ultime dallitalia h 75   ultime dal mondo h 75   extreme weather h75

    analisi-modelli h 75  Scienze-h-75  Terremoti-h-75

Back Sei qui: Homepage Didattica Didattica Didattica modelli fisico matematici I modelli fisico-matematici: Scopi ed utilizzi

Didattica modelli fisico matematici

I modelli fisico-matematici: Scopi ed utilizzi

banner-all-articles-top-defin-02-720x81-px

modelliIntorno agli inizi del ventesimo secolo alcuni scienziati iniziarono a pensare che fosse possibile prevedere il tempo atmosferico attraverso l'utilizzo di complesse equazioni matematiche. L'unica difficoltà, per altro molto importante, era che trattandosi di formule davvero molto complesse, gli stessi studiosi non potevano confermare le proprie teorie. Venne così reso indispensabile l'utilizzo del computer.

L'invenzione del computer ha ormai risolto da anni questo problema, tant'è che oggi tutti i servizi meteorologici nazionali e internazionali applicano le proprie previsioni attraverso l'utilizzo di modelli matematici di previsione computerizzati.

Al momento, seppur con tutte le loro variabili e complessità, i modelli sono diventati lo strumento base per tutti i meteorologici, anche se la loro affidabilità lascia ancora a desiderare, specialmente nelle evoluzioni meteo a lungo termine (che vanno cioè dai sette ai dieci-quindici giorni).

Sappiamo dunque che gli attuali modelli a disposizione sono basati su moltissimi equazioni che calcolano il comportamento dell'atmosfera. Alcuni di queste descrivono ad esempio la formazione, lo spostamento e l'eventuale dissolvimento di una nube, indicano attraverso i fronti nuove possibili formazioni depressionarie o altopressorie. Dunque aiutano molto il previsore a scoprire come potrebbe comportarsi il tempo da lì ai prossimi giorni.

Ma la grande quantità di calcoli necessari per applicare tali modelli matematici sono molto complessi da sviluppare, per questo si ricorre, tutt'ora, all'utilizzo di potenti e veloci macchinari.

Il primo matematico a sviluppare un modello meteorologico fu Lew Richardson, che nel 1923 usò un modello per prevedere il tempo atmosferico per le prossime 24 ore, con un metodo molto approssimativo ma molto utile. Al giorno d'oggi tuttavia esistono per tutte le variabili atmosferiche delle equazioni che puntualmente i modelli fisico-matematici sviluppano in una possibile linea evolutiva e che sono disponibili attualmente in tutte le carte meteorologiche.

I modelli a mesoscala: Si tratta di modelli molto simili a quelli descritti fino ad ora con l'unica differenza che vengono applicati a regioni molto ristrette, per rendere la previsione più affidabile e precisa. Vengono utilizzati anche in questi dei computer molto potenti, che garantiscono una precisione pressochè simil-realista in uno spazio ristretto di territorio.

Attualmente i più potenti centri di calcolo per previsioni modellistiche internazionali sono l'americano GFS (Global Forecasting Siystem) e l'europeo ECMWF (European Centre for medium range Weather Forecast). Ne esistono altri anch'essi di un'importanza rilevante.

Nei prossimi appuntamenti descriveremo le applicazioni di questi due modelli, il loro utilizzo e le loro caratteristiche.

Rinaldo Cilli {jacomment on}

Meteo Portale Italia © Riproduzione riservata

Homepage   Chi siamo   Info-Contatti-Archivio   Lavora con noi   Privacy e Cookies   Note legali

Seguici anche su

facebook-logo ter Twitter-icon-60-pz google-plus-logo 3 linkedin 60 px  youtube 60px rss icon 60x60

Logo-MPI-fine-articolo-JPG

Meteo Portale Italia - MALU s.r.l. - C.F. e P.IVA 08683291002

Copyright © 2011-2015 Meteo Portale Italia. Tutti i diritti riservati.


Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Webcam multi tipo

citta

traffico

montagne

italia-montagne

italia-montagne2

spiagge

cielo

animali

luoghi-tipici

radio-e-tv

scientifiche

sport-e-eventi

laghi fiumi parchi

video-da-webcam