ultime dallitalia h 75   ultime dal mondo h 75   extreme weather h75

    analisi-modelli h 75  Scienze-h-75  Terremoti-h-75

Back Sei qui: Homepage Analisi Monitoraggio & Analisi modelli Monitoraggio ghiacci Studio analizza lo Spessore del ghiaccio nel Passaggio a Nord Ovest tra il 2011 e il 2015

Monitoraggio ghiacci

Studio analizza lo Spessore del ghiaccio nel Passaggio a Nord Ovest tra il 2011 e il 2015

banner-all-articles-top-defin-02-720x81-px

Il passaggio a nord ovest non diventerà facilmente navigabile per altri 40 anni almeno.

4 Passaggio a Nord OvestRecentemente, la fattibilità del trasporto marittimo commerciale nel Passaggio a Nord Ovest ha attirato molta attenzione. Tuttavia, abbiamo ben poche informazioni corrette sullo spessore del ghiaccio realmente esistente.

Presentiamo quindi i risultati delle primi sondaggi elettromagnetici dello spessore del ghiaccio sul NWP (passaggio a nord ovest), effettuati in modalità aviotrasportata nel mese da aprile e maggio 2011, e il 2015, nel ghiaccio del primo anno e di quello pluriennale. Questi mostrano spessori modali tra 1,8 e 2,0 metri in tutte le regioni. Spessori medi di spessore di oltre 3 metri, e ghiaccio deformato, sono stati osservati su alcuni regimi di ghiaccio pluriennali dimostrati provenire dal Mar Glaciale Artico.

1 Passaggio a Nord Ovest

Il Ghiaccio spesso offre oltre 100 metri di larghezza e spessore superiore a 4 metri, verificato frequentemente. Il Passaggio mitico di Nord-Ovest (PEN) è un sistema di golfi stretti e canali nell'Arcipelago artico canadese (CAA), che collegano il mare di Beaufort a ovest con la Baia di Baffin ad est (figura 1, nel riquadro sopra). Presenta una potenziale rotta di navigazione artica tra i mercati nel nord e le regioni del Pacifico e Atlantico, che è molto più breve di itinerari che comprendono l'attraversamento dei canali di Panama o Suez .

In tabella sono descritte le statistiche sullo spessore del ghiaccio per tutte le regioni investigate nello studio nel 2011 e il 2015:

3 Passaggio a Nord Ovest

Le indagini sono state effettuate con un sistema di rilevazione ancorato all'aereo ("EM Bird"), ed operativo dai 20 agli 80 metri sotto il velivolo, e 20 metri sopra il ghiaccio. La velocità dell'aereo variava tra i 90 e i 120 nodi, con un punto di spaziatura della misura che variava tra 4,5 e 6 metri. Purtroppo, con le misurazioni AEM non è possibile distinguere tra ghiaccio e spessore della neve. Nel mese di aprile / maggio, lo spessore della neve varia tra 0,2 e 0,4 metri, nella regione studiata.

Nel pacchetto di ghiaccio, ci sono occasionali contatti aperti con uno spessore del ghiaccio vicino agli 0 metri, che può essere utilizzato per la calibrazione dei recuperi di spessore del ghiaccio stesso. le indagini sullo spessore del ghiaccio sono state pianificate per collegare le regioni MYI (ghiacci pluriennali), la cui presenza è stata dedotta da una combinazione di grafici del ghiaccio CSI e immagini RADARSAT-2. Al fine di fornire un contesto storico sulla natura e l'origine del ghiaccio esaminato, in particolare i regimi di ghiaccio pluriennale dominanti, Sono state utilizzate serie di grafici di ghiaccio storiche e immagini RADARSAT per fare un raffronto visivo all'indietro sulle condizioni del ghiaccio su diverse stagioni.

2 Passaggio a Nord Ovest

Conclusioni dello studio.

C'e grande variabilità regionale negli spessori medi e nello spessore e quantità di ghiaccio deformato. Questo può in gran parte essere spiegato con le differenze di età, innevamento, flusso di calore dell'oceano, deformazione locale, e l'origine del MYI e il suo tempo di permanenza nelle acque del NWP durante le estati precedenti. Queste conclusioni supportano anche i risultati di Smith e Stephenson [2013], che hanno suggerito che il passaggio a nord ovest non diventerà facilmente navigabile per altri 40 anni, o giù di lì.

Lo studio ha anche dimostrato che ci sono un gran numero di caratteristiche di ghiaccio con spessore superiore a 4 metri su distanze superiori a 100 metri, che ha una probabilità più grande di sopravvivere per tutta l'estate. Inoltre, sono state osservate due isole di ghiaccio dentro e a sud del canale di Byam-Martin nel 2011, che non sono state incluse nella presente analisi. Queste isole di ghiaccio provenivano dalle mensole di ghiaccio lungo la costa dell'Oceano Artico di Ellesmere Island, ed erano tra i 30 e 40 metri di spessore, aggiungendo variabilità delle caratteristiche di ghiaccio pericolose per la navigazione.

4 Passaggio a Nord Ovest

Nella figura sopra la concentrazione del ghiaccio nel mare Artico il 1 ° settembre 2015, e i grafici che mostrano la durata delle aperture del passato, e le previsioni di aperture stagionali per il 2015. Nel passaggio di nord-ovest, dove il ghiaccio congela facilmente sopra le numerose isole, la chiusura è prevista per la seconda metà di settembre, seguita dal lato nord-est nel mese di ottobre quando il ghiaccio costiero riappare, e chiude il percorso.

Paolo Lui mpi end

Meteo Portale Italia © Riproduzione riservata

Homepage   Chi siamo   Info-Contatti-Archivio   Lavora con noi   Privacy e Cookies   Note legali

Seguici anche su

facebook-logo ter Twitter-icon-60-pz google-plus-logo 3 linkedin 60 px  youtube 60px rss icon 60x60

Logo-MPI-fine-articolo-JPG

Meteo Portale Italia - MALU s.r.l. - C.F. e P.IVA 08683291002

Copyright © 2011-2015 Meteo Portale Italia. Tutti i diritti riservati.


Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Webcam multi tipo

citta

traffico

montagne

italia-montagne

italia-montagne2

spiagge

cielo

animali

luoghi-tipici

radio-e-tv

scientifiche

sport-e-eventi

laghi fiumi parchi

video-da-webcam