ultime dallitalia h 75   ultime dal mondo h 75   extreme weather h75

    analisi-modelli h 75  Scienze-h-75  Terremoti-h-75

Back Sei qui: Homepage Scienze Scienze Astronomia Aurore verdi su VENERE? Nuovi indizi

Astronomia

Aurore verdi su VENERE? Nuovi indizi

banner-all-articles-top-defin-02-720x81-px

Sarebbe interessante vedere se Marte mostra risultati simili

venus-auroralLa maggior parte di noi ha visto l'aurora boreale che dipinge il cielo notturno con un bagliore multicolore. Ma lo spettacolo di luci su Venere è molto diverso... se ​​si sa dove guardare!

Un gruppo di astronomi che hanno studiato il fenomeno, ha voluto condividere le loro scoperte in una riunione della divisione dell'American Astronomical Society, che si è tenuta il 12 novembre a Tucson, in Arizona. Gli astronomi hanno riflettuto per decenni sul fatto che  Venere potrebbe avere aurore verdi, nonostante non abbia un campo magnetico proprio. 

Sulla Terra, le bellissime aurore sono il risultato di un flusso di particelle cariche (protoni ed elettroni) di origine solare (vento solare) con la ionosfera terrestre. Tali particelle eccitano gli atomi dell'atmosfera che "diseccitandosi", in seguito emettono luce di varie lunghezze d'onda. A causa della geometria del campo magnetico terrestre, le aurore sono visibili in due ristrette fasce attorno ai poli magnetici della Terra.

Questo stesso processo non può avvenire su Venere, perché Venere non ha un campo magnetico. Eppure, per decenni, gli astronomi hanno visto la luce da Venere che indica "ossigeno eccitato", la stessa sostanza che, sulla Terra, produce la luce verde delle aurore.

Venere ha le aurore verdi?

E' un mistero che quattro astronomi, Candace Gray e Nancy Chanover della New Mexico State University di Las Cruces, New Mexico, Tom Slanger dello SRI a Menlo Park, in California, e Karan Molaverdikhani dell'Università del Colorado a Boulder, cercano di risolvere. 

" Su Venere, la linea verde è stata vista solo in modo intermittente", ha dichiarato Candace Gray. "A volte è molto luminosa e altre volte non è rilevabile a tutti. La ragione di questa variabilità è stata studiata per più di quaranta anni senza una chiara spiegazione di ciò che la potrebbe causare" Allo stesso modo, sulla Terra, le aurore sono un fenomeno naturale fugace e luminoso che dura una notte e poi scompare.

Gray, Chanover, Slanger e Molaverdikhani hanno condotto il loro studio all'Apache Point Observatory (APO) nelle montagne di Sacramento, New Mexico (vicino a Cloudcroft). Dal 2012 al 2014, per ogni periodo di due mesi, la squadra è rimasta cinque notti ad osservare in APO, e ogni volta è riuscita vedere un brillamento solare di classe X diretto su Venere.

Slanger ha detto: "I risultati sono stati sorprendenti! Ad esempio ci fu una grande tempesta solare nel luglio 2012, che produsse un flare di classe X e una CME enorme che si diresse proprio verso Venere. Abbiamo visto la più brillante linea verde che fosse mai stata rilevata". 

Ciò dimostra che forse, un campo magnetico potrebbe essere facoltativo quando si tratta di attività aurorale , almeno nel caso del pianeta Venere, situato a soli 0,7 unità astronomiche (108.500 mila km) dal Sole.

Il team ha anche osservato che la linea verde di ossigeno eccitato è stata rilevata non dopo ogni chiarore, suggerendo che le particelle cariche sono responsabili per l'emissione della linea verde, simile a quella dell'aurora sulla Terra.

venus-earth

In presenza di un campo magnetico, aurore della Terra (in verde) sono viste principalmente sopra i poli. Su Venere, che manca di un campo magnetico, le particelle cariche possono essere depositati in tutto il pianeta, producendo aurore (in verde), ad ogni latitudine.

Qual'è la chimica atmosferica specifica su Venere che potrebbe produrre un'aurora in assenza di un campo magnetico?

Per dare una risposta almeno in parte, i ricercatori stanno cercando di confrontare i loro risultati con le osservazioni della sonda Venus Express dell'Agenzia Spaziale Europea.

"Attualmente, stiamo usando le osservazioni da VIRTIS su Venus Express per cercare di rilevare la linea verde ", ha detto Gray . "Avevamo coordinato a terra le osservazioni con loro lo scorso febbraio e abbiamo rilevato la linea verde da terra quando loro stavano osservando il lato notturno. Inoltre, stiamo usando l'Electron Spectrometer e ASPERA-4 per osservare come l'energia degli elettroni e la densità provochino dei cambiamenti nell'atmosfera dopo l'espulsione di massa coronale. "

Si pone anche l'interessante possibilità che il MAVEN della NASA, che recentemente è arrivato in orbita attorno a Marte, dpossa rilevare l'attività simile nell'atmosfera marziana. Come Venere, anche nel Pianeta Rosso manca un campo magnetico globale.

Così ancora non può essere messa la parola "fine" sull'argomento delle aurore su Venere...

venus-magnetic-tail

Questa rappresentazione mostra la coda magnetica (marrone) in uscita di Venere, mentre il campo magnetico terrestre (blu) devia il vento solare. Illustrazione tramite ESA.

Ali Dorate

Meteo Portale Italia © Riproduzione riservata

Homepage   Chi siamo   Info-Contatti-Archivio   Lavora con noi   Privacy e Cookies   Note legali

Seguici anche su

facebook-logo ter Twitter-icon-60-pz google-plus-logo 3 linkedin 60 px  youtube 60px rss icon 60x60

Logo-MPI-fine-articolo-JPG

Meteo Portale Italia - MALU s.r.l. - C.F. e P.IVA 08683291002

Copyright © 2011-2015 Meteo Portale Italia. Tutti i diritti riservati.


Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Webcam multi tipo

citta

traffico

montagne

italia-montagne

italia-montagne2

spiagge

cielo

animali

luoghi-tipici

radio-e-tv

scientifiche

sport-e-eventi

laghi fiumi parchi

video-da-webcam