Sul nostro sito usiamo i cookies. Continuando la navigazione nel sito ne autorizzi l'uso.

   ultime dallitalia h 75   ultime dal mondo h 75   extreme weather h75

    analisi-modelli h 75  Scienze-h-75  Terremoti-h-75

Back Sei qui: Homepage Meteo Italia Meteo Italia Meteo Storia Italia: eventi meteo rimasti negli annali Uragano Sandy contro Uragano Katrina: due terribili tempeste a confronto. Quali le differenze?

Meteo Storia Italia: eventi meteo rimasti negli annali

Uragano Sandy contro Uragano Katrina: due terribili tempeste a confronto. Quali le differenze?

banner-all-articles-top-defin-02-720x81-px

Katrina-vs-SandyLe scene di devastazione e di rottami che gli uragani Sandy (2012) e Katrina (2005) hanno lasciato alle loro spalle sono stati tragicamente simili. Entrambe le tempeste hanno invaso grandi città, privandole di alimentazione elettrica a milioni di persone e hanno distrutto coste densamente popolate.

Ma da un punto di vista meteorologico, le tempeste erano molto diverse.

Katrina fu un ciclone tropicale "da manuale", con un compatto campo di vento simmetrico che ruotava attorno a un centro di bassa pressione. Come la maggior parte dei cicloni tropicali, Katrina è stata una tempesta a "core caldo"( nocciolo-nucleo-anima ) che ha tratto la sua energia dalle acque calde dell'Oceano Atlantico tropicale. Sandy ha avuto caratteristiche simili mentre procedeva attraverso i tropici. Ma appena la tempesta si è mossa verso nord, si è fusa con un sistema meteorologico in arrivo da ovest e ha iniziato la transizione da ciclone tropicale a ciclone extratropicale.

I nomi ciclone tropicale e ciclone extratropicale sembrano simili, ma ci sono differenze fondamentali tra i due tipi di tempeste. Mentre i cicloni tropicali traggono la loro energia dalle acque oceaniche calde, i cicloni extratropicali sono alimentati da contrasti forti di temperatura tra le masse di aria calda e fredda.

I cicloni extratropicali tendono anche ad essere asimmetrici, con venti larghi e la forma dei campi nuvolosi più simili ad una virgola che a cerchi. Così, quando i cicloni tropicali diventano extratropicali, il loro vento e i campi nuvolosi si espandono notevolmente. I loro venti più forti in genere si indeboliscono durante questo processo, ma di tanto in tanto le tempeste di transizione mantengono venti della forza dell'uragano, come è stato nel caso di Sandy.

venti di Katrina

colorpalette

venti di sandy

colorpalette

La coppia di mappe del vento di cui sopra illustrano alcune delle differenze. La mappa dei venti di Sandy (in alto), prodotta con i dati di un scatterometro radar sull'Indian Space Research Organization (ISRO) Oceansat-2, mostra la forza e la direzione dei venti oceanici di superficie di Sandy il 28 ottobre 2012. La mappa dei venti dell'uragano Katrina (in basso) è stata realizzata da analoghi dati acquisiti il 28 agosto 2005, con un scatterometro radar della NASA sul QuickSCAT satellite. In entrambe le mappe, la velocità del vento superiore ai 65 chilometri (40 miglia) all'ora è indicata dal colore giallo; superiore agli 80 chilometri orari (50 mph) dal colore arancione e superiore a 95 chilometri orari (60 mph) dal colore rosso scuro.

La differenza più evidente è la misura del campo dei forti venti. Per Katrina, i venti oltre i 65 chilometri all'ora si estendono per circa 500 chilometri (300 miglia) da bordo a bordo. Per Sandy, i venti di quella intensità si estendevano per 1.500 km (900 miglia).

"I venti di Katrina erano più intensi, ma hanno coperto meno spazio", ha detto Brian McNoldy, meteorologo dell'Università di Miami, autore di un articolo sul Washington Post che spiega perché l'onda di tempesta di Sandy ha causato tanti danni. "Quando si considera l'innalzamento delle acque, Katrina era in grado di generare a livello locale un aumento di livello superiore, ma Sandy è stato in grado di generare un impulso distruttivo su una lunghezza maggiore di coste."

Un'altra differenza è la posizione dei venti più forti. Per i cicloni tropicali nell'emisfero settentrionale, i venti più forti sono di solito appena ad est dell'occhio del ciclone, in mezzo a un anello di temporali violenti chiamato eyewall. "Il campo dei venti di Katrina si inserisce in questo modello, ma per Sandy invece ad est c'erano i venti più deboli, indicazione che Sandy aveva già iniziato a interagire con un sistema frontale proveniente dal suo nord-est, convogliato verso sud-ovest da un anticiclone di blocco oceanico sempre a nord-est della struttura di Sandy ", ha osservato il meteorologo Jenni Evans della Penn State.

Luciano Serangeli mpi end

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Meteo Portale Italia © Riproduzione riservata

Homepage   Chi siamo   Info-Contatti-Archivio   Lavora con noi   Privacy e Cookies   Note legali

Seguici anche su

facebook-logo ter Twitter-icon-60-pz google-plus-logo 3 linkedin 60 px  youtube 60px rss icon 60x60

Logo-MPI-fine-articolo-JPG

Meteo Portale Italia - MALU s.r.l. - C.F. e P.IVA 08683291002

Copyright © 2011-2015 Meteo Portale Italia. Tutti i diritti riservati.


Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Webcam multi tipo

citta

traffico

montagne

italia-montagne

italia-montagne2

spiagge

cielo

animali

luoghi-tipici

radio-e-tv

scientifiche

sport-e-eventi

laghi fiumi parchi

video-da-webcam