ultime dallitalia h 75   ultime dal mondo h 75   extreme weather h75

    analisi-modelli h 75  Scienze-h-75  Terremoti-h-75

Back Sei qui: Homepage Temporali & Co Temporali & Co News Uragani, Tifoni e Cicloni Un raro sguardo all'interno l'occhio del Tifone Dolphin. FOTO

News Uragani, Tifoni e Cicloni

Un raro sguardo all'interno l'occhio del Tifone Dolphin. FOTO

banner-all-articles-top-defin-02-720x81-px

Il radar CloudSat fornisce informazioni globali sulla struttura verticale delle nuvole.

dolphin cld 2015136 tnPer gli esperti del telerilevamento, ottenere un assaggio dell'occhio di un uragano o tifone con CloudSat è come un giocatore di golf che colpisce la buca in un solo colpo.

Il radar-cloud penetrante su CloudSat ha un campo visivo di soli 1,4 chilometri quadrati (0,5 miglia quadrate), ma la superficie totale della terra è di 1.320 milioni di chilometri quadrati (510 milioni di miglia quadrate). La maggior parte dei cicloni tropicali sono ben oltre 400 chilometri (250 miglia) di larghezza.

Eppure un cavalcavia occhio perfetto è esattamente quello che i ricercatori hanno ottenuto il 16 maggio 2015. Alle 14:07 ora locale (04:07 Universal Time), il satellite è passato sopra l'occhio del tifone Dolphin la tempesta di categoria 4 si agitava  sopra l'Oceano Pacifico.

dolphin cld 2015136

La seconda immagine mostra una sezione trasversale di come  la tempesta potrebbe apparire  se fosse stato tranciata vicino al centro e vista dal lato. L'immagine in alto che è stata aquisita lo stesso giorno dal Moderate Resolution Imaging Spectroradiometer sul satellita Aqua satellitare viene mostrata come riferimento. La linea rossa è la traccia da nord a sud della tempesta tracciata da  CloudSat.
Nei dati Cloudsat, il colore blu più scuro rappresenta le aree dove le nuvole e gocce di pioggia riflettono il segnale più forte al radar satellitare. Queste aree erano la precipitazione pesante e le più grandi gocce d'acqua. La linea blu orizzontale attraverso i dati è la linea di congelamento; particelle di ghiaccio che si formano sopra di essae  gocce di pioggia di sotto di essa. CloudSat è passato direttamente sopra l'occhio, permettendo una vista di andata inclinata dell'eyewall, la convezione intensa e precipitazioni nonchè la  struttura delle nubi della tempesta. Le nubi del Tifone Dolphin hanno raggiunto circa 15 chilometri (9 miglia) di altitudine al loro più alto punto abbastanza alto per un ciclone tropicale.
Nel frattempo, un sensore della NASA diverso stava raccogliendo un'altra vista unica della tempesta. RapidScat, un scatterometro attaccato alla Stazione Spaziale Internazionale, invia impulsi radar verso la superficie dell'oceano. Osservando come questi impulsi rimbalzano l'acqua rivela la  "rugosità" della superficie del mare che gli scienziati possono utilizzare per determinare la velocità del vento di superficie e la direzione.

dolphin rsc 2015136-2015138

In questo caso, RapidScat ha acquisito i dati su due date. Il 16 maggio, i venti più forti di Dolphin erano a sud e ad est del centro di circolazione, con velocità del vento sostenuta vicino a 120 chilometri (70 miglia) all'ora. Il 18 maggio, i venti massimi sostenuti sono stati di 170 km (110 miglia) per ora nei quadranti settentrionali e orientali della tempesta.
Sia CloudSat e RapidScat offrono informazioni uniche sui cicloni tropicali che vengono utilizzati per comprendere meglio le tempeste distruttive. "I dati del vento sono a disposizione di entrambi i previsori e scienziati. I dati RapidScat sono utilizzati per sostenere in tempo reale la previsione del tempo e per migliorare i modelli che gli scienziati utilizzano per prevedere sia tempo a breve termine che  le tendenze del clima a lungo termine ", ha detto Bryan Stiles, leader  per l'elaborazione dei dati di RapidScat al Jet Propulsion Laboratory della NASA. "I dati RapidScat sono ora utilizzati dalle agenzie meteorologiche di tutto il mondo, tra cui la US Navy, il National Oceanographic and Atmospheric Administration e l'Organizzazione europea per lo sfruttamento dei satelliti meteorologici, tra gli altri."
Nel caso di CloudSat, gli scienziati stanno creando una banca dati al fine di meglio comprendere l'anatomia e il comportamento delle tempeste tropicali. Natalie Tourville, un meteorologo  presso la Colorado State University, ha osservato: "CloudSat fornisce una vista eccezionale della struttura interna dei cicloni tropicali, con più di 30 cavalcavia oculari a livello globale. Siamo stati in grado di assaggiare l'eyewall  e visualizzare i dettagli verticali delle regioni centrali convettive. Ciò comprende dove e come sono grandi questi nuclei  e quanto in alto sono le cime delle nubi" .
Gli scienziati hanno anche messo a punto una tecnica innovativa che utilizza le misure Cloudsat, in collaborazione con altri satelliti, per stimare l'intensità della tempesta, cosa che si è dimostrata difficile da fare dallo spazio. 

Ali Dorate

Meteo Portale Italia © Riproduzione riservata

Homepage   Chi siamo   Info-Contatti-Archivio   Lavora con noi   Privacy e Cookies   Note legali

Seguici anche su

facebook-logo ter Twitter-icon-60-pz google-plus-logo 3 linkedin 60 px  youtube 60px rss icon 60x60

Logo-MPI-fine-articolo-JPG

Meteo Portale Italia - MALU s.r.l. - C.F. e P.IVA 08683291002

Copyright © 2011-2015 Meteo Portale Italia. Tutti i diritti riservati.


Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Webcam multi tipo

citta

traffico

montagne

italia-montagne

italia-montagne2

spiagge

cielo

animali

luoghi-tipici

radio-e-tv

scientifiche

sport-e-eventi

laghi fiumi parchi

video-da-webcam