ultime dallitalia h 75   ultime dal mondo h 75   extreme weather h75

    analisi-modelli h 75  Scienze-h-75  Terremoti-h-75

Back Sei qui: Homepage Clima Dibattito sul Clima Climoscurati: il "climapensiero libero" Nessun panico a proposito del “riscaldamento globale” ( The Wall Street Journal 17 gennaio 2012 ). Parte seconda.

Climoscurati: il "climapensiero libero"

Nessun panico a proposito del “riscaldamento globale” ( The Wall Street Journal 17 gennaio 2012 ). Parte seconda.

banner-all-articles-top-defin-02-720x81-px

Climoscurati mpi articoliIniziate col leggere la prima parte dell'articolo cliccando qui.

Nota del redattore: Il seguente articolo è stato firmato dai 16 scienziati elencati alla fine.

Sebbene il numero pubblico di scienziati dissenzienti sta crescendo, molti giovani scienziati furtivamente affermano che, mentre hanno anche seri dubbi sul messaggio del riscaldamento globale, allo stesso tempo hanno paura di parlare per timore di non essere promossi, o peggio.

Hanno buone ragioni per preoccuparsi.

Nel 2003, il Dr. Chris de Freitas, l'editore della rivista Climate Research, ha osato pubblicare un articolo peer-reviewed ( valutato cioè tramite revisione paritarie di scienziati terzi ) , con la conclusione politicamente scorretta (ma di fatto corretta), che il recente riscaldamento non è inusuale nel contesto dei cambiamenti climatici degli ultimi mille anni.

Le istituzioni internazionali, favorevoli alla teoria del riscaldamento veloce, hanno montato una decisa campagna di attacco per avere il Dr. De Freitas rimosso dal suo lavoro editoriale e licenziato dalla sua posizione universitaria.

Fortunatamente, il dottor de Freitas è stato in grado di mantenere il suo lavoro universitario.

Questo non è il modo in cui si suppone che la scienza lavori, ma abbiamo visto in epoche passate, per esempio nel periodo spaventoso in cui Trofim Lysenko letteralmente dirottò la biologia su binari politici in Unione Sovietica, che biologi sovietici i quali rivelavano di credere nella teoria dei geni, vennero accusati di cospirazione borghese e furono licenziati dai loro posti di lavoro. Molti di loro furono inviati nei gulag e alcuni di loro condannati a morte.

Perché c'è tanta passione sul riscaldamento globale, e perché la questione è diventata così irritante che l'American Physical Society, da cui il dottor Giaever si dimise pochi mesi fa, ha respinto la richiesta apparentemente ragionevole da parte di molti dei suoi membri, di rimuovere la parola " incontrovertibile "dalla descrizione di una questione scientifica?

Ci sono molte ragioni, ma un buon punto di partenza è la vecchia domanda "cui bono? ( a chi giova? )", oppure la versione moderna, "Segui il denaro."

- L’allarmismo sul clima è di grande beneficio per molti, fornendo finanziamenti governativi per la ricerca accademica ed un motivazione a crescere da parte delle burocrazie governative.

- L’allarmismo offre anche una scusa per i governi di aumentare le tasse, finanziare tramite i sussidi dei contribuenti quelle imprese che capiscono come funziona il sistema politico e rappresenta un richiamo per le donazioni alle grandi fondazioni benefiche che promettono di salvare il pianeta.

Lysenko e la sua squadra hanno vissuto molto bene e hanno difeso i loro dogmi ed i privilegi che ne sono derivati.

Parlando a nome di molti scienziati e ingegneri che hanno esaminato questa questione con attenzione e in modo indipendente dalla scienza del clima, abbiamo un messaggio a qualsiasi candidato ad una carica pubblica:

- Non vi è alcun argomento scientifico convincente nell'azione drastica per "decarbonizzare" l'economia mondiale. Anche se si accettano le previsioni climatiche gonfiate dell'IPCC, le attuali emissioni di gas non giustificano economicamente le aggressive politiche di controllo.

