ultime dallitalia h 75   ultime dal mondo h 75   extreme weather h75

    analisi-modelli h 75  Scienze-h-75  Terremoti-h-75

Back Sei qui: Homepage Meteo estero Meteo estero Curiosità e particolarità meteorologiche Un fulmine non colpisce mai nello stesso posto due volte! Si diceva...

Curiosità e particolarità meteorologiche

Un fulmine non colpisce mai nello stesso posto due volte! Si diceva...

banner-all-articles-top-defin-02-720x81-px

Ha svolto un ruolo significativo nella storia del Venezuela.

fulmine32I temporali estivi sono noti a tutti ma lungo l'equatore, dove le temperature sono più elevate, il cielo "rumoreggia" durante tutto l'anno.

La Repubblica Democratica del Congo nell'Africa Centrale è conosciuta come la capitale delle tempeste nel mondo e il villaggio di montagna di Kifuka, con 158 lampi per chilometro quadrato ogni anno, si è stato pensato fosse il luogo più "elettrico" sulla Terra. Questo fino a quando i dati non sono stati analizzati in maniera più dettagliata. Nel 2014, i dati ufficiali della NASA hanno rivelato che la Valle Brahmaputra nell'India Orientale ha avuto di gran lunga il più alto tasso di fulmini mensili tra aprile e maggio, quando l'attività fragorosa inaugura il monsone annuale.
Ma il Venezuela con il lago di Maracaibo ha guadagnato un posto nel Guinness dei Primati per "la più alta concentrazione di fulmini" con 250 lampi per chilometro quadrato all'anno. Sono più spettacolari al culmine della stagione delle piogge, ad ottobre. In questo periodo dell'anno, è possibile vedere una media di 28 fulmini al minuto.

L'Eterno Temporale del Venezuela ha affascinato turisti e locali per generazioni. Il fenomeno unico atmosferico genera 1,2 milioni di fulmini ogni anno ed è visibile da quasi 250 miglia (400 km) di distanza. Gli esperti hanno cercato di capire il perchè delle tempeste univoche e intense della zona per decenni. Nel 1960 si pensò che i giacimenti di uranio nella roccia attirassero più fulmini. Più recentemente gli scienziati hanno suggerito che la conducibilità dell'aria sopra il lago era amplificata dall'abbondanza di metano da giacimenti sottostanti. Nessuna teoria è stata dimostrata, però, quindi per ora questo spettacolo di luci da record è attribuito ad una potente combinazione di modelli di topografia e di vento. La topografia della zona è unica. Il Bacino del lago di Maracaibo è circondato da montagne che intrappolano i caldi alisei che escono i Caraibi. Questi venti si schiantano con l'aria fresca che fuoriesce giù dalle Ande. Nel Nord Ovest del Venezuela, il più grande lago del Sud America scorre oltre la città di Maracaibo per unire il Mar dei Caraibi. Si trova in una zona delle Ande, circondato sugli altri tre lati da creste di alta montagna. Durante il giorno, il sole tropicale caldo fa evaporare l'acqua dal lago sulle zone umide. Come si avvicina la notte, gli alisei dal mare spingono questa aria calda in cascate di aria fredda dalle montagne. Gli aumenti di aria calda e densi cumulonembi si formano come pennacchi torreggianti raggiungendo fino a 12 km (39.000 ft) di altezza. Queste nubi temporalesche distintivi potrebbe apparire "morbide" all'esterno ma all'interno infuria una battaglia infuria. Dove le goccioline d'acqua presenti nell'aria umida nascente si scontrano con cristalli di ghiaccio nell'aria fredda le cariche statiche si producono e un temporale si scatena. "Tanti fulmini  sono legati alle caratteristiche del terreno:  pendici del catene montuose, coste curve," sostiene il  Dr Daniel Cecil del Global Hydrology and Climate Centre's lightning team. "Avere irregolarità del genere nel terreno può aiutare a generare modelli di vento e di riscaldamento o raffreddamento  che aumentano  la probabilità di temporali."

