ultime dallitalia h 75   ultime dal mondo h 75   extreme weather h75

    analisi-modelli h 75  Scienze-h-75  Terremoti-h-75

Back Sei qui: Homepage Sismologia Sismologia Terremoti nel mondo Il giorno dopo il terremoto, il sesto più forte nella storia del Cile. FOTO

Terremoti nel mondo

Il giorno dopo il terremoto, il sesto più forte nella storia del Cile. FOTO

banner-all-articles-top-defin-02-720x81-px

Più di 100 scosse di assestamento, la più forte di magnitudo 7.6 della scala Ricther.

cile66Un panorama di devastazione è quello che si può vedere alle prime luci dell'alba nella città costiera di Coquimbo e in altre aree del Paese.

Il terremoto di magnitudo 8.3 che ha colpito il Cile è stato il sesto più forte nella storia geologicamente instabile del Cile e il più forte in tutto il mondo quest'anno. Ecco i cinque terremoti più forti di questo 2015:
8.4 Canela Baja, Chile (16 settembre)
7.8 lamjung, Nepal (25 aprile)
7.8 Chichi-shima, Japón (30 maggio)
7.5 Kolopo, Papua Nueva Guinea (30 marzo)
7.5 Kolopo, Papua Nueva Guineua (5 maggio)

E mentre il bilancio delle vittime sale a 12 si iniziano a fare le prime stime dei danni. Un milione di persone sono state evacuate dalle zone costiere del Pacifico come precauzione mentre nel Cile suonava un allarme tsunami, ed avvisi allertavano anche  il Giappone e la Nuova Zelanda.

I residenti delle zone più colpite si sono rifugiate nelle zone più alte man mano che le scosse di assestamento hanno continuato per tutta la notte. Il sisma si è verificato a bassa profondità e l'epicentro è stato 228 km a nord della capitale Santiago, una città di 6,6 milioni di persone dove ci sono state scene di paura con la gente che si è riversata nelle strade.

Nelle ore che si sono susseguite onde di tsunami alte fino a 4,5 m hanno travolto la zona costiera di Coquimbo, 400 chilometri a nord di Santiago, causando ingenti danni. Otto delle dodici vittime sono di questa zona. Barche da pesca, camion, auto e resti di decine di case sono stati trascinati via dalle onde che andavano su e giù per tutto il lungomare.

cile90

cile91

Scene simili di distruzione si vedono anche nella città costiera duramente colpita di Illapel. Il ministro dell'Interno Jorge Burgos ha detto che cinque persone sono ancora disperse e più di 600 persone si trovano nei centri di accoglienza appositamente allestiti. Centinaia di case sono state dichiarate inagibili o distrutte. Le strade sono state interrotte da frane. Si stima che circa 100.000 famiglie sono senza elettricità, secondo il governo e molti edifici sono crollati. Il sisma è stato sentito nel lontano Buenos Aires a una distanza di più di 1.200 km. Diversi edifici della capitale argentina sono stati preventivamente evacuati. Le scuole sono state chiusein gran parte del Cile.

Cile si trova su quello che è conosciuto come il "Ring of Fire", un arco di faglie che circonda il bacino del Pacifico ed è soggetto a frequenti terremoti ed eruzioni vulcaniche. Nel febbraio 2010, un terremoto di 8.8 magnitudo al largo della costa cilena meridionale ha ucciso più di 500 persone e ha inflitto una cifra stimata US $ 30 miliardi (RM127 miliardi di euro) di danni.

Il Pacific Tsunami Warning Center con sede a Hawaii aveva avvertito che le onde tsunami erano possibili nella Polinesia francese, le Hawaii e in California così come le onde più piccole in zone lontane come il Giappone e la Nuova Zelanda. E infatti piccole onde hanno raggiunto la osta giapponese. L'Agenzia Meteorologica del Giappone ha dichiarato che un'onda di 70 centimetri (28 pollici) è stato vista nel porto di Kuji, la zona colpita dal disastro marzo 2011. Onde più piccole sono state rilevate in tutto il Paese. Un massimo di 40 centimetri (16 pollici) registrati a Erimo su Hokkaido e l'altra fino a 20 centimetri (8 pollici) a Fukushima. Nessun danno è stato segnalato ma alcune città costiere hanno emesso avvisi di evacuazione a titolo preventivo.

cile67

cile66

earthquake chile tsunami sept 2015 17

A.T.

Meteo Portale Italia © Riproduzione riservata

Homepage   Chi siamo   Info-Contatti-Archivio   Lavora con noi   Privacy e Cookies   Note legali

Seguici anche su

facebook-logo ter Twitter-icon-60-pz google-plus-logo 3 linkedin 60 px  youtube 60px rss icon 60x60

Logo-MPI-fine-articolo-JPG

Meteo Portale Italia - MALU s.r.l. - C.F. e P.IVA 08683291002

Copyright © 2011-2015 Meteo Portale Italia. Tutti i diritti riservati.


Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Webcam multi tipo

citta

traffico

montagne

italia-montagne

italia-montagne2

spiagge

cielo

animali

luoghi-tipici

radio-e-tv

scientifiche

sport-e-eventi

laghi fiumi parchi

video-da-webcam