ultime dallitalia h 75   ultime dal mondo h 75   extreme weather h75

    analisi-modelli h 75  Scienze-h-75  Terremoti-h-75

Back Sei qui: Homepage Scienze Scienze Vulcanologia Nuovo STUDIO mostra correlazioni tra clima europeo ed eruzioni vulcaniche

Vulcanologia

Nuovo STUDIO mostra correlazioni tra clima europeo ed eruzioni vulcaniche

banner-all-articles-top-defin-02-720x81-px

Nel 1991 il Pinatubo esplose in una spettacolare eruzione.

evolution naoIn un articolo pubblicato sulla rivista Nature il 2 luglio i climatologi hanno evidenziato una risposta quasi sistematica della North Atlantic Oscillation - NAO / North Atlantic Oscillation dopo le grandi eruzioni vulcaniche.

Mille anni di evoluzione della circolazione atmosferica nel Nord Atlantico sono state decifrate in maniera dettagliata grazie ai ricercatori del laboratorio e gli ambienti paleoambienti oceanici (BPCO / OSUA, Università di Bordeaux / CNRS) e Sciences Laboratory climate and environment (LSCE / OVSQ, CEA / CNRS / UVSQ) associato alla collaborazione internazionale.

Un primo studio suggerì che durante il periodo medievale la NAO rimase "bloccata" in fase positiva, vale a dire, la differenza di pressione tra le Azzorre e l'Islanda era ancora più forte rispetto alla media. Quando la NAO è in fase positiva, tempeste invernali sono dirette verso il centro e il nord Europa, dove gli inverni sono così miti e umidi, mentre gli inverni in Europa meridionale e la Groenlandia sono più freddi e secchi. Questa anomalia della circolazione atmosferica è stata precedentemente proposta come spiegazione del clima mite in Europa centrale e nord Europa durante il periodo medievale.

In questo studio, i ricercatori hanno costruito una nuova stima delle variazioni del NAO nell'ultimo millennio, con una risoluzione più particolareggiata (di anno in anno). Per questo, hanno preso in considerazione 48 registrazioni climatiche derivate ​​dagli archivi naturali in tutto l'Oceano Atlantico. Hanno quindi utilizzato  un nuovo approccio statistico per valutare l'affidabilità delle stime: applicando questo metodo per sei simulazioni del clima dell'ultimo millennio hanno dimostrato che la combinazione di diversi dati climatici provenienti da diverse regioni (e in particolare l'uso delle carote di ghiaccio della Groenlandia) consente di stimare la NAO in maniera più affidabile.

evolution nao

Ricostruzione delle variazioni del NAO proposti dai ricercatori. A sinistra: posizione di archivi naturali utilizzati (tutte le registrazioni di studio appaiono in un colore chiaro, e quelli selezionate per la stima del colore scuro NAO). A destra: evoluzione della NAO durante l'ultimo millennio. I dati meteorologici disponibili dal 1820 sono mostrati in nero. La stima precedente, dopo due registrazioni è mostrata in rosso.

La North Atlantic Oscillation è un fenomeno atmosferico e oceanico, soprattutto per quanto riguarda il Nord Atlantico, caratterizzato da un up-and-coming di masse d'aria nord-sud sulle regioni artiche e islandesi verso il nastro subtropicale, le Azzorre e la penisola iberica. Questi movimenti di massa d'aria colpiscono le variazioni di pressione sul terreno, sulle modifiche delle risorse venti di ponente ed il clima di tutto il bacino atlantico.

Esso è caratterizzato da un indice, l'indice NAO. L'indice NAO misura la differenza di pressione tra il ciclone d'Islanda e l'anticiclone delle Azzorre. L'indice NAO è calcolato ogni anno dalla differenza di pressione tra due città: Lisbona, Portogallo e Reykjavik in Islanda, prendendo la deviazione media da gennaio a marzo. Un indice NAO positivo significa che la pressione durante l'inverno è superiore alla media a Lisbona e inferiore alla media a Reykjavik con il risultato, di un  più potente anticiclone delle Azzorre e una depressione islandese vuota.

Un indice NAO negativo è l'inverso della anticiclone delle Azzorre inferiore al normale in inverno e una depressione islandese a malapena crescente.

nao positive

nao negative

Quando la differenza di pressione tra le Azzorre in alto (A) e la depressione d'islanda (D) è inferiore rispetto al solito (NAO -), la pista tempesta si sposta verso il sud dell'Europa - Quando la differenza di pressione tra le Azzorre in alto (A) e l'islandese basso (D) è più forte del solito (NAO +), la pista tempesta si muove verso il Nord Europa. © Pablo Ortega

Queste variazioni di pressione influenzano il clima dell'emisfero settentrionale, in particolare il clima invernale europeo .

L'impatto delle eruzioni vulcaniche

In particolare i climatologi identificano una risposta quasi sistematica della NAO dopo due anni in ciascuna delle undici eruzioni più note dello scorso millennio, la NAO è quasi sempre positiva. Si tratta di un fenomeno che è stato osservato dopo l'eruzione del Monte Pinatubo nel 1991 e che si conferma su un insieme di eventi. Anche se questo meccanismo non è completamente noto, è un buon modo per prevedere le conseguenze di una grande eruzione vulcanica nel clima invernale europeo.

Questo studio è stato finanziato dall'Agenzia Nazionale delle Ricerche (programma di progetto CEPS "Groenlandia", cambiamento globale ed aziende Ambientale).

Ali Dorate

Meteo Portale Italia © Riproduzione riservata

Homepage   Chi siamo   Info-Contatti-Archivio   Lavora con noi   Privacy e Cookies   Note legali

Seguici anche su

facebook-logo ter Twitter-icon-60-pz google-plus-logo 3 linkedin 60 px  youtube 60px rss icon 60x60

Logo-MPI-fine-articolo-JPG

Meteo Portale Italia - MALU s.r.l. - C.F. e P.IVA 08683291002

Copyright © 2011-2015 Meteo Portale Italia. Tutti i diritti riservati.


Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Webcam multi tipo

citta

traffico

montagne

italia-montagne

italia-montagne2

spiagge

cielo

animali

luoghi-tipici

radio-e-tv

scientifiche

sport-e-eventi

laghi fiumi parchi

video-da-webcam