Le tempeste sono diventate un simbolo di orgoglio per il popolo del Venezuela e sono riferimento nel poema epico 'La Dragontea' da Lope de Vega. La tempesta agisce anche come un faro naturale per i pescatori locali che sono in grado di navigare di notte senza alcun problema. In più occasioni il fenomeno si è fermato per settimane l'ultima nel 2010. Gli abitanti del posto si preoccuparono pensando che ciò  fosse stato il risultato di una siccità estrema che aveva portato ad carenza di energia elettrica. Ma dopo cinque settimane di silenzio tutto è ripreso. Un'altra occasione è stata nel 1906, dopo un terribile terremoto al largo della costa di Colombia ed Ecuador che causò uno tsunami. Alcuni scienziati ritengono che la tempesta eterna è la più grande  generatrice di ozono troposferico sul pianeta.
I fulmini illuminano il cielo in una combinazione di tonalità di bianchi brillanti, rossi e viola. La differenza nei colori di temporali è causata in parte dai diversi tipi di atomi nell'aria. La forza e la durata delle tempeste hanno ispirato molti racconti. Man mano che passano attraverso la polvere o umidità, porzioni della luce bianca vengono assorbito o diffratte facendolo apparire in un colore diverso.

Per 17 anni, gli strumenti a bordo della missione Tropical Rainfall Measuring Mission (TRMM), un progetto congiunto tra NASA e Japan Aerospace Exploration Agency, hanno raccolto una grande quantità di dati meteorologici man mano che il satellite ha orbitato intorno alla Terra. Ciò ha incluso il Lightning Image Sensor che ha registrato lampi di luce neicieli tropicali. Con questi dati gli scienziati sono stati in grado di produrre una mappa dei punti caldi dei fulmini nel mondo.

fulmininasa compressed

Mappa di medie fulmini annuali per kmq 1995-2013 (Credit: NASA)

"Per me la prossima generazione di satelliti meteorologici è particolarmente emozionante," dice il Dott Cecil. "Nei prossimi anni, ci sono piani per gli strumenti di mappatura del fulmine su una serie di vari satelliti geostazionari posizionati su diverse parti del globo. Questi ci daranno misurazioni continue dell'attività dei fulmini invece di brevi istantanee che abbiamo visto dai satelliti precedenti nella bassa orbita terrestre. "

La capacità di prevedere le tempeste sta diventando sempre più importante come la popolazione mondiale cresce soprattutto nei Paesi in via di sviluppo in cui le persone sono più propensi a lavorare all'aperto e la mancanza di protezione contro i fulmini non è sufficiente. Per aiutarci a capire i fulmini  le tempeste sono analizzate anche dal basso. Il World Wide Lightning Location Network (WWLLN) comprende sensori collegati a 70 università e istituti di ricerca che raccolgono i segnali ad alta frequenza emessi da un fulmine.  Il Prof. Robert H. Holzworth, che guida la rete presso l'Università di Washington dice che le osservazioni terrestri completano i dati satellitari. "I sistemi terrestri sono in grado di vedere tutto il mondo istantaneamente e continuamente, qualcosa che nessun sistema satellitare passato, presente o futuro può fare". 
La WWLLN produce una mappa in tempo reale di fulmini in tutto il mondo. Per i più coraggiosi, visite guidate al lago di Maracaibo sono disponibili.
I libri di storia mostrano che  il fulmine ha svolto un ruolo significativo nella storia del Venezuela contribuendo a contrastare almeno due invasioni notturne del Paese.

fulmini1


Il primo tentativo è stato nel 1595 quando esso illuminò le navi guidate da Sir Francis Drake d'Inghilterra, rivelando il suo attacco a sorpresa ai soldati spagnoli a Maracaibo.
L'altro era durante la Guerra di Indipendenza del Venezuela nel 1823 quando il fulmine tradì una flotta spagnola che si nascondeva a terra.

fulmini1

A.T

Meteo Portale Italia © Riproduzione riservata

Homepage   Chi siamo   Info-Contatti-Archivio   Lavora con noi   Privacy e Cookies   Note legali

Seguici anche su

facebook-logo ter Twitter-icon-60-pz google-plus-logo 3 linkedin 60 px  youtube 60px rss icon 60x60

Logo-MPI-fine-articolo-JPG

Meteo Portale Italia - MALU s.r.l. - C.F. e P.IVA 08683291002

Copyright © 2011-2015 Meteo Portale Italia. Tutti i diritti riservati.


Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Webcam multi tipo

citta

traffico

montagne

italia-montagne

italia-montagne2

spiagge

cielo

animali

luoghi-tipici

radio-e-tv

scientifiche

sport-e-eventi

laghi fiumi parchi

video-da-webcam