ultime dallitalia h 75   ultime dal mondo h 75   extreme weather h75

    analisi-modelli h 75  Scienze-h-75  Terremoti-h-75

Back Sei qui: Homepage Meteo estero Meteo estero Meteo Cronaca & News Estero Fukushima: L'allarmante punto dopo quattro anni di contaminazione

Meteo Cronaca & News Estero

Fukushima: L'allarmante punto dopo quattro anni di contaminazione

banner-all-articles-top-defin-02-720x81-px

Il popolo giapponese pagherà un caro prezzo per molti decenni.

Fukushima 1L'11 marzo 2015 è stato un triste anniversario per il popolo del Giappone: quattro anni da quando un terremoto di magnitudo 8.9 della scala Richter ha scatenato uno tsunami, che ha causato decine di migliaia di vite, innescando il peggior disastro nucleare in una generazione.

I sistemi di sicurezza della centrale nucleare della Tokyo Electric Power Company (Tepco) di Fukushima andarono in tilt e causarono esplosioni che contribuirono a liberare nell'ambiente grandi quantità di radioattività.

Dopo quattro anni la crisi nucleare è in continua evoluzione: sia la contaminazione ambientale che la sofferenza umana causata dalla catastrofe sono ancora in atto. Anche in Giappone il primo ministro Abe, un sostenitore accanito del nucleare, che ha insistito per la ripresa del parco nucleare del Giappone, ha fatto un passo indietro dalla sua posizione del 2013 ed ha ammesso: "Ci sono una montagna di problemi, tra cui l'acqua contaminata, lo smantellamento, la compensazione e la contaminazione ...Quando penso alle vittime che vivono ancora in condizioni di evacuazione difficili, non credo che possiamo usare la parola 'risolta', per descrivere l'impianto di Fukushima."

Una delle piaghe del sito di Fukushima è stata e continua ad essere una crisi di quello che è il più fondamentale tra gli elementi, il fondamento per la vita su questo pianeta ossia l'acqua, ormai contaminata con alcune delle tossine artificiali più pericolose e longeve mai esistite, elementi radioattivi come lo iodio, il cesio e il cobalto radioattivi. Non più tardi del 25 febbraio, la TEPCO ha ammesso che l'acqua è altamente radioattiva, circa 50-70 volte in più rispetto ai livelli già elevati di radioattività viste sul posto, e che è stata riversata in mare per quasi un anno. La TEPCO ha scelto di non rivelare la perdita fino ad ora. Il sindacato dei pescatori ha dichiarato questa ultima notizia una violazione completa di fiducia tra il governo e i pescatori locali.

Ma quanto è grande problema di acqua radioattiva della TEPCO?

Veniamo ai numeri:

  • 320.000 tonnellate, la quantità di acqua altamente contaminata dal dicembre 2014 in attesa in circa 1000 enormi serbatoi in loco per il "trattamento", ossia per rimuovere i 62 elementi radioattivi contaminanti, fatta eccezione per l'isotopo dell'idrogeno radioattivo, il trizio.
  • 300 tonnellate di acqua al giorno spruzzati nei reattori per raffreddare i nuclei del reattore fusi nelle Unità 1-3: nuclei di cui nessuno effettivamente conosce la posizione esatta.
  • 800 tonnellate, la quantità delle acque sotterranee sul posto ogni giorno. Di cui, 300-400 tonnellate diventate di contaminazione radioattiva.
  • 400 tonnellate, la quantità di acqua altamente radioattiva che scorre nell'Oceano Pacifico ogni giorno, una cifra che non include questa ultima perdita annunciata nel mese di febbraio.
  • 11.000 tonnellate, l'importo stimato di acqua altamente contaminata che TEPCO ha tentato di pompare per il trattamento con un successo limitato.

fukushima

Il punto cruciale di questo è che non solo la contaminazione continua a fluire dal sito del reattore e nell'ambiente, ma la localizzazione dei nuclei dei reattori e lo smantellamento del sito sono essi stessi condizionati dal controllo acquoso.

