ultime dallitalia h 75   ultime dal mondo h 75   extreme weather h75

    analisi-modelli h 75  Scienze-h-75  Terremoti-h-75

Back Sei qui: Homepage Analisi Monitoraggio & Analisi modelli Monitoraggio ghiacci Novembre 2014: Ghiaccio Artico in crescita media, Antartico sempre sopra media

Monitoraggio ghiacci

Novembre 2014: Ghiaccio Artico in crescita media, Antartico sempre sopra media

banner-all-articles-top-defin-02-720x81-px

Ricerca sull'Amplificazione artica e condizioni meteorologiche estreme alle medie latitudini

1 Ghiacci Artico AntarticoCondizioni vicino alla media dei ghiacci in Groenlandia orientale, e nei mari di Barents e di Kara, cosa non vista negli ultimi inverni, significano una estensione complessiva del ghiaccio marino per Novembre superiore a quella degli ultimi anni, secondo il NSIDC.

L'estensione del Ghiaccio Marino Artico per novembre ha avuto una media di 10,4 milioni km 2, che è del 6%, o 630,000 km 2, al di sotto della media di lungo periodo per novembre per il periodo dal 1981 al 2010.

2 Ghiacci Artico Antartico

L'estensione del ghiaccio marino artico per novembre è stata la nona più bassa da quando si rilevano le registrazioni, il che è un miglioramento rispetto alla situazione in settembre e ottobre, che sono stati entrambi classificati come il sesto più basso. La misura è ben al di sopra dei minimi storici osservati nel 2007 e nel 2012, ma ancora al di sotto della media.

3 Ghiacci Artico Antartico

Entro la fine del mese di novembre, la maggior parte del Mar Glaciale Artico era coperto dal ghiaccio, fatta eccezione per il mare di Chukchi, rimasto insolitamente privo di ghiaccio per questo periodo dell'anno. L'estensione del ghiaccio nel mese di novembre è stata in media di 10,36 milioni di chilometri quadrati: Questo è 630.000 chilometri quadrati al di sotto della media 1981-2010 a lungo termine, di 10.990 mila chilometri quadrati, e 520.000 chilometri quadrati al di sopra del minimo storico per il mese osservato nel 2006.

L'Estensione del ghiaccio marino antartico per novembre 2014 è stato di 16,63 milioni di chilometri quadrati.

4 Ghiacci Artico Antartico

Il Ghiaccio marino Antartico ha continuato a diminuire a un ritmo più veloce rispetto alla media (circa 122.000 chilometri quadrati, 47.100 chilometri quadrati al giorno attraverso il mese di ottobre, rispetto al tasso medio di 112.000 chilometri quadrati al giorno), ed è ora di circa 650.000 chilometri quadrati al di sotto del livello per la data registrata nel 2013. Attualmente l'estensione del ghiaccio rimane a circa 700.000 chilometri quadrati (270.000 miglia quadrate) superiore alla media 1981-2010 per questo periodo dell'anno.

5 Ghiacci Artico Antartico

Grandi riduzioni si sono registrate nel mare di Bellingshausen e l'Oceano Indiano meridionale, in larga parte guidate da venti settentrionali persistenti. La temperatura dell'aria sopra l'Oceano del Sud per il mese sono state vicino alla media in quasi tutti i settori. Sul continente di ghiaccio stesso, le condizioni di freddo hanno prevalso sulla penisola Antartica e l'Antartide occidentale (da 1 a 2 °C inferiore alla media), mentre condizioni di caldo sono la regola nella sezione dell'emisfero orientale (da 2 a 4 °C).

Amplificazione artica e condizioni meteorologiche estreme alle medie latitudini

Si è discusso di come il calore immagazzinato "in più" nelle zone libere dai ghiacci del mare nelle ultimi estati viene rilasciato di nuovo nell'atmosfera quando il ghiaccio comincia a riformarsi, il che porterebbe al riscaldamento amplificato nell'atmosfera artica. L'impatto di questo riscaldamento e le sue potenziali ripercussioni sui modelli meteorologici alle medie latitudini ed eventi meteorologici estremi, è un'area attiva di ricerca.

Questo novembre è stato particolarmente notevole per il maltempo negli Stati Uniti, con una forte tempesta nel Mare di Bering che ha colpito l'Alaska (un residuo del Typhoon Nuri che si è mosso dai tropici attraverso le Aleutine), record di basse temperature in pianura, ed epica neve da effetto lago nei pressi di Buffalo, NY. Tali eventi singoli non possono essere direttamente collegati al cambiamento climatico, per non parlare specificamente della perdita di ghiaccio marino.

6 Ghiacci Artico Antartico

Una nuova ricerca di quest'anno da scienziati giapponesi (Mori et al., 2014) fornisce il supporto per l'ipotesi, avanzata da Jennifer Francis della Rutgers University e Steve Vavrus dell'Università del Wisconsin, che il riscaldamento dell'Artico sta contribuendo ad una ondulazione in aumento della corrente a getto, con la possibilità di eventi meteorologici più estremi, tra cui gli eventi freddi negli Stati Uniti e in Eurasia che sono stati visti negli ultimi anni. Tuttavia, non vi sono prove di questa connessione, molti scienziati rimangono scettici per un legame tra ghiaccio marino artico e il tempo alle medie latitudini.

Paolo Lui mpi end

Meteo Portale Italia © Riproduzione riservata

Homepage   Chi siamo   Info-Contatti-Archivio   Lavora con noi   Privacy e Cookies   Note legali

Seguici anche su

facebook-logo ter Twitter-icon-60-pz google-plus-logo 3 linkedin 60 px  youtube 60px rss icon 60x60

Logo-MPI-fine-articolo-JPG

Meteo Portale Italia - MALU s.r.l. - C.F. e P.IVA 08683291002

Copyright © 2011-2015 Meteo Portale Italia. Tutti i diritti riservati.


Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Webcam multi tipo

citta

traffico

montagne

italia-montagne

italia-montagne2

spiagge

cielo

animali

luoghi-tipici

radio-e-tv

scientifiche

sport-e-eventi

laghi fiumi parchi

video-da-webcam