ultime dallitalia h 75   ultime dal mondo h 75   extreme weather h75

    analisi-modelli h 75  Scienze-h-75  Terremoti-h-75

Back Sei qui: Homepage Analisi Monitoraggio & Analisi modelli Analisi & Monitoraggio Teleconnessioni Oscillazione Artica: Analisi teleconnettive vedono un rafforzamento del freddo siberiano

Analisi & Monitoraggio Teleconnessioni

Oscillazione Artica: Analisi teleconnettive vedono un rafforzamento del freddo siberiano

banner-all-articles-top-defin-02-720x81-px

Modelli Meteorologici porteranno alle condizioni più fredde per la Siberia nel corso degli ultimi tre anni.

2 Oscillazione ArticaGli Scienziati dell'AER forniscono, per ricercatori e appassionati, approfondimenti in tempo reale su uno dei driver leader in Europa per quel che concerne temperatura estreme e persistenti, e un quadro teleconnettivo anche degli altri fattori.

L'AO (Oscillazione Artica) è attualmente fortemente positiva, e si prevede una tendenza a tornare neutrale e poi negativa (come spiegato nello scorso articolo). Tuttavia lo scarto predittivo d'insieme è abbastanza grande per le prossime due settimane, il che indica grande incertezza.

1 Oscillazione Artica

Le forti condizioni positive AO sono riflettenti del modello di previsione attuale di bassa pressione sopra l'Artico, mentre l'alta pressione domina alle medie latitudini. Nel breve termine ciò contribuirà a un persistere delle condizioni generali miti in tutto l'emisfero settentrionale.

7 Oscillazione Artica

Tuttavia, nel medio termine alcuni segnali per anomalie positive nell'altezza di geopotenziale (insorgenza di alte pressioni) sono previsti per il lato settentrionale dell'Artico, e in particolare il versante nord della Siberia, costringendo l'AO a una tendenza verso condizioni neutre. L'alta pressione sul versante atlantico dell'Artico forzerà il principale centro di bassa pressione polare a migrare verso l'Alaska, con un secondo centro di bassa pressione polare centrato sopra la Siberia, e quindi un via libera per l'aria artica ad invadere queste due regioni.

2 Oscillazione Artica

3 Oscillazione Artica

La coltre di neve siberiana è avanzata lo scorso ottobre ad un tasso normale, e l'estensione del ghiaccio marino artico rimane sotto la norma, soprattutto nei mari di Barents e Kara. Con temperature fredde previste in tutta la Siberia, la prospettiva per uno scambio troposfera-stratosfera più attivo è aumentato.

Per chi ama l'inverno, la diagnostica modellistica teleconnettiva di oggi è sicuramente diventata molto più interessante. Finora questo mese, forti condizioni positive dell'AO hanno permesso a temperature miti di dominare i continenti dell'emisfero settentrionale (NH). Tuttavia, i modelli prevedono temperature fredde diventare più diffuse in tutto l'Alaska e la Siberia, in particolare. Questo sembra essere uno dei modelli che porteranno condizioni più fredde per la Siberia nel corso degli ultimi tre anni.

4 Oscillazione Artica

Nelle prossime due settimane questo comporterà temperature fredde in tutta l'Asia di sud-ovest e il Medio Oriente, ma anche per gran parte del nord-ovest dell'Asia e della Siberia. Nel frattempo, le zone di alta pressione in tutta Europa e in Asia orientale, si prevede che persisteranno in questo periodo, il che si tradurrà in temperature in gran parte superiori al normale in Europa e Asia orientale.

5 Oscillazione Artica

Guardando oltre (ad oggi), verso la fine del mese di novembre, molte delle caratteristiche atmosferiche del periodo precedente rimangono. La configurazione della circolazione atmosferica dovrebbe contribuire a mantenere temperature fredde in tutta l'Eurasia settentrionale, l'Alaska e il Canada nord-occidentale. L'aria fredda posizionata in entrambe queste zone, aumenterà il rischio di discese artiche in abbassamento di latitudine. Il primo e più probabile scarico della massa d'aria artica siberiana sarà l'Asia orientale, e quello della massa d'aria artica in Alaska nel Canada occidentale, e Stati Uniti occidentali.

6 Oscillazione Artica

Guardando ancora più a lungo termine verso l'inverno, seguiamo La misura della copertura nevosa siberiana per il mese di ottobre, e l'estensione del ghiaccio marino nella zona dei mari di Barents e Kara, come precursori troposferici per cercare di prevedere lo stato dell'AO invernale. Il manto nevoso siberiano ad ottobre è avanzato più rapidamente rispetto al normale. E con i numeri finali calcolati nella misura del manto nevoso, lo scorso ottobre è stato appena al di sotto del valore osservato nel 2013. Un altro indice che calcoliamo, l'indice di anticipo della neve, era ancora più forte al di sopra del normale. Insieme essi presentano una previsione consistente di un vortice polare indebolito durante l'inverno (più probabile gennaio), e un inverno con una AO mediamente negativa.

10 Oscillazione Artica

Il Ghiaccio marino artico nei mari di Barents e di Kara è inferiore al normale, e certamente meno esteso di quello dello scorso anno in questo periodo. Una bassa concentrazione di ghiaccio marino favorisce un inverno con AO negativo, e quindi un inverno relativamente freddo in tutto l'emisfero settentrionale continentale, alle medie latitudini. Tuttavia, la risposta atmosferica finora, in questo novembre, non scorge il modello che favorisce un maggiore trasferimento di energia dalla troposfera alla stratosfera, che alla fine riscalda la stratosfera polare e indebolisce il vortice polare stesso. Eppure, ci sono segnali che indicano che il modello atmosferico cambierà, verso una transizione a un modello che favorirà sempre di più il trasferimento di energia verticale dalla troposfera alla stratosfera, e un qualcosa che stiamo monitorando, e che accadrà nelle prossime settimane.

8 Oscillazione Artica  9 Oscillazione Artica

Inoltre, abbiamo anche uno dei più forti eventi osservati di El Niño in corso, che è previsto per durare tutto l'inverno, anche se le recenti previsioni del modello mostrano un forte declino della forza durante i mesi invernali. El Niño è pensato per forzare ad inverni più miti tutto il settore extra tropicale dell'emisfero settentrionale. Resta difficile prevedere come il risultato finale del forcing concorrente, dai tropici alle alte latitudini, influenzeranno il tempo alle medie latitudini.

Judah Cohen, Ph.D

Paolo Lui mpi end

Meteo Portale Italia © Riproduzione riservata

Homepage   Chi siamo   Info-Contatti-Archivio   Lavora con noi   Privacy e Cookies   Note legali

Seguici anche su

facebook-logo ter Twitter-icon-60-pz google-plus-logo 3 linkedin 60 px  youtube 60px rss icon 60x60

Logo-MPI-fine-articolo-JPG

Meteo Portale Italia - MALU s.r.l. - C.F. e P.IVA 08683291002

Copyright © 2011-2015 Meteo Portale Italia. Tutti i diritti riservati.


Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Webcam multi tipo

citta

traffico

montagne

italia-montagne

italia-montagne2

spiagge

cielo

animali

luoghi-tipici

radio-e-tv

scientifiche

sport-e-eventi

laghi fiumi parchi

video-da-webcam