturali a colori del 24 giugno e del 21 luglio sono state acquisite rispettivamente da Landsat 8 e Sentinel-2.  Un radar ad apertura sintetica (SAR) sul satellite Sentinel-1A ha catturato l'immagine del 24 Settembre.

tibet sar1

La valanga più "vecchia" appare significativamente più scura rispetto alla più recente immagine SAR . La luminosità di un'immagine radar varia in base al "rugosità" della superficie e quanta umidità essa contiene. Superfici più ruvide e quelli con un basso contenuto di acqua appaiono più luminose. La prima valanga  aveva una superficie liscia e / o umido rispetto alla valanga recente, molto probabilmente perché il ghiaccio sulla superficie è stato esposto più a lungo e avuto il tempo di fondere parzialmente.

Di seguito, un'immagine acquisita dall'Advanced Spaceborne Thermal Emission and Reflection Radiometer(ASTER) sul satellite Terra della NASA mostra le valanghe in falsi colori. Questa immagine è stata acquisita il 4 Ottobre 2016.

tibet ast 2


Al fine di comprendere la causa della prima valanga di ghiaccio gigante il 17 luglio, un team internazionale di scienziati provenienti da ETH, SLF / WSL e la commissione scientifica GAPHAZ ha cominciato a indagare lo sviluppo del ghiacciaio prima della collasso e caratterizzare la valanga risultante. Ciò è stato fatto attraverso l'analisi di un gran numero di immagini satellitari radar e visive, oltre a eseguire movimenti rapidi di massa simulazioni (RAMMS) Computer, per riprodurre l'evento.

valangatibet 1 compressed

Simulazioni RAMMS del flusso dialtezza massima delle due valanghe (SLF dell'immagine) e gli schemi di deposizione degli eventi valanghe reali (a destra). (TerraSAR-X immagini acquisite il 24 settembre 2015 DLR).

Mentre l'analisi dei dati ottici e radar dai satelliti per i mesi prima del crollo, hanno evidenziato un modello distintivo di crepacci sulla superficie del ghiacciaio, così come i cambiamenti nell'altezza. Entrambi suggerivano cheNel corso di queste indagini retrospettive, sono stati analizzati i cambiamenti di quota del ghiacciaio recuperati dai dati radar acquisiti da TANDEM-X, una missione satellitare guidata dal Centro aerospaziale tedesco (DLR). Queste intuizioni hanno suggerito che il ghiacciaio era in uno stato cosiddetto di "aumento" prima del suo collasso. L'aumento ddi un ghiacciaio è uno stato temporaneo di destabilizzazione, in cui la massa di ghiaccio in eccesso dalla parte superiore del ghiaccio viene trasportato a valle ad un tasso insolitamente alto. Questo ha portato il ghiaccio a guadagnare rapidamente velocità e anticipo di più di 200 metri in meno di dieci mesi. I picchi di ghiaccio sono comuni in alcune parti del mondo, ad esempio nel Karakorum o in Alaska, ma sono rari in Tibet.

L'analisi dei dati radar da (ESA) via satellite dell'Agenzia Spaziale Europea Sentinel 1 ha dimostrato che l'aumento è iniziato dopo che la neve si è sciolta nel settembre 2015. Tuttavia, il ghiacciaio "è rimasto bloccato" in una stretta valle. Questo, secondo i glaciologi, potrebbe aver contribuito all'elevata quantità di accumulo di acqua sotto il ghiacciaio che ha poi portato alla rottura della diga che ha provocato l'enorme valanga di ghiaccio.

tibetvalanga compressed

A sinistra: i cambi di pendenza rivelano i caratteristici cambiamenti in altezza dei due ghiacciai prima del crollo. A destra: L'immagine radar mostra entrambe le valanghe il 24 settembre 2016. (Image: Silvan Leinss / ETH di Zurigo; fonte di dati satellitari: TANDEM-X / TerraSAR-X, DLR)

Con sorpreda da parte degli scienziati, l'analisi dei dati di elevazione della superficie da TANDEM-X ha rivelato che anche che  un ghiacciaio confinante con una forma molto simile, il gemello del ghiacciaio collassato, ha mostrato le caratteristiche di un aumento in corso. Pochi giorni dopo, una nuova immagine acquisita il 19 settembre 2016 dal satellite dell'ESA Sentinel 2 ha evidenziato  evidenti segni di dislocazione in corso, con la conseguente apertura di molti nuovi crepacci sul ghiacciaio gemello del sud.

Il modello del crepaccio ha evidenziato  una linea lunga diversi chilometri, quasi identica alla linea lungo dove il suo gemello settentrionale aveva fallito,ed ha segnalato la possibilità di un secondo crollo ghiacciaio imminente. Il team ha quindi rilevato il rischio di una nuova valanga di ghiaccio in collaborazione con Yves Bühler (SLF) e Daniel Farinotti (VAW e WSL). Sulla base di queste informazioni, il SLF ha prodotto una mappa con un'indicazione di pericolo per un'eventuale seconda valanga. Coordinato da GAPHAZ, l'avvertimento è stato rapidamente passato agli scienziati cinesi, che poi hanno informato il governo locale. Solo ore dopo, il 22 settembre 2016, gli scienziati cinesi hanno riferito che il secondo ghiacciaio era crollato, rendendo questo evento di un crollo doppio ghiacciaio assolutamente unico nella storia conosciuta. Per sollievo di tutti, nessuno è rimasto ferito da questa valanga, anche se l'avviso ha raggiunto le autorità locali a poche ore dopo la seconda valanga.

tibetvalanga3 compressed

Le immagini Sentinel 2 da 19. settembre 2016 mostra una lunga crepa diversi chilometri che indica che il ghiacciaio del sud si stacca dalla sua base. (Immagine: Silvan Leinss / ETH di Zurigo; dati satellitari: Sentinel 2, ESA).

Gli scienziati coinvolti sostengono che una possibile combinazione di fattori geologici e topografici ,le condizioni meteorologiche, e, molto probabilmente, la recente evoluzione del clima hanno interessato l'evento. Il fatto che molte osservazioni satellitari differenti potrebbero essere analizzate con un ritardo di poche ore segna una pietra miliare nel progresso della capacità di allerta precoce e dimostra l'importanza delle collaborazioni internazionali.

 

Ali Dorate

 

Meteo Portale Italia © Riproduzione riservata

Homepage   Chi siamo   Info-Contatti-Archivio   Lavora con noi   Privacy e Cookies   Note legali

Seguici anche su

facebook-logo ter Twitter-icon-60-pz google-plus-logo 3 linkedin 60 px  youtube 60px rss icon 60x60

Logo-MPI-fine-articolo-JPG

Meteo Portale Italia - MALU s.r.l. - C.F. e P.IVA 08683291002

Copyright © 2011-2015 Meteo Portale Italia. Tutti i diritti riservati.


Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Webcam multi tipo

citta

traffico

montagne

italia-montagne

italia-montagne2

spiagge

cielo

animali

luoghi-tipici

radio-e-tv

scientifiche

sport-e-eventi

laghi fiumi parchi

video-da-webcam