Un recente studio di una vasta gamma di opzioni politiche, effettuato dall’economista William Nordhaus dell’Università di Yale, hanno dimostrato che quasi il più alto rapporto benefit-to-cost ( costo-beneficio, costo-vantaggio ), viene raggiunto da una politica che permetta 50 anni di crescita economica senza gli ostacoli dei controlli dei gas serra.

Questo sarebbe particolarmente utile alle parti meno sviluppate del mondo, che vorrebbero condividere alcuni degli stessi vantaggi di benessere materiale, salute e aspettativa di vita, che le parti pienamente sviluppate del mondo godono ora.

Molte altre risposte politiche avrebbero un rendimento negativo rispetto agli investimenti. Ed è probabile che più CO2 e il modesto riscaldamento che deriva da esso, sarà un beneficio complessivo per il pianeta.

Se i funzionari eletti si sentono costretti a "fare qualcosa" sul clima, si consiglia di sostenere gli scienziati eccellenti che stanno aumentando la nostra comprensione del clima, con ben progettati strumenti su satelliti, negli oceani e sulla terra, nonché tramite l'analisi dei dati osservati.

Meglio si comprende il clima, meglio si potrà far fronte alla sua natura mutevole, che ha complicato la vita umana nel corso della storia. Tuttavia, gran parte degli ingenti investimenti privati e pubblici nel clima, hanno un disperato bisogno di revisione critica.

Ogni candidato deve sostenere misure razionali per proteggere e migliorare il nostro ambiente, ma non ha senso da parte di tutti appoggiare programmi costosi che deviano le risorse dalle reali esigenze e si basano su dichiarazioni allarmanti, ma insostenibili di prove "incontrovertibili".

Claude Allegre, ex direttore dell'Istituto per lo studio della Terra, Università di Parigi, J. Scott Armstrong, co-fondatore del Journal of Forecasting e l'International Journal of Forecasting, Jan Breslow, direttore del Laboratorio di genetica biochimica e il metabolismo, Rockefeller University, Roger Cohen, compagno, American Physical Society, David Edward, membro, National Academy of Engineering e National Academy of Sciences, William Happer, professore di fisica, Princeton, Michael Kelly, professore di tecnologia, University of Cambridge, UK; William Kininmonth, ex capo della ricerca sul clima presso il Bureau of Meteorology australiano, Richard Lindzen, professore di scienze atmosferiche, MIT, James McGrath, professore di chimica, Virginia Technical University, Rodney Nichols, ex presidente e CEO della New York Academy of Sciences; Burt Rutan, ingegnere aerospaziale, progettista di Voyager e di SpaceShipOne, Harrison H. Schmitt, astronauta dell'Apollo 17 e l'ex senatore degli Stati Uniti, Nir Shaviv, professore di astrofisica, Hebrew University, Jerusalem, Henk Tennekes, ex direttore, Royal olandese Servizio Meteorologico; Antonio Zichichi , presidente della Federazione Mondiale degli Scienziati, Ginevra.

Luciano Serangeli mpi end

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Meteo Portale Italia © Riproduzione riservata

Homepage   Chi siamo   Info-Contatti-Archivio   Lavora con noi   Privacy e Cookies   Note legali

Seguici anche su

facebook-logo ter Twitter-icon-60-pz google-plus-logo 3 linkedin 60 px  youtube 60px rss icon 60x60

Logo-MPI-fine-articolo-JPG

Meteo Portale Italia - MALU s.r.l. - C.F. e P.IVA 08683291002

Copyright © 2011-2015 Meteo Portale Italia. Tutti i diritti riservati.


Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Webcam multi tipo

citta

traffico

montagne

italia-montagne

italia-montagne2

spiagge

cielo

animali

luoghi-tipici

radio-e-tv

scientifiche

sport-e-eventi

laghi fiumi parchi

video-da-webcam