ultime dallitalia h 75   ultime dal mondo h 75   extreme weather h75

    analisi-modelli h 75  Scienze-h-75  Terremoti-h-75

Back Sei qui: Homepage Scienze Scienze Geologia, Ecologia e critica ambientale Studi mostrano movimenti dei continenti in accelerazione, dopo la Mezza età della Terra

Geologia, Ecologia e critica ambientale

Studi mostrano movimenti dei continenti in accelerazione, dopo la Mezza età della Terra

banner-all-articles-top-defin-02-720x81-px

Velocità di movimento della crosta terrestre non è costante, ma può essere in accelerazione nel tempo

1 Movimenti tettoniciDue studi mostrano che il tasso di movimento delle placche che trasportano la crosta terrestre non sia costante nel tempo. Ciò potrebbe fornire una nuova spiegazione per i modelli osservati nella velocità di evoluzione, e che ha implicazioni per l'interpretazione dei modelli climatici.

Il lavoro è stato presentato alla Goldschmidt 2014, la conferenza geochimica che si è tenuta a Sacramento, California, USA. La Crosta continentale terrestre può essere pensata come un archivio della storia della Terra, contenente informazioni sulla formazione rocciosa, l'atmosfera e le testimonianze fossili. Tuttavia, non è chiaro quando e come regolarmente la crosta si è formata fin dall'inizio della storia della Terra, 4.5 miliardi di anni fa.

Ricercatori, guidati dal professor Peter Cawood, dell'Università di St. Andrews, Regno Unito, hanno esaminato diverse misure di movimento continentale e processi geologici da una serie di studi precedenti. Essi hanno scoperto che, 1,7-0,75 miliardi di anni fa (la chiamano Mezza età della Terra), la Terra sembra essere stata molto stabile in termini di ambiente, con poco in termini di attività crostale, senza grandi oscillazioni nella composizione atmosferica, e pochi grandi sviluppi osservati nella documentazione fossile. Questo contrasta nettamente con i periodi di tempo precedenti e antecedenti questo periodo, che contenevano grandi glaciazioni e cambiamenti nei livelli di ossigeno.

1 Movimenti tettonici

La "Mezza età della Terra" coincide anche con la formazione di un supercontinente chiamato Rodinia, che sembra essere stato stabile per tutto questo periodo. Il Professor Cawood suggerisce questa stabilità può essere dovuta al progressivo raffreddamento della crosta terrestre nel tempo. "Prima di 1,7 miliardi di anni fa, la crosta terrestre sarebbe stata notevolmente più calda, il che significa che il movimento delle placche continentali può essere disciplinato da norme diverse da quelle che operano oggi".

"0,75 miliardi anni fa, la crosta ha raggiunto un punto in cui si era raffreddata sufficientemente per permettere alle moderne placche tettoniche di iniziare a lavorare, in particolare permettendo la formazione delle zone di subduzione (dove un piatto crostale si muove sotto un altro). Tale aumento dell'attività potrebbe aver dato "il calcio d'inizio" a una miriade di cambiamenti, tra cui la rottura di Rodinia e le modifiche ai livelli di elementi chiave in atmosfera e dei mari, che a loro volta possono aver indotto cambiamenti evolutivi delle forme di vita presenti."

2 Movimenti tettonici

Questo punto di vista è sostenuto dal lavoro del professor Kent Condie dal New Mexico Tech, Stati Uniti d'America, che suggerisce come la velocità di movimento della crosta terrestre non è costante, ma può essere in accelerazione nel tempo. Il professor Condie ha esaminato come i supercontinenti crescono e si spaccano. "I nostri risultati sfidano l'opinione che la velocità di movimento della piastra è stabile nel tempo", ha detto il professor Condie. "L'interpretazione di dati provenienti da molte altre discipline, quali isotopi stabili geochimici, paleontologia e paleoclimatologia, in parte si basano sul presupposto che la velocità di movimento della crosta terrestre è costante."

I risultati di questi campi possono ora aver bisogno di essere riesaminati, alla luce delle scoperte di Condie. "Abbiamo ora urgente bisogno di raccogliere ulteriori dati sui periodi critici per capire di più circa i vincoli di velocità e la frequenza di collisione tra blocchi continentali".

Paolo Lui mpi end

Meteo Portale Italia © Riproduzione riservata

Homepage   Chi siamo   Info-Contatti-Archivio   Lavora con noi   Privacy e Cookies   Note legali

Seguici anche su

facebook-logo ter Twitter-icon-60-pz google-plus-logo 3 linkedin 60 px  youtube 60px rss icon 60x60

Logo-MPI-fine-articolo-JPG

Meteo Portale Italia - MALU s.r.l. - C.F. e P.IVA 08683291002

Copyright © 2011-2015 Meteo Portale Italia. Tutti i diritti riservati.


Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Webcam multi tipo

citta

traffico

montagne

italia-montagne

italia-montagne2

spiagge

cielo

animali

luoghi-tipici

radio-e-tv

scientifiche

sport-e-eventi

laghi fiumi parchi

video-da-webcam