ultime dallitalia h 75   ultime dal mondo h 75   extreme weather h75

    analisi-modelli h 75  Scienze-h-75  Terremoti-h-75

Back Sei qui: Homepage Didattica Didattica Didattica circolazione atmosferica Alla SCOPERTA della CIRCOLAZIONE atmosferica secondaria

Didattica circolazione atmosferica

Alla SCOPERTA della CIRCOLAZIONE atmosferica secondaria

banner-all-articles-top-defin-02-720x81-px

La circolazione atmosferica secondaria.

400px-Earth Global Circulation - en.svgVi siete mai chiesti cosa sia realmente una circolazione atmosferica secondaria? Vediamolo insieme e cerchiamo di capire la forza e l'entità delle sue conseguenze.

La CIRCOLAZIONE SECONDARIA dell'atmosfera terrestre ha origine per effetto del differente gradiente termico tra i continenti e gli oceani. C'è da dire che in generale le CIRCOLAZIONI ATMOSFERICHE SECONDARIE sono meno durature e presentano effetti più ridotti rispetto alla CIRCOLAZIONE GENERALE DELL'ATMOSFERA ( principale ) e sono concentrati in particolari regioni su scala locale e sub-continentale.

Generalmente le circolazioni secondarie si vengono a generare quando si forma un centro di alta o bassa pressione per effetto del raffreddamento o del riscaldamento degli strati più bassi dell'atmosfera terrestre.

La circolazione secondaria è all'origine delle variabilità atmosferiche locali, stagionali, della circolazione di Walker ecc.

I principali fenomeni della circolazione secondaria sono i seguenti:

Monsoni: Sono venti stagionali caratteristici del continente asiatico. Durante l'estate la superficie degli oceani si riscalda meno rispetto a quella dei continenti. Sul continente ,l'aria più calda tende ad ascendere verso l'alto lasciandosi al di sotto una zona di bassa pressione atmosferica.

La massa d'aria meno calda sopra gli oceani ( alta pressione ), si sposta verso il continente ( bassa pressione ) dando luogo ai monsoni, venti caldi e umidi che danno luogo ad abbondanti precipitazioni piovose. Ovviamente nel periodo invernale il meccanismo si inverte.

Cicloni tropicali: Sugli oceani tropicali la temperatura dell'acqua rilascia un elevato calore latente. L'evaporazione dell'acqua marina si condensa in cielo formando le nubi e liberando l'energia del calore latente.

Vengono così a crearsi tra i 5° e i 20° di latitudine i cicloni tropicali, dei venti molto forti ed estesi. I venti si muovono in una direzione circolare, generando al centro di essa una zona di calma e di  bassa pressione con aria secca, detta anche occhio del ciclone.

Emanuele Valeri end

Emanuele Valeri

 

Meteo Portale Italia © Riproduzione riservata

Homepage   Chi siamo   Info-Contatti-Archivio   Lavora con noi   Privacy e Cookies   Note legali

Seguici anche su

facebook-logo ter Twitter-icon-60-pz google-plus-logo 3 linkedin 60 px  youtube 60px rss icon 60x60

Logo-MPI-fine-articolo-JPG

Meteo Portale Italia - MALU s.r.l. - C.F. e P.IVA 08683291002

Copyright © 2011-2015 Meteo Portale Italia. Tutti i diritti riservati.


Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Webcam multi tipo

citta

traffico

montagne

italia-montagne

italia-montagne2

spiagge

cielo

animali

luoghi-tipici

radio-e-tv

scientifiche

sport-e-eventi

laghi fiumi parchi

video-da-webcam