Nel tentativo di ottenere una presa di coscienza dell'idrologia naturale del sito, la TEPCO si è concentrata su due grandi progetti: la costruzione di un muro marino per controllare le massicce fughe radioattive nell'oceano, e la costruzione di un muro di ghiaccio per ridurre la quantità di acqua che scorre sul posto ogni giorno. L'efficacia di entrambi i progetti sollevano dubbi significativi. Entrambi i progetti si basano sul presupposto che a 30 metri di profondità gli strati di terreno diventano roccia impermeabile, che servirebbero come una sorta di pavimento naturale, impedendo all'acqua di muoversi sotto le pareti. Sfortunatamente, i sondaggi geologici mostrano che il sito del reattore è costruito sul terreno equivalente ad una spugna, ossia sabbia e pietra pomice altamente permeabile fino ad una profondità di 200 metri.

Gli sforzi di decontaminazione stanno generando una massiccia quantità di rifiuti radioattivi.
Questi rifiuti vengono confezionati in enormi sacchi neri e vengono trasferiti in siti temporanei. Circa 54.000 migliaia di tali all'aperto, ma siti di stoccaggio dei rifiuti radioattivi giacciono sparsi in tutte le aree circostanti, anche nei cortili delle case, parcheggi e parchi.

fukushima2

Le stime ufficiali del volume di spazio necessario per ospitare questa montagna di rifiuti radioattivi sono tra i 15 e 28 milioni di metri cubi di rifiuti, abbastanza da riempire da 12 a 23 Tokyo Dome. Insomma, gli sforzi di decontaminazione non sono sempre rivolti a "liberarsi" del problema radioattivo. Ora, a quattro anni di distanza dal disastro, queste sono ancora città nucleari fantasma. E nonostante tali sforzi coraggiosi da parte degli operai addetti alla decontaminazione, la pura entità del problema sembra impedire il vero successo.

Gli esperti di radiazioni di Greenpeace hanno visitato Fukushima 23 volte, la prima nelle settimane immediatamente dopo l'inizio del disastro. Nel mese di ottobre 2014, i risultati del monitoraggio di Greenpeace da Iitate (40 km da Fukushima Daiichi), Fukushima città (60 km), Miyakoji nella città di Tamura (20 km), e il villaggio Kawauchi (20km), hanno mostrato che gli sforzi di decontaminazione che ci sono stati non riescono a ridurre la contaminazione in molte aree e a soddisfare a lungo termine il livello target di decontaminazione del governo giapponese di 0.23micro Sv / h. A Kawauchi, parte del quale ha avuto il suo ordine di evacuazione revocato nell'ottobre 2014, il monitoraggio di Greenpeace ha trovato il 59% delle misure di radiazione che sono state oltre il livello di destinazione e, di nuovo, con livelli più alti che si trovano lontano dalle strade.  Questa era una volta una regione fortemente agricola. La perdita della terra significa la perdita di un intero modo di vita e di intere fonti di sostentamento.

Circa 120.000 rifugiati nucleari vivono ancora in alloggi temporanei e per loro è come vivere in un limbo: non basta un risarcimento per stabilire una vita da qualche altra parte, o la scelta di non tornare alle loro case. «Perché la gente non dovrebbe tornare qui in modo permanente a viverci?" chiede Masami Yoshizawa , un agricoltore che ha rifiutato di lasciare la sua mandria di bovini a Namie. "Non c'è nessuna infrastruttura nè scuole, negozi o trasporti ". E questa è una domanda che nessuno dovrebbe mai chiedere, soprattutto non quando il disastro è provocato dall'uomo.  In giorni come questi si ricordano le vittime, molte delle quali stanno ancora soffrendo per questo disastro nucleare. Si continua a combattere, come fa la maggior parte delle persone del Giappone che si oppone ad ogni riavvio nucleare, al fine di garantire che il vero futuro è quello che è sicuro, pulito, e libero dal nucleare.

Ali Dorate

Meteo Portale Italia © Riproduzione riservata

Homepage   Chi siamo   Info-Contatti-Archivio   Lavora con noi   Privacy e Cookies   Note legali

Seguici anche su

facebook-logo ter Twitter-icon-60-pz google-plus-logo 3 linkedin 60 px  youtube 60px rss icon 60x60

Logo-MPI-fine-articolo-JPG

Meteo Portale Italia - MALU s.r.l. - C.F. e P.IVA 08683291002

Copyright © 2011-2015 Meteo Portale Italia. Tutti i diritti riservati.


Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Webcam multi tipo

citta

traffico

montagne

italia-montagne

italia-montagne2

spiagge

cielo

animali

luoghi-tipici

radio-e-tv

scientifiche

sport-e-eventi

laghi fiumi parchi

video-da-webcam