ultime dallitalia h 75   ultime dal mondo h 75   extreme weather h75

    analisi-modelli h 75  Scienze-h-75  Terremoti-h-75

Back Sei qui: Homepage Scienze Scienze Climatologia L'Oceano Atlantico è cambiato 1.000 anni prima che finisse l'Era Glaciale:DETTAGLI

Climatologia

L'Oceano Atlantico è cambiato 1.000 anni prima che finisse l'Era Glaciale:DETTAGLI

banner-all-articles-top-defin-02-720x81-px

Segnali di allarme preventivo prima che l'ultima era glaciale finisse

1 Oceano AtlanticoGli scienziati sapevano già che alla fine dell'ultima era glaciale, circa 14.700 anni fa, si sono verificati importanti cambiamenti per l'Oceano Atlantico in un periodo noto come l'intervallo di Bolling-Allerod. Durante questo periodo, quando i ghiacciai erano in fusione e la Terra in riscaldamento, le correnti dell'Oceano Atlantico cambiarono direzione, ai suoi livelli più profondi.

I ricercatori hanno analizzato la chimica di 24 antichi fossili di corallo del Nord Atlantico per conoscere meglio la circolazione delle sue acque durante l'ultima era glaciale. Essi hanno scoperto che i coralli hanno registrato una elevata variabilità delle correnti dell'Oceano Atlantico alle medie profondità, a circa 2 km sotto la superficie, fino a 1.000 anni precedenti all'intervallo Bolling-Allerod. Il team suggerisce che questi cambiamenti possono essere stati un segnale di allarme precoce che il mondo era pronto a passare dal suo stato glaciale al mondo più caldo che conosciamo oggi.

1 Oceano Atlantico

Lo studio è stato pubblicato recentemente sulla rivista Paleoceanography, e il dottor David Wilson, del Dipartimento di Scienze della Terra e Ingegneria presso l'Imperial College di Londra, ha dichiarato: "Gli oceani sono sempre stati un barometro importante quando si tratta di cambiamenti nel nostro pianeta. I fossili di corallo che abbiamo studiato ci informano come l'Oceano Atlantico settentrionale alle medie profondità era caratterizzato da cambiamenti fino a 1.000 anni prima di quanto ci aspettassimo. La prospettiva allettante è che questa variabilità può essere stata un segnale che l'ultima era glaciale stava per finire."

I coralli fossili analizzati dal team provengono da una specie chiamata Desmophyllum Dianthus, che sono spesse circa 5 cm di diametro. Di norma, vivono solo per 100 anni, dando alla squadra di ricerca una visione rara di quello che stava accadendo alle correnti dell'oceano durante questo relativamente breve periodo temporale. Migliaia di anni fa, sono cresciuti sullle montagne sottomarine del New England, che sono una catena di montagne sottomarine a circa 1.000 chilometri al largo della costa orientale degli Stati Uniti, che si trovano ad una profondità media di 2 km sotto la superficie. Questa zona subacquea è importante per comprendere le correnti del Nord Atlantico.

2 Oceano Atlantico

Mentre alcuni dei coralli analizzati dal team provengono da collezioni storiche, la maggior parte sono stati raccolti dai ricercatori, provenienti da precedenti spedizioni nel 2003 e nel 2005 alle Seamounts New England. I ricercatori hanno utilizzato, nelle profondità marine, i veicoli robotici chiamati Hercules e Alvin per raccogliere gli antichi fossili di corallo.

Questi antichi fossili di corallo accumulano elementi delle terre rare dall'acqua di mare, tra cui il neodimio, che "lavato" dalle rocce sulla terra e scivolato nell'Oceano Atlantico, si è diffuso nelle sue correnti, per poi finire in scheletri di corallo. Gli Isotopi di neodimio in diverse regioni del mondo hanno firme specifiche, create da decadimento radioattivo nel corso di miliardi di anni. Gli scienziati hanno studiato la chimica dei fossili di corallo per determinare da dove gli isotopi di neodimio erano venuti, dando loro un posizionamento nella circolazione dell'Oceano Atlantico alla fine dell'era glaciale.

3 Oceano Atlantico

Dal momento che gli oceani del mondo sono collegati da correnti, il prossimo passo sarà vedere come la squadra di ricerca integrerà le prove rinvenute dal Nord Atlantico in un quadro di cambiamenti globali alle quote medie degli abissi oceanici di tutto il mondo. In particolare, il team è interessato a esplorare come l'Oceano Meridionale intorno all'Antartide sia cambiato nello stesso periodo temporale, analizzando isotopi di neodimio in una raccolta di coralli dell'Oceano Meridionale.

Paolo Lui mpi end

Meteo Portale Italia © Riproduzione riservata

Homepage   Chi siamo   Info-Contatti-Archivio   Lavora con noi   Privacy e Cookies   Note legali

Seguici anche su

facebook-logo ter Twitter-icon-60-pz google-plus-logo 3 linkedin 60 px  youtube 60px rss icon 60x60

Logo-MPI-fine-articolo-JPG

Meteo Portale Italia - MALU s.r.l. - C.F. e P.IVA 08683291002

Copyright © 2011-2015 Meteo Portale Italia. Tutti i diritti riservati.


Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Webcam multi tipo

citta

traffico

montagne

italia-montagne

italia-montagne2

spiagge

cielo

animali

luoghi-tipici

radio-e-tv

scientifiche

sport-e-eventi

laghi fiumi parchi

video-da-webcam