ultime dallitalia h 75   ultime dal mondo h 75   extreme weather h75

    analisi-modelli h 75  Scienze-h-75  Terremoti-h-75

Back Sei qui: Homepage Didattica Didattica Didattica ed effetti delle Teleconnessioni o Indici Climatici La Concentrazione del Ghiaccio Marino Artico come Predittore degli Inverni Europei

Didattica ed effetti delle Teleconnessioni o Indici Climatici

La Concentrazione del Ghiaccio Marino Artico come Predittore degli Inverni Europei

banner-all-articles-top-defin-02-720x81-px

Una forte correlazione tra la copertura Autunnale del ghiaccio marino nell'Oceano Artico e la NAO

1 Predittore InverniC'è un legame statistico tra la concentrazione del ghiaccio marino artico nel mese di settembre e il tempo che l'Europa sperimenterà attraverso l'inverno successivo, questo ci dice una nuova ricerca pubblicata in Nature Geoscience, indicando l'importanza di integrare la variabilità del ghiaccio marino Artico nelle previsioni stagionali.

L'immagine sopra (Cliccare per espanderla) mostra come la Banchisa artica di Settembre agisce da predittore invernale.

L'immagine sotto è una convalida incrociata della NAO. L' Indice Detrendato della NAO invernale stimata dal modello statistico utilizzando l'analisi di settembre nella massima covarianza di concentrazione del ghiaccio marino (MCA-SIC) come unico predittore (rosso) e b, la combinazione della copertura nevosa di settembre MCA-SIC e di ottobre (SAI) come predittori (blu), con l'intervallo di previsione del 95% (ombreggiatura grigia) e da rianalisi (nero). È indicata la correlazione tra la serie storica osservata e prevista (r).

2 Predittore Inverni

Un tentativo di Previsione di temperatura e precipitazione invernale europea può essere fatta già a partire dal mese di Settembre, basata sulle variazioni della copertura del ghiaccio marino. I risultati estendono i tempi previsionali per l'inverno europeo a tre mesi, e suggeriscono che la variabilità del ghiaccio marino artico dovrebbe essere usata nei sistemi di previsione stagionale, cioè, previsioni o tendenze del tempo a lungo raggio.

Uno degli ostacoli che affrontano i sistemi di previsione del clima corrente è la prevedibilità della North Atlantic Oscillation (NAO), lo schema di blocco atmosferico che si forma spesso sopra l'Oceano Atlantico, la modalità principale di variabilità atmosferica da dicembre a febbraio nella regione euro-atlantica . La NAO influenza notevolmente la variabilità della temperatura superficiale e precipitazioni nella regione, ed è anche associata con le tempeste del Nord Atlantico.

I Ricercatori Javier García-Serrano e Claude Frankignoul, dell'Ocean IPSL di Parigi, hanno identificato una forte correlazione tra la copertura Autunnale del ghiaccio marino nell'Oceano Artico, in particolare nei mari di Barents e di Kara a nord della Scandinavia e della Russia, e la NAO. Essi mostrano che questo legame può essere sfruttato per fare previsioni sapienti del tempo invernale europeo. Gli autori riferiscono che le previsioni possono essere ulteriormente migliorate, a scapito di una riduzione dei tempi di consegna a due mesi, con l'aggiunta della copertura nevosa euroasiatica come predittore.

3 Predittore Inverni

Gli autori affermano che "non vi è una crescente evidenza che la NAO invernale è in parte guidata da lenti cambiamenti delle condizioni al contorno della Terra, che è anzi la premessa per la fattibilità di previsione stagionale", e identificano la temperatura della superficie del mare, la copertura nevosa in Eurasia, e il ghiaccio marino Artico come indicatori chiave.

Gli autori sottolineano che il legame tra la temperatura della superficie del mare, la NAO e gli inverni europei è stato studiato da vicino, ma che non è molto utile per scopi di previsione. La progressione in ottobre della copertura nevosa in Eurasia ha dimostrato essere utile per le previsioni, ma il loro obiettivo principale è il ghiaccio del mare Artico.

«Ci ​​sono stati anche studi incoraggianti sull'influenza della concentrazione del ghiaccio marino autunnale (SIC) e la circolazione atmosferica atlantica invernale in Europa. Qui usiamo i dati ottenuti via satellite e rianalizzati per dimostrare che l'Artico autunnale SIC è una fonte affidabile di abilità predittiva per la NAO invernale. Questo illustra l'importanza della variabilità della criosfera per fornire previsioni valide di superficie sul clima invernale in Europa, e fornisce una capacità di correlazione di riferimento che i sistemi di previsione dinamici devono aspirare a raggiungere o superare," continuano a spiegare gli autori dello studio.

Utilizzando i dati dei ghiaccio artici di settembre degli anni precedenti per generare "hindcasts", previsioni storiche di quello che sarebbe stato previsto per l'inverno successivo utilizzando i dati disponibili al momento, e confrontando questi hindcasts con i dati reali provenienti da ciascuno di questi inverni, gli autori concludono che esiste una correlazione significativa tra la copertura del ghiaccio marino e le condizioni invernali in Europa.

"Hindcasts convalidati dell'indice di oscillazione dell'Atlantico Settentrionale in inverno, facendo uso delle anomalie della banchisa di settembre, rendono un'abilità di correlazione di 0,59 per il periodo 1979/1980-2012/2013, suggerendo che 35% della sua varianza potrebbe essere previsto con un anticipo di tre mesi.„

4 Predittore Inverni

Questa idea di un collegamento tra il ghiaccio del mare e gli inverni europei è stata sollevata in una ricerca pubblicata nel 2011, che ha trovato un legame tra i bassi livelli di ghiaccio nel Mare di Barents-Kara, a nord della Norvegia e della Russia, e una maggiore probabilità di inverni rigidi in Europa come il freddo inverno tra il 2005 e il 2006. Vladimir Petoukhov, capo ricercatore per lo studio, e uno scienziato del clima dell'Istituto di Potsdam per la ricerca sul clima in Germania, hanno sostenuto che questi declini del ghiaccio marino associati ad oceani più caldi potrebbero triplicare la probabilità di estremi invernali in Europa e in Asia settentrionale.

PS: C'è da aggiungere tuttavia che il tutto rientra in fase di "sperimentazione e statistica" ancora di difficile attuazione, con variabili non ancora perfettamente conosciute, che rendono le proiezioni stagionali difficilmente affidabili nel lungo termine.

Paolo Lui mpi end

Meteo Portale Italia © Riproduzione riservata

Homepage   Chi siamo   Info-Contatti-Archivio   Lavora con noi   Privacy e Cookies   Note legali

Seguici anche su

facebook-logo ter Twitter-icon-60-pz google-plus-logo 3 linkedin 60 px  youtube 60px rss icon 60x60

Logo-MPI-fine-articolo-JPG

Meteo Portale Italia - MALU s.r.l. - C.F. e P.IVA 08683291002

Copyright © 2011-2015 Meteo Portale Italia. Tutti i diritti riservati.


Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Webcam multi tipo

citta

traffico

montagne

italia-montagne

italia-montagne2

spiagge

cielo

animali

luoghi-tipici

radio-e-tv

scientifiche

sport-e-eventi

laghi fiumi parchi

video-da-webcam