Sul nostro sito usiamo i cookies. Continuando la navigazione nel sito ne autorizzi l'uso.

   ultime dallitalia h 75   ultime dal mondo h 75   extreme weather h75

    analisi-modelli h 75  Scienze-h-75  Terremoti-h-75

Back Sei qui: Homepage Temporali & Co Temporali & Co News Uragani, Tifoni e Cicloni Il vento della tempesta tropicale ANA osservato dalla ISS

News Uragani, Tifoni e Cicloni

Il vento della tempesta tropicale ANA osservato dalla ISS

banner-all-articles-top-defin-02-720x81-px

Le tempeste "pre-stagionali" non sono inusuali a maggio e appaiono ogni sei anni, in media.

ana rsc 2015128Uno strumento sulla Stazione Spaziale Internazionale ha osservato i venti della prima tempesta tropicale atlantica del 2015.

Le tempeste "pre-stagionali" non sono inusuali a maggio e appaiono ogni sei anni, in media. Tuttavia, Ana è la prima tempesta atlantica ad emergere dal 2003, secondo quanto spiegato da James Franklin, capo del National Hurricane Center's Hurricane Specialist Unit in Miami.

A metà maggio 2015, Ana è diventata la prima tempesta tropicale della stagione degli uragani dell'Atlantico settentrionale. E' presto per vedere le grandi tempeste nell'Atlantico poichè la stagione inizia sul serio il 1 giugno. Il 10 maggio, la tempesta tropicale Ana si è abbattuta sulla costa della Carolina e ha portato venti massimi sostenuti di 74 chilometri all'ora (46 miglia all'ora).
Gli scienziati hanno colto l'occasione per osservare le dinamiche del vento di Ana con lo scatterometro sulla Stazione Spaziale Internazionale, il Rapid (ISS-RapidScat). Lo strumento misura la velocità del vento e la direzione sulla superficie dell'oceano dall'orbita sulla Stazione Spaziale Internazionale.
L'immagine è stata prodotta con i dati acquisiti dal RapidScat man mano che Ana si avvicinava alla costa nel pomeriggio dell'8 maggio, 2015.

ana rsc 2015128

Le frecce rappresentano la direzione dei venti in prossimità della superficie. Sfumature di blu indicano la gamma di velocità del vento (più chiaro blu e verde rappresentano i venti più veloci in movimento). L'immagine sotto, acquisita con il Moderate Resolution Imaging Spectroradiometer (MODIS) della NASA sul satellite Terra mostra una vista naturale della stessa tempesta come appariva la mattina del 9 maggio.

Ana tmo 2015129

RapidScat non misura direttamente la velocità e la direzione delle tempeste di vento ma gli impulsi degli strumenti si riflettono sulla superficie del mare e ritornano al sensore.
Da queste informazioni, gli scienziati possono dedurre la velocità del vento e la sua direzione in base alla posizione delle onde.


 Ali Dorate

Meteo Portale Italia © Riproduzione riservata

Homepage   Chi siamo   Info-Contatti-Archivio   Lavora con noi   Privacy e Cookies   Note legali

Seguici anche su

facebook-logo ter Twitter-icon-60-pz google-plus-logo 3 linkedin 60 px  youtube 60px rss icon 60x60

Logo-MPI-fine-articolo-JPG

Meteo Portale Italia - MALU s.r.l. - C.F. e P.IVA 08683291002

Copyright © 2011-2015 Meteo Portale Italia. Tutti i diritti riservati.


Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Webcam multi tipo

citta

traffico

montagne

italia-montagne

italia-montagne2

spiagge

cielo

animali

luoghi-tipici

radio-e-tv

scientifiche

sport-e-eventi

laghi fiumi parchi

video-da-webcam