ultime dallitalia h 75   ultime dal mondo h 75   extreme weather h75

    analisi-modelli h 75  Scienze-h-75  Terremoti-h-75

Back Sei qui: Homepage Scienze Scienze Geologia, Ecologia e critica ambientale Prima e dopo la frana del 2 agosto 2014 nel nord del Nepal. Immagini satellitari

Geologia, Ecologia e critica ambientale

Prima e dopo la frana del 2 agosto 2014 nel nord del Nepal. Immagini satellitari

banner-all-articles-top-defin-02-720x81-px

Ricomparsa la centrale elettrica sepolta dalla frana a Jure il 2 agosto 2014

nepalfranaNelle prime ore del 2 agosto 2014 quasi 2 chilometri di collina nel nord del Nepal sono scivolati a valle. Ora dopo 37 giorni è ricomparsa la centrale elettrica di proprietà della Sanima Hydropower Limited che era stata sepolta dall'acqua.

Circa 5,5 milioni di metri cubi di roccia e detriti sonscivolati giù nella valle del fiume Sunkoshi e il 2 agosto è stato solo l'inizio del disastro. La frana aveva somerso anche  l'Araniko Highway. Dopo nove ore  il flusso del fiume Sunkoshi si era interrotto  formando un lago sempre crescente: 227 metri di lunghezza, 400 metri di larghezza e 47 metri di profondità. Decine di case, una stazione idroelettrica e  156 persone sono state sepolte da fango e detriti. Secondo i resoconti dei media, la perdita della centrale ha portato ad una diminuzione del 10 % della capacità di generazione di energia elettrica nel Nepal, causando interruzioni nella capitale e nel resto del Paese.

L'esercito nepalese ha rapidamente iniziato gli scavi  e ha effettuato dei brillamenti su due canali di uscita verso la diga nel tentativo di prosciugare il lago. Con decine di migliaia di persone che vivono nelle città e nei villaggi a valle, ciò avrebbe potuto causare inondazioni devastanti. Tuttavia, dopo 17 giorni, l'esercito nepalese era ancora scavare e il livello del lago non era ancora diminuito  molto probabilmente perché gli sforzi sono stati concentrati sull'ampliamento piuttosto che sui canali di uscita dell'acqua.

Il 6 settembre, improvvisamente la diga ha ceduto  probabilmente a causa della pressione supplementare dopo le forti piogge. Fortunatamente, anche se l'ondata di acqua ha danneggiato diverse case a 6 chilometri  a valle della diga, le inondazioni sono state meno gravi e grazie ad evacuazioni diffuse dei villaggi a valle, non sono stati segnalati feriti.
Il Landsat 8 è passato  sopra la zona e  l'Operational Terra Imager (OLI) ha catturato alcune immagini della frana e le conseguenze nonostante il tempo nuvoloso.

sunkoshi 1

L'immagine in alto mostra l'area il 15 settembre 2013, molto prima che si verificasse la frana. Sembrano esserci  delle cicatrici lasciate da una frana precedente. L'OLI ha preso l'immagine  qui sotto riportata il 2 settembre 2014, un mese dopo la frana. 

sunkoshi 2

 

Il lago barriera ha coperto gran parte della valle del fiume, che si estende quasi fino alla città di Bahrabise. Sulla diga di terra sono visibili  i due canali di uscita artificiali.

OLI ha acquisito l'immagine in basso il 18 settembre 2014 ed è evidente che  il lago si è ritirato in modo significativo.

sunkoshi 3

Ali Dorate

Meteo Portale Italia © Riproduzione riservata

Homepage   Chi siamo   Info-Contatti-Archivio   Lavora con noi   Privacy e Cookies   Note legali

Seguici anche su

facebook-logo ter Twitter-icon-60-pz google-plus-logo 3 linkedin 60 px  youtube 60px rss icon 60x60

Logo-MPI-fine-articolo-JPG

Meteo Portale Italia - MALU s.r.l. - C.F. e P.IVA 08683291002

Copyright © 2011-2015 Meteo Portale Italia. Tutti i diritti riservati.


Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Webcam multi tipo

citta

traffico

montagne

italia-montagne

italia-montagne2

spiagge

cielo

animali

luoghi-tipici

radio-e-tv

scientifiche

sport-e-eventi

laghi fiumi parchi

video-da-webcam