Sul nostro sito usiamo i cookies. Continuando la navigazione nel sito ne autorizzi l'uso.

   ultime dallitalia h 75   ultime dal mondo h 75   extreme weather h75

    analisi-modelli h 75  Scienze-h-75  Terremoti-h-75

Back Sei qui: Homepage Sismologia Sismologia Editoriali Sismologia Nuove prove di oceani d'acqua nelle viscere della terra:Dettagli della ricerca

Editoriali Sismologia

Nuove prove di oceani d'acqua nelle viscere della terra:Dettagli della ricerca

banner-all-articles-top-defin-02-720x81-px

Acqua legata alle rocce del manto altera la nostra visione della composizione della Terra

1 oceani acquaLo studio di Steve Jacobsen e Brandon Schmandt ha utilizzato onde sismiche per trovare magma generato alla base della zona di transizione, a circa 410 miglia di profondità. Essi suggeriscono che la zona di transizione può contenere oceani con valori di H2O sciolti nelle rocce, ad alte pressioni. I risultati modificano le precedenti ipotesi circa la composizione della Terra.

Anche se non in forma liquida familiare,gli ingredienti per l'acqua sono legati nella roccia in profondità nel mantello della Terra, e la scoperta potrebbe rappresentare il più grande serbatoio di acqua del pianeta.

La presenza di acqua liquida sulla superficie è ciò che rende il nostro "pianeta blu" abitabile, e gli scienziati hanno a lungo cercato di capire quanta acqua può essere in movimento tra la superficie terrestre e i serbatoi interni attraverso la tettonica a zolle.

2 oceani acqua

I ricercatori hanno trovato tasche profonde di magma che si trovano a circa 400 miglia al di sotto del Nord America, una firma probabile della presenza di acqua a queste profondità. La scoperta suggerisce di acqua dalla superficie della Terra che può essere guidata a queste grandi profondità dalla tettonica delle placche, causando alla fine la fusione parziale delle rocce che si trovano in profondità nel mantello.

I risultati, pubblicati il 13 giugno sulla rivista Science, aiuteranno gli scienziati a capire come la Terra si è formata, qual è la sua attuale composizione, il funzionamento interno, e quanta acqua è intrappolata nel mantello di roccia.

"I processi geologici sulla superficie della Terra, come terremoti o vulcani in eruzione, sono espressione di ciò che sta accadendo all'interno della Terra, dalla nostro punto osservazionale", ha detto Jacobsen, un co-autore del documento. "Penso che stiamo finalmente vedendo la prova per un ciclo intero di acqua-terra, che può contribuire a spiegare la grande quantità di acqua liquida sulla superficie del nostro pianeta abitabile. Gli scienziati sono alla ricerca di queste acque profonde mancanti da decenni. "

3 oceani acqua

Gli scienziati hanno a lungo speculato che l'acqua fosse intrappolata in uno strato roccioso del mantello terrestre situato tra il mantello inferiore e il mantello superiore, ad una profondità compresa tra 250 km e 410 miglia. Jacobsen e Schmandt sono i primi a fornire una prova diretta che ci può essere acqua in questa zona del mantello, noto come "zona di transizione", a scala regionale. La regione si estende attraverso la maggior parte dell'interno degli Stati Uniti.

Lo studio ha combinato esperimenti di laboratorio di Jacobsen, in cui egli studia il mantello di roccia sottoposto alle alte pressioni simulate a 400 miglia sotto la superficie terrestre, con le osservazioni di Schmandt che utilizzano grandi quantità di dati sismici dall'USArray, una fitta rete di oltre 2.000 sismometri attraverso gli Stati Uniti.

4 oceani acqua

Quest'acqua non è in una forma a noi familiare, non è liquido, ghiaccio o vapore. Questa quarta forma è acqua intrappolata all'interno della struttura molecolare dei minerali nella roccia del mantello. Il peso di 250 chilometri di roccia crea così alte pressioni, insieme a temperature superiori a 2000 gradi Fahrenheit, dove una molecola d'acqua si divide per formare un radicale idrossile (OH), che può essere associato in una struttura cristallina di un minerale.

"Questo esemplare unico è rappresentativo della composizione dell'interno della Terra non è noto, tuttavia, ma ora abbiamo trovato prove di una vasta fusione sotto il Nord America alle stesse profondità corrispondenti alla disidratazione della ringwoodite, che è esattamente ciò che è accaduto nei miei esperimenti."

Per anni, Jacobsen ha sintetizzando la ringwoodite, nel suo laboratorio, facendo reagire il minerale olivina verde con acqua sottoposta ad alte pressioni (Il Mantello superiore della Terra è ricco di olivina). Ha trovato che più dell'1% del peso della struttura cristallina della ringwoodite consiste di acqua, circa la stessa quantità di acqua che è stata trovata nel campione riportato nel documento pubblicato in Nature.

"I dati sismici dell'USArray ci stanno dando un quadro più chiaro che mai della struttura interna della Terra al di sotto del Nord America", ha detto Schmandt. "Lo scioglimento che vediamo sembra essere guidato dalla subduzione, il downwelling di materiale del mantello dalla superficie."

5 oceani acqua

Lo scioglimento che i ricercatori hanno rilevato si chiama "fusione per disidratazione". Rocce nella zona di transizione in grado di contenere un sacco di H2O, ma rocce nella parte superiore del mantello inferiore che possono contenerne quasi nessuno. L'acqua contenuta all'interno della ringwoodite nella zona di transizione, non fuoriesce quando si va più in profondità (nel mantello inferiore), e forma un minerale ad alta pressione chiamato "Silicato perovskite", che non può assorbire l'acqua. Ciò causa alla roccia, al confine tra la zona di transizione e il mantello inferiore, una fusione parziale.

"Quando una roccia con un sacco di H2O si sposta dalla zona di transizione al mantello inferiore, ha bisogno di sbarazzarsi di H2O in qualche modo, così si scioglie un po", spiega Schmandt. "Questa è chiamata Fusione da disidratazione."

"Una volta che l'acqua viene rilasciata, gran parte di essa può restare intrappolata nella zona di transizione", conclude Jacobsen.

Paolo Lui mpi end

Meteo Portale Italia © Riproduzione riservata

Homepage   Chi siamo   Info-Contatti-Archivio   Lavora con noi   Privacy e Cookies   Note legali

Seguici anche su

facebook-logo ter Twitter-icon-60-pz google-plus-logo 3 linkedin 60 px  youtube 60px rss icon 60x60

Logo-MPI-fine-articolo-JPG

Meteo Portale Italia - MALU s.r.l. - C.F. e P.IVA 08683291002

Copyright © 2011-2015 Meteo Portale Italia. Tutti i diritti riservati.


Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Webcam multi tipo

citta

traffico

montagne

italia-montagne

italia-montagne2

spiagge

cielo

animali

luoghi-tipici

radio-e-tv

scientifiche

sport-e-eventi

laghi fiumi parchi

video-da-webcam