ultime dallitalia h 75   ultime dal mondo h 75   extreme weather h75

    analisi-modelli h 75  Scienze-h-75  Terremoti-h-75

Back Sei qui: Homepage Scienze Scienze Climatologia Il clima delle ISOLE AZZORRE

Climatologia

Il clima delle ISOLE AZZORRE

banner-all-articles-top-defin-02-720x81-px

Il clima delle ISOLE AZZORRE. Un clima unico che consente fioriture straordinarie.


azzorre cartina NIl clima delle Azzorre è molto mite, definibile come SUBTROPICALE OCEANICO, fresco per molti mesi e piacevolmente caldo in estate. Un clima ben diverso da quello degli arcipelaghi tropicali.

L'arcipelago delle Azzorre, che costituisce una regione autonoma portoghese, si trova in pieno oceano Atlantico alla stessa latitudine della Sicilia e della Calabria; l'influenza dell'oceano rende però il clima ancora più mite di quanto non sia nelle nostre regioni meridionali.

Infatti, le temperature invernali, che vanno agli 11/12°C di notte ai 15/16 di giorno, non si discostano di molto da quelle di Palermo nel mese di marzo, mentre quelle estive, che vanno dai 18/20 di minima ai 24/26 di massima, assomigliano a quelle della prima metà di giugno di Palermo. Le escursioni termiche stagionali sono dunque molto contenute, con estremi  termici molto più contenuti rispetto al clima italico sia verso il caldo che verso il freddo. I record del caldo alle Azzorre sono molto contenuti: le temperature non raggiungono quasi mai i 30 gradi neanche in estate e nelle notti invernali le temperature scendono raramente sotto i 7/8 gradi.

Poste quasi a metà strada tra l'America settentrionale e l'Europa, le 9 isole Azzorre (Corvo e Flores a nord-ovest, Terceira, Pico, Graciosa, Sao Jorge, Faial al centro e Sao Miguel e Santa Maria al sud-est, con l'ultima che dista circa 600 km dalla prima), il clima è tale da consentire la coltivazione di alcune specie tropicali, come le banane, il tè gli ananas nelle coste meridionali e più riparate di Sao Miguel, Pico e Santa Maria. La caratteristica più importante dell'arcipelago portoghese sta sicuramente nella straordinaria mitezza delle temperature invernali. La media annua è generalmente compresa tra 17 e 18 gradi. In gennaio e febbraio le minime si mantengono comunque tra i 12° e i 14°, mentre le massime superano quasi sempre i 16°, fino ad una media di 17,5°. In questi mesi le giornate di sole sono rare, e le piogge frequenti: interessano in media 18 giorni su 30. I versanti settentrionali presentano caratteristiche climatiche leggermente più fresche e ventilate. Inesistente la neve. Da marzo tuttavia, le invasioni di aria polare marittima si fanno più intense, determinando un tipo di tempo piuttosto fresco e instabile. Spesso il freddo maggiore si ha verso la fine dell'inverno, o addirittura a Marzo, con ondate di aria polare portate dagli scambi meridiani accentuati di inizio primavera.  Solo nella seconda metà di maggio avviene la svolta che apre le porte all'estate. Qui le temperature massime iniziano a portarsi  verso i 22/23 gradi, ma senza superare i 24/25°. Le temperature più alte della stagione calda ben difficilmente riescono a superare i 30 gradi; nella capitale Ponta Delgada - Isola di Sao Miguel - dal 1960 ad oggi tale valore è stato superato solo in 9 anni, fino ad una massima assoluta di 31,8°). Nelle giornate più calde e soleggiate la colonnina di mercurio arriva a stento a superare i 28° (nel 2000 massima assoluta di soli 27,8°). Sempre a Ponta Delgada, la media di luglio è di circa 22,4°, con una media delle massime di circa 25,5° e delle minime sui 18/19°. Relativamente scarsa è l'escursione termica, notevolmente attenuata dalle brezze.

Azz.Sao Miguel

Agosto è quasi sempre più caldo di luglio, e non è raro che settembre possa risultare il mese più caldo dell'anno. Il fatto che l'anticiclone prenda le sue mosse proprio da qui, non assicura però tempo stabile per settimane. Da giugno ad ottobre, le contrazioni delle cellula antiticlonica e un suo più marcato allontanamento verso il continente europeo o verso nord possono esporre l'arcipelago a frequenti passaggi debolmente perturbati, generalmente caldi, forieri di precipitazioni per lo più sotto forma di pioviggine quasi nebulizzata. Non sono rari, tuttavia, veri e propri rovesci. Rarissimi invece sono i temporali estivi, per la mancanza di serie irruzioni di aria fredda (le isole si trovano tra i 36 e i 38 gradi di latitudine) e di contrasto con il suolo surriscaldato. In autunno e in inverno invece, lo spostamento dell'anticiclone permette ai fronti freddi di entrare in contrasto con le risalite di aria calda da sud. Ecco che spesso, da ottobre ad aprile, l'arcipelago viene a trovarsi esattamente sulla traiettoria di imponenti zone di contrasto tra l'aria calda e umida subtropicale e le imponenti discese di aria artica. Ne conseguono piogge intensissime, fino a 50 mm al giorno, accompagnate da venti fino a 80/90 km orari, che ruotano progressivamente dai quadranti settentrionali. Dando uno sguardo alle precipitazioni, ci si accorge che sono piuttosto irregolari tra un isola e l'altra. La parte settentrionale di Pico ad esempio fino 1.200 millimetri d'acqua all'anno, mentre la capitale Ponta Delgada, posta sulla costa meridionale, generalmente più calda e riparata, attorno agli 800. A Santa Maria la media scende a 650 mm. Rari, come si diceva, i temporali, limitati all'inverno e alla prima parte delle primavera. Troppo basse, e troppo limitate sono infine le alture (ad eccezione di quelle di Pico e Sao Jorge) per dare origine a significativi eventi favonici, per altro osservabili, pur in misura contenuta. Dalla fine di settembre a novembre l'aricipelago viene poi a trovarsi sulla traiettoria residua dei grandi uragani che sfiorano il continente americano, generalmente declassati a semplici nuclei depressionari (fino a 970 hPa). Quando ciò accade non sono rari venti violentissime e piogge estremamente intense. Un'altra caratteristica delle isole sta nell'umidità, sempre elevatissima, mai inferiore al 60 per cento, generalmente superiore al 70 per cento anche nelle prime ore del pomeriggio e con il sole estivo. Il clima delle Azzorre, unico nel suo genere, permette alle isole di godere di fioriture straordinarie. Moltissime piante da fiore ambite nei nostri giardini, nelle Azzorre crescono spontaneamente e fanno parte della vegetazione naturale, come le ortensie. 

Azzorre fiori

Marco Iannucci mpi end

Meteo Portale Italia © Riproduzione riservata

Homepage   Chi siamo   Info-Contatti-Archivio   Lavora con noi   Privacy e Cookies   Note legali

Seguici anche su

facebook-logo ter Twitter-icon-60-pz google-plus-logo 3 linkedin 60 px  youtube 60px rss icon 60x60

Logo-MPI-fine-articolo-JPG

Meteo Portale Italia - MALU s.r.l. - C.F. e P.IVA 08683291002

Copyright © 2011-2015 Meteo Portale Italia. Tutti i diritti riservati.


Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Webcam multi tipo

citta

traffico

montagne

italia-montagne

italia-montagne2

spiagge

cielo

animali

luoghi-tipici

radio-e-tv

scientifiche

sport-e-eventi

laghi fiumi parchi

video-da-webcam