ultime dallitalia h 75   ultime dal mondo h 75   extreme weather h75

    analisi-modelli h 75  Scienze-h-75  Terremoti-h-75

Back Sei qui: Homepage Scienze Scienze Climatologia Perdita di ghiaccio marino artico responsabile del freddo in Eurasia?

Climatologia

Perdita di ghiaccio marino artico responsabile del freddo in Eurasia?

banner-all-articles-top-defin-02-720x81-px

Aumenta la probabilità di inverni rigidi nel centro dell'Eurasia?

EurasiaUn'ondata di freddo si stabilì in Europa alla fine di gennaio 2012, coprendo di neve gran parte del continente. Ora si scopre qual'è stata la causa di ciò ( o almeno, la possibile causa).

Tali inverni rigidi sono sempre più diffusi in tutta l'Eurasia e alcuni scienziati ora sostengono che la perdita di ghiaccio marino, alterando i modelli di circolazione, è in ultima analisi la causa di questi "brividi profondi frequenti".

La fusione del ghiaccio marino in una porzione del vasto Oceano Artico, ha raddoppiato il rischio di inverni più freddi e abbondanti nevicate in Eurasia, a partire dal 2004. Lo studio è l'ultimo di una serie di recenti ricerche per esaminare i legami tra rapido riscaldamento dell'Artico e il resto dell'emisfero settentrionale.

Gran parte di tale ricerca è ancora molto controversa nella comunità scientifica del clima Ecco alcuni punti salienti che mettono d'accordo gli scienziati:

  • L'Artico si sta riscaldando a un ritmo di circa due volte più velocemente di quello del resto del mondo, e questo sta rapidamente esaurendo il ghiaccio marino della regione, soprattutto durante l'estate e inizio autunno.
  • Il rapido riscaldamento dell'Artico sta alterando lo scambio di calore e di umidità tra l'oceano e l'atmosfera in tutto l'Artico.
  • Il riscaldamento dell'Artico può contribuire a modificare la corrente a getto, che è un corridoio di forti venti a circa 35.000 piedi ((8-12Km di altezza), che soffia da ovest a est attraverso l'emisfero.

Il nuovo studio, pubblicato domenica sulla rivista Nature Geoscience, si avvale di 100 modelli al computer, nonché i dati osservativi per mostrare che le recenti tendenze verso inverni più freddi in gran parte della Russia, la Cina, e le porzioni dell'Europa orientale possono essere correlate alla perdita di ghiaccio marino nei mari di Barents e di Kara, al confine con la Norvegia e la Russia.

Gli autori del nuovo studio, ognuno dei quali lavora in istituti di ricerca giapponesi, hanno esaminato l'influenza sul clima della perdita di ghiaccio marino in una particolare fetta della regione artica. Situato a est-nord-est della Norvegia e al largo della costa di Murmansk, in Russia, il ghiaccio marino nei mari di Barents e di Kara è diminuito precipitosamente alla fine del 1970. I ricercatori hanno identificato diversi modelli di circolazione principali che hanno interessato le temperature invernali negli anni 1979-2013, in particolare l'oscillazione artica (un modello climatico che circola in tutto l'Oceano Artico e tende a limitare aria più fredda alle latitudini polari) e un secondo modello che chiamano Warm Artico e Wace Eurasia, che sono correlati alla perdita di ghiaccio marino, nonché agli inverni particolarmente rigidi.

eurasiacold2014

Lo studio propone che esiste un legame tra fusione del ghiaccio marino e un'area intensificata di alta pressione sopra la Siberia, appropriatamente denominata alta siberiana. Questo ha rafforzato la zona di alta pressione con il flusso d'aria in senso antiorario attorno ad esso, provocando una corrente d'aria fredda a spostarsi da nord a sud attraverso grandi aree dell'Eurasia.

Nel corso degli ultimi inverni l'Eurasia è apparsa sulle mappe globali come una delle zone più insolitamente fredde sulla Terra durante l'inverno, e spiegando la tendenza al raffreddamento lì nonostante  le emissioni globali di gas a effetto serra alle stelle, che riscaldano l'atmosfera, ha in gran parte eluso i ricercatori.

È interessante notare che lo studio rileva che nel lungo periodo, il riscaldamento globale rischia di avere la meglio, riducendo la probabilità di inverni più freddi in Eurasia verso la fine del secolo. "... Il frequente verificarsi di inverni freddi può essere un fenomeno temporaneo in una fase di transizione di eventuale riscaldamento globale", dice lo studio (alla fine anche questo articolo fa parte della serie "come ti giustifico la pausa del riscaldamento globale"....).

eurasia3

Lo studio dice che c'è una possibilità che un forte Zona di Alta pressione siberiana, anche conosciuta come "alta di blocco", perché porta allo stallo dei sistemi meteorologici che cercano di muoversi in o fuori della zona, e possono essere il risultato di una corrente a getto indebolita causata da una differenza di temperatura ridotta tra l'equatore e il polo nord.

L'autore principale dello studio, Masato Mori dell'Università di Tokyo, ha spiegato che ci sono forti indicazioni che la perdita di ghiaccio marino sia legato agli inverni freddi in Eurasia, ma le ragioni esatte sono ancora sfuggenti (.....).

eurasia4

Il nuovo studio in generale segue le linee di una prima ipotesi avanzata da Jennifer Francis, un climatologo presso la Rutgers University, e Steven Vavrus, ricercatore presso l'Università del Wisconsin.

Francesco e Vavrus hanno sostenuto che il riscaldamento artico e la perdita di ghiaccio marino hanno portato ad una corrente a getto più debole, che è più incline a formare grandi onde che sono difficili da rimuovere, il che può portare a condizioni meteorologiche più estreme. Questa ipotesi ha ricevuto una grande quantità di pubblicità in questi ultimi anni. Tuttavia, altri ricercatori mettono in discussione tali teorie.

Kevin Trenberth, uno scienziato senior presso il National Center for Atmospheric Research a Boulder, in Colorado, ha pubblicato uno studio nel mese di agosto , in cui lui e i suoi colleghi hanno sostenuto che il freddo estremo in Eurasia, insieme ad altri eventi meteorologici estremi nel corso degli ultimi anni, sono legati a fluttuazioni delle condizioni oceaniche e delle precipitazioni in tutto il Pacifico, piuttosto che l'Artico.

Per quanto riguarda il nuovo studio, Trenberth ha detto : "Non c'è dubbio che le anomalie europee sono stati legate alla circolazione atmosferica e NAO", ha detto, utilizzando l'acronimo di North Atlantic Oscillation, che è un modello della pressione atmosferica attraverso l'Oceano Atlantico che influenza inverno negli Stati Uniti e Europa.

Insomma, la saga per "giustificare lo stallo del riscaldamento globale" continua, e noi aspettiamo nuove puntate...

 Ali Dorate

Meteo Portale Italia © Riproduzione riservata

Homepage   Chi siamo   Info-Contatti-Archivio   Lavora con noi   Privacy e Cookies   Note legali

Seguici anche su

facebook-logo ter Twitter-icon-60-pz google-plus-logo 3 linkedin 60 px  youtube 60px rss icon 60x60

Logo-MPI-fine-articolo-JPG

Meteo Portale Italia - MALU s.r.l. - C.F. e P.IVA 08683291002

Copyright © 2011-2015 Meteo Portale Italia. Tutti i diritti riservati.


Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Webcam multi tipo

citta

traffico

montagne

italia-montagne

italia-montagne2

spiagge

cielo

animali

luoghi-tipici

radio-e-tv

scientifiche

sport-e-eventi

laghi fiumi parchi

video-da-webcam