ultime dallitalia h 75   ultime dal mondo h 75   extreme weather h75

    analisi-modelli h 75  Scienze-h-75  Terremoti-h-75

Back Sei qui: Homepage Scienze Scienze Vulcanologia Il Monte St. Helens 35 anni dopo la sua violenta eruzione. DETTAGLI e FOTO

Vulcanologia

Il Monte St. Helens 35 anni dopo la sua violenta eruzione. DETTAGLI e FOTO

banner-all-articles-top-defin-02-720x81-px

Il "Monte Fuji d'America" con il suo paesaggio dinamico in continua evoluzione.

mtsthelens oli 2015110Il Monte St. Helens si è formato durante quattro fasi eruttive iniziate circa 275.000 anni fa, ed è stato il vulcano più attivo nelle Cascade Range durante l'Olocene, l'epoca geologica più recente.

Il 18 maggio 1980 il St. Helens catturò l'attenzione del mondo quando la più grande frana sulla Terra e una potente eruzione esplosiva rimodellò il vulcano e drammaticamente modificò il paesaggio circostante nel sud-ovest di Washington. Trentacinque anni fa, infatti, la terra tremò sotto il Monte St. Helens nello stato di Washington in seguito ad un terremoto di magnitudo 5.1 scatenando una delle più grandi frane mai registrata nella storia. L'intero versante nord del vulcano scivolò via. L'esplosione fu sentita centinaia di miglia di distanza, l'onda di pressione appiattì intere foreste, colate di fango distruttive causarono la morte di 57 persone. La colonna di cenere eruzione vertiginosamente 80.000 piedi in atmosfera per oltre 10 ore, depositando cenere attraverso l'Eastern Washington e altri 10 stati.

Un'enorme cupola di lava è cresciuta episodicamente nel cratere fino al 1986, quando il vulcano è diventato relativamente tranquillo. Un nuovo ghiacciaio è cresciuto nel cratere, avvolgendo intorno e in parte seppellendo la cupola di lava. Dal 1987 al 2003, sciami sismici e sporadiche piccole esplosioni di vapore indicavano che il magma (roccia fusa) stava rifornendo le profondità.

Nel 2004, le esplosioni di vapore e cenere annunciarono l'inizio di un'altra eruzione. Una fase più tranquilla di continua  estrusione di lava seguì e durò fino al 2008, con la costruzione di una nuova cupola e l'aumento di volume di lava sul fondo del cratere. Scienziati del Geological Survey americano e dell'UUniversity of Washington's Pacific Northwest Seismograph Network mantengono costante la vigilanza sui segni di rinnovata attività sul Mount St. Helens e altri vulcani nelle Cascade.


L'immagine qui sotto riportata  mostra una vista tridimensionale della montagna, guardando verso sud-est, come si presentava il 30 aprile 2015.

mtsthelens oli 2015110

L'immagine è stata assemblata dai dati acquisiti dall'Operational Land imager  sul Landsat 8 e l'Advanced Spaceborne Thermal Emission and Reflection Radiometer (ASTER).
Il fianco nord della montagna è stato il sito del crollo e l'esplosione laterale  ha devastato 390 chilometri quadrati (150 miglia quadrate) del paesaggio. La visualizzazione in basso, sulla base di modelli digitali del US Geological Survey, mostra l'elevazione del vertice del vulcano prima e dopo l'esplosione.

sthelens gis 1980 animated

 

sthelenusgs

Questa immagine dai stata prodotta dai dati lidar. Lidar è l'acronimo di Light Detection and Ranging, una moderna tecnica di telerilevamento utilizzato per mappare la topografia più accurata di quanto non fosse possibile con le tecniche più antiche. Il cratere è di 1,2 miglia (1,9 km) a livello est-ovest.

I depositi della frana sul fianco, una delle più grandi documentata nella storia seppellì la valle del fiume North Fork Toutle nord di detriti fino a 180 metri (600 piedi) profondi in alcuni punti. I fiumi hanno rielaborato, da allora, la loro strada attraverso il paesaggio  e  una nuova vegetazione è emersa su gran parte della terra.

L'immagine  del 10 settembre 2009, mostra la ripresa nella zona dell'esplosione. La maggior parte del paesaggio all'interno della zona dell'esplosione ha almeno una sfumatura di colore rosso, che indica la nuova vegetazione. I fianchi del vulcano si sono ancora spogli, come lo è una vasta distesa a nord del vulcano chiamata Pomice Plain.

sthelens ms3 19790829

Acquisita il 29 agosto 1979

sthelens ms2 19800924

Acquisita il 24 settembre 1980

sthelens tm5 20090910 nir

Acquisita il 10 settembre 2009

Non tutto il recupero, tuttavia, è naturale! Secondo Steve Malone, professore emerito presso l'Università di Washington, gran parte della zona di blow-down è stato trapiantata e fecondata  per ottenere colture commerciali, come il legno. "Solo all'interno del vulcano il recupero è stato lasciato alla natura."
Gli scienziati continuano a monitorare costantemente tutta l'area soprattutto  sulla parte interna del cratere, dove si sono formate le due cupole laviche. Non visibile nell'immagine, però,  il tunnel di drenaggio  di 2.600 metri di lunghezza (8.500 piedi di lunghezza) costruito nel 1985 per trasportare l'acqua dal lago, attraverso un crinale, e in un vicino torrente. I detriti avevano bloccato lo sbocco naturale in North Fork Toutle River e il tunnel è stato costruito per il controllo del livello dell'acqua e per cercare di prevenire un'alluvione potenzialmente disastrosa. 

mt st helen

FOTO USGS

mtsthelen1

FOTO USGS

mtstelen

Una colata di fango copre Washington State Highway 504 vicino alla città di Toutle, a nord ovest di Mount St. Helens, ad una profondità di 2 metri (6 piedi). (USGS / RL Schuster)

mtsthelen

FOTO USGS Dan Dzurisin, 28 apr 2006.

Ali Dorate

Meteo Portale Italia © Riproduzione riservata

Homepage   Chi siamo   Info-Contatti-Archivio   Lavora con noi   Privacy e Cookies   Note legali

Seguici anche su

facebook-logo ter Twitter-icon-60-pz google-plus-logo 3 linkedin 60 px  youtube 60px rss icon 60x60

Logo-MPI-fine-articolo-JPG

Meteo Portale Italia - MALU s.r.l. - C.F. e P.IVA 08683291002

Copyright © 2011-2015 Meteo Portale Italia. Tutti i diritti riservati.


Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Webcam multi tipo

citta

traffico

montagne

italia-montagne

italia-montagne2

spiagge

cielo

animali

luoghi-tipici

radio-e-tv

scientifiche

sport-e-eventi

laghi fiumi parchi

video-da-